Grafemi

Segni, parole, significato.

Il giorno della smemoria

I giorni della memoria o del ricordo – celebrati con più o meno pompa dalle autorità pubbliche – finiscono per contenere, al loro interno come uova pasquali, il tentativo di dimenticare qualcosa. L’esempio più eclatante è il 27 gennaio – il giorno dedicato alla memoria della Soah – nel quale politici ex fascisti celebrano la tragedia del popolo ebraico come se si inginocchiassero davanti alla tomba di un caro estinto: la stessa faccia contrita ed innocente. E’ come se un assassino, dopo aver scontato la sua pena in contumacia, e senza aver mai assunto sulle proprie spalle la responsabilità del gesto efferato, si presentasse alla tomba della sua vittima con un mazzo di fiori.

La giornata della Memoria, in Italia, si è trasformata in una farsa politica, in un grandioso processo di assoluzione senza processo: viene celebrata, infatti, senza che sia mai stata istituita, e quindi celebrata, una giornata della Colpa. Il 27 gennaio è diventato l’emblema del classico comportamento italiano, che consiste nel fare il frocio con il culo degli altri: in questo caso, il culo lo mettono i tedeschi, che, nell’immaginario collettivo, sono diventati gli unici responsabili dell’Olocausto.

Le leggi razziali del 1938 non rappresentano l’atto più infame del regime fascista: peggio di questo, infatti, ci sono le sette ovazioni che la piazza di Trieste, nel settembre del 1938, tributò a Mussolini quando le annuncio; ancora peggio, furono gli atti solerti ed impiegatizi che gli uffici “dell’anagrafe e della razza” misero in atto nel 1939, compilando le liste degli ebrei che poi sarebbero stati deportati nei campi di concentramento dai tedeschi. Ma si sa, la Storia attuale – in mano ai comunisti, secondo alcuni – dice che Mussolini si limitò a compiacere ad Hitler, ma che non si diede mai seguito alle leggi – siamo italiani, in fondo, popolo di abusivi e presidenti del consiglio con la fedina penale sozza. Ma: “Coloro i quali credono che noi abbiamo obbedito a imitazioni sono poveri deficienti cui non sappiamo se dirigere disprezzo o pietà”. Anche se lo stile è di Gasparri, la frase è di Mussolini. Il razzismo non fu un caso, non fu un errore, non fu una parentesi, ma l’espressione più pura del fascismo stesso.

Di tutto questo, però, non si parla durante il giorno della Memoria – che diventa, invece, il giorno del seppellimento, o della mistificazione, della verità. I film celebrano i “fascisti buoni”, quelli che salvarono gli ebrei; si dedicano, o si tenta di dedicare, strade ad Almirante, in una sorta di tentativo di azzerare il passato. Cristallizzando il fascismo in quest’unico atto (certo, non marginale), riducendo l’orrore del ventennio all’olocausto, si è riusciti a nascondere tutto il resto: in Italia – e la cosa dovrebbe risultare incredibile – non esiste una giornata in onore dei martiri del fascismo!

Oggi è la giornata che celebra le vittime delle foibe. La Destra, che dal ’45 ha cercato, con caparbia ed ostinazione, di raccontare la Storia dalla parte dei Fascisti (unici difensori dei confini Italiani nei confronti delle orde slave: questa la versione che i nostri figli dovranno ascoltare a scuola), finalmente è riuscita nel suo intento. Della Seconda Guerra Mondiale, e dei vent’anni che l’hanno preceduta, rimangono quindi due eventi: il 27 gennaio, nella quale si ricordano gli eccidi dei nazisti, e il 10 febbraio, nella quale si ricordano gli eccidi degli jugoslavi. Non manca niente, in mezzo?

Ecco, personalmente non sono contrario alla celebrazione di una giornata che commemori le vittime di un’ingiustizia sanguinosa come fu quella che macchiò il Carso alla fine della Seconda Guerra Mondiale – non lo sono in senso assoluto, ma lo sono, invece, e molto duramente, in senso relativo. Cioè la riconoscerò solo dopo che l’Italia avrà avuto il coraggio di celebrare una giornata della Colpa, anche cumulativa, nella quale si chiederà scusa all’Etiopia, alla Libia, ai popoli slavi sottoposti alla nostra barbara invasione – e al popolo Italiano, che ha dovuto subire il giogo del fascismo per vent’anni. E quel giorno, non voglio vedere Gasparri o Fini in giro a fare genuflessioni.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

Un commento su “Il giorno della smemoria

  1. secondaparte
    17/02/2009

    OHI!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/02/2009 da in Politica, Storia con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.880 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: