Grafemi

Segni, parole, significato.

Con le dovutissime proporzioni

Avere un blog. Scrivere in un blog. Aggiornare il blog.

Dieci anni fa, non esisteva nemmeno la parola per dirlo. Ora, ci troviamo (in quanti milioni?) a buttare giù parole su parole, proponendo, costruendo, giorno dopo giorno, post dopo post, una nostra visione del mondo, della vita, dell’arte.

Sto leggendo, consigliato da  Sabrina, il “Diario di una scrittrice” di Virginia Woolf. E ho trovato qualcosa che, con le dovute proporzioni, potremmo dire pure noi, di ciò che stiamo facendo qui, sulla rete. Se non altro nelle intenzioni. Mi è venuto voglia di ricopiarlo, e di metterlo qui. Un altro tassello della mia costruzione.

 

“Ma quel che più conta è la mia convinzione che l’abitudine di scrivere così, solo per il mio occhio, è un buon esercizio. Scioglie le giunture. Poco importano le cilecche e le papere. A questa velocità devo sparare al mio argomento i colpi più diretti e fulminei, e così devo mettere mano alle parole, e sceglierle e lanciarle, senza maggiore indugio di quanto me ne occorre a tuffare la penna nel calamaio.

[…]

Per di più mi appare in lontananza l’ombra di non so che forma alla quale potrebbe giungere un diario. Potrei, con l’andare del tempo, imparare che cosa si può farne, di questa materia di vita slegata e vagante; trovarvi un altro uso oltre quello per cui la impiego adesso, tanto più consapevolmente e scrupolosamente, nella narrativa. Che tipo di diario vorrei fosse il mio? Un tessuto a maglie lente, ma non sciatto; tanto elastico da contenere qualunque cosa mi venga in mente, solenne, lieve o bellissima. Vorrei che somigliasse a una scrivania vecchia e profonda o a un ripostiglio spazioso, in cui si butta un cumulo di oggetti disparati senza nemmeno guardarli bene. Mi piacerebbe tornare indietro, dopo un anno o due, e trovare che quel guazzabuglio si è selezionato e raffinato da sé, coagulandosi, come fanno misteriosamente i depositi di questo genere, in una forma; abbastanza trasparente da riflettere la luce della nostra vita, eppure ferma, un tranquillo composto che abbia il distacco di un’opera d’arte.”

Virginia Woolf

(da Diario di una scrittrice, Virginia Woolf, ed. minimum fax, trad. Giuliana De Carlo)

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

Un commento su “Con le dovutissime proporzioni

  1. Laura
    29/10/2009

    Grazie per aver condiviso queste parole tanto vere e importanti, da leggere e rileggere…

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/10/2009 da in Blog, Letteratura con tag , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.279 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

aroundelisa

l'unica guida online per eleganti giramondo

Pensieri nella Nuvola

"Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni" - W.S.

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

l'inventore di mostri

di Valeria Zangrandi

Grado Zero

Rivista Culturale Online

quellocheVale

prontuario di poesia - e non solo - per tempi difficili

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

L'uomo di pezza

di michele maltauro

bookpills

Prendo penna e taccuino e mi misuro sulle distanze lunghe e su quelle brevi.

Lo scatolone di Aghia Sophia - recensioni e bla bla bla -

Quando non scrivo, dormo. Quando dormo, penso. Nel mio cervello letteratura, musica, cinema, internèt etc. Nello spazio che resta trovate un elefante.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.279 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: