Grafemi

Segni, parole, significato.

Con le dovutissime proporzioni

Avere un blog. Scrivere in un blog. Aggiornare il blog.

Dieci anni fa, non esisteva nemmeno la parola per dirlo. Ora, ci troviamo (in quanti milioni?) a buttare giù parole su parole, proponendo, costruendo, giorno dopo giorno, post dopo post, una nostra visione del mondo, della vita, dell’arte.

Sto leggendo, consigliato da  Sabrina, il “Diario di una scrittrice” di Virginia Woolf. E ho trovato qualcosa che, con le dovute proporzioni, potremmo dire pure noi, di ciò che stiamo facendo qui, sulla rete. Se non altro nelle intenzioni. Mi è venuto voglia di ricopiarlo, e di metterlo qui. Un altro tassello della mia costruzione.

 

“Ma quel che più conta è la mia convinzione che l’abitudine di scrivere così, solo per il mio occhio, è un buon esercizio. Scioglie le giunture. Poco importano le cilecche e le papere. A questa velocità devo sparare al mio argomento i colpi più diretti e fulminei, e così devo mettere mano alle parole, e sceglierle e lanciarle, senza maggiore indugio di quanto me ne occorre a tuffare la penna nel calamaio.

[...]

Per di più mi appare in lontananza l’ombra di non so che forma alla quale potrebbe giungere un diario. Potrei, con l’andare del tempo, imparare che cosa si può farne, di questa materia di vita slegata e vagante; trovarvi un altro uso oltre quello per cui la impiego adesso, tanto più consapevolmente e scrupolosamente, nella narrativa. Che tipo di diario vorrei fosse il mio? Un tessuto a maglie lente, ma non sciatto; tanto elastico da contenere qualunque cosa mi venga in mente, solenne, lieve o bellissima. Vorrei che somigliasse a una scrivania vecchia e profonda o a un ripostiglio spazioso, in cui si butta un cumulo di oggetti disparati senza nemmeno guardarli bene. Mi piacerebbe tornare indietro, dopo un anno o due, e trovare che quel guazzabuglio si è selezionato e raffinato da sé, coagulandosi, come fanno misteriosamente i depositi di questo genere, in una forma; abbastanza trasparente da riflettere la luce della nostra vita, eppure ferma, un tranquillo composto che abbia il distacco di un’opera d’arte.”

Virginia Woolf

(da Diario di una scrittrice, Virginia Woolf, ed. minimum fax, trad. Giuliana De Carlo)

About these ads

Un commento su “Con le dovutissime proporzioni

  1. Laura
    29/10/2009

    Grazie per aver condiviso queste parole tanto vere e importanti, da leggere e rileggere…

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/10/2009 da in Blog, Letteratura con tag , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Unisciti agli altri 343 follower

Post consigliati

Vicini di banco

Così ho scritto.

di Matteo Zocchi

Food & Wine Tuscany

The Best Restaurants and Local Typical of the Tuscany

This is Just a Ride

Ragazzi, quando morite vi servono di tutto punto. Spero con tutta l'anima che quando morirò qualcuno avrà tanto buonsenso da scaraventarmi nel fiume o qualcosa del genere. Qualunque cosa, piuttosto che ficcarmi in un dannato cimitero. La gente che la domenica viene a mettervi un mazzo di fiori sulla pancia e tutte quelle cretinate. Chi li vuole i fiori, quando sei morto? Nessuno.

Bagaglio a mano...

...leggero, per dare più peso al viaggio.

LET ME TALK ABOUT...

https://www.facebook.com/giuliosmoke88

Il Blog di Beatrice Guarrera

Notizie e punti di vista sui più interessanti fatti di attualità

Viglions Blog

"Bisogna prendere speciali precauzioni contro la malattia dello scrivere, perché è un male pericoloso e contagioso."

The top 10 of Anything and Everything!!!

The top 10 of just about anything everything, from cakes to cats and dogs to caravans. Always a laugh, always worth seeing.

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

for the love of nike

for the love of nike

L'inverno del nostro scontento

(where the strange things are)

Feed Only via TSS Team

Humani nihil

Angolo di riflessione sui miracoli della creatività umana

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 343 follower