Grafemi

Segni, parole, significato.

La presentazione

Palace of the End

Editoria indipendente, scrittura indipendente, libreria indipendente: non sono sicuro che basti mettere insieme queste tre cose per ottenere qualcosa di buono, ma di sicuro aiuta.

Mercoledì scorso, il 27 gennaio, in una Padova come sempre sonnecchiosa – un freddo cane -, alla bellissima Libreria Effetti Personali (la si trova su Facebook) di Cristiana Pisani (pure lei su Facebook), un manipolo di sognatori pieni di entusiasmo si è riunito per presentare il libro “Palace of the End”, di Judith Thompson.

Lo ammetto, era la mia prima volta. In tutti gli anni, i giorni, le sere che hanno preceduto quel mercoledì, non avevo mai presentato un libro. E d’altra parte, presentare un libro non è la tipica attività che compie un ingegnere, no? Ma quando mi hanno chiesto di farlo, quando mi sono proposto di farlo – le due cose sono successe assieme, come nei migliori matrimoni – ho capito che non potevo e non dovevo tirarmi indietro. Conoscevo bene il libro – ne avevo fatto anche una recensione – ma mancava tutto il resto. Allora mi sono guardato un po’ intorno. In fondo, si trattava di un progetto, cioè uno di quei project che mi trovo a gestire tutti i giorni. Ci ho pensato sopra per uno o due giorni, fino a che non mi è venuto in mente Matteo Scandolin di Inutile Opuscolo Letterario. Avevo conosciuto Matteo tramite la rivista Inutile, della quale è redattore; e ci eravamo incontrati in occasione della presentazione dell’Associazione Inutile, della quale, invece, è Presidente. Mi erano piaciuti l’entusiasmo, e la competenza, e la capacità di metterci la faccia. Ci siamo reincontrati un mercoledì sera, a Padova, per uno (poi due) spritz. E abbiamo capito che ci credevamo tutti e due allo stesso modo.

Francesco Coscioni

Intanto la Neo Edizioni, con Francesco Coscioni e Angelo Biasiella, si è mossa con i suoi mezzi: contatti con la stampa, contatti con la libreria (che ero andato a trovare in avanscoperta quando ancora non sapevamo bene né dove né quando: talmente inesperto, io, che quando Cristiana, la proprietaria della libreria, mi ha chiesto se avremmo portato noi i “lettori”, io ho risposto: “Be’, ne portiamo un po’ noi, un po’ voi, più sono e meglio è!”: lei intendeva le persone che leggono il testo durante la presentazione, io le persone che leggono i libri in generale…), e alcune indicazioni su come muoversi.

In parallelo, Matteo ha trovato due attori di teatro, Paolo Zaffaina e Chiara Canton. Con un giro di mail – una trentina – e qualche telefonata, abbiamo definito ogni particolare della presentazione: la sequenza delle letture, le cose da dire, i tempi, le musiche, le foto da proiettare. Alla fine, dopo esserci confrontati su ogni aspetto, abbiamo sentito, tutti, contemporaneamente, che la somma delle parti (le parti saremmo stati noi) era qualcosa di diverso da noi. Un collettivo? Se siamo disposti a non prendere troppo sul serio questa definizione, sicuramente sì; e noi, siamo disposti a non prendere troppo sul serio questa definizione. Per cui, a margine di questa presentazione, è nata anche un’idea sulla quale conto di tornarci a breve.

Mano a mano che si avvicinavano i giorni, aumentava, lo ammetto, l’apprensione per la serata. Ma poi, quando è arrivato mercoledì 27 gennaio – che belle, che potere evocativo hanno,  le date! -, quando abbiamo iniziato a trovarci un po’ alla volta in centro a Padova, per un caffè al Pedrocchi, per uno spritz al Pilar, per un altro spritz al Nazionale, quando ci siamo visti in faccia – io non avevo mai conosciuto gli attori Paolo e Chiara; Francesco e Angelo, gli editori, conoscevano solo me – è stato come trovare vecchi amici e.. insomma, quelle solite cose che  a scriverle sembrano banalità, ma che quando le vivi sulla tua pelle, ti fanno tutto un altro effetto.

La presentazione era fissata per le 20.30. Un po’ alla volta, la libreria si è riempita. Ecco Renato, sempre gentilissimo; ecco il grande Riccardo, in arte Sir Richard, l’autore della caustica ed imperdibile raccolta di racconti “Carta vetrata“; ed ecco anche Matteo Righetto, del quale avevo recensito il suo “Savana Padana“, e che gentilmente è venuto a trovarci – una bellissima persona, che spero di ritrovare presto. E poi Raffi, Fedora, Marco, Carlo, Marcello – e mia moglie, e Mirella, e Giulia Belloni, e un sacco di persone che non avevo mai visto. Quando non c’era neanche più lo spazio per poter aprire la porta, abbiamo iniziato. Matteo era il conduttore della serata, e subito ha rotto il ghiaccio con la sua istrioneria.

Noi

Francesco Coscioni ha parlato della Neo Edizioni; poi io ho descritto il libro, mettendoci dentro,  a grandi linee,  anche le mie idee circa gli obiettivi della letteratura. E quindi Chiara e Paolo hanno letto – no, non basta questo verbo: hanno dato la vita – ai pezzi del libro. Lo conoscevo bene, il testo – avevo contribuito a scegliere i pezzi – ma sentirli in quel modo, con quelle voci, quegli sguardi… be’, pelle d’oca, e commozione vera. E vedere che ogni persona che è stata coinvolta in questo progetto ha dato tanto, ha dato tutto, senza ricevere niente in cambio – niente di concreto, intendo – mi ha fatto capire che amare l’arte significa – è un sinonimo –  essere generosi. C’era cuore, nelle voci di Paolo e Chiara. Il libro è duro; rappresentato in questo modo, diventa una lama conficcata nel cuore. E se lo scopo della letteratura è aiutarci a conoscere meglio se stesssi, credo che la serata abbia raggiunto il suo scopo.

Abu Ghraib

Poi, riacccese le luci, è stato tutto un chiacchierare, uno scambiarsi commenti, un abbracciarsi.

Alle undici, ci siamo spostati in pizzeria, dove, davanti ad una birra e ad una pizza, abbiamo parlato per due ore di teatro, libri, editori, e ancora libri. E quando sono andato a dormire, dopo le due, ammetto di aver impiegato cinque ore per addormentarmi…

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

8 commenti su “La presentazione

  1. api
    31/01/2010

    bello leggere di questo, Paolo…sorrido al tuo essere impacciato, ai tuoi lettori portati in tasca…alle ore notturne d’insonnia…
    ma quanta importanza questa tua, vostra reciproca intesa! inaspettata quanto inevitabile!
    che sia collettivo, allora, ché il senso del termine non vada dimenticato, ma praticato nei nostri piccoli significanti atti quotidiani.
    un abbraccio e buon lavoro!
    api

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      31/01/2010

      Eh eh, l’idea del collettivo è rimasta così, nell’aria… vediamo se un po’ alla volta riusciamo a riempirla di contenuti. La nostra prossima iniziativa ha a che fare con una rappresentazione di Paolo e Chiara, che si terrà l’11 marzo a Mirano (non Milano, e neanche Murano: è proprio Mirano, piccolo paese vicino a Venezia). Non so cosa potrò fare io per l’occasione – vendere i biglietti? luci? mah! – ma so già che ho tanta voglia di metterci qualcosa di mio! E per aprile, o per maggio, stiamo già iniziando a pensare una presentazione incrociata di due libri che usciranno in quel periodo, scritti proprio da due del collettivo… Inizio a sentire l’aria un po’ frizzante! 😀
      Buona serata!
      Paolo

      Mi piace

  2. Diegui
    31/01/2010

    Pablito. Hai conosciuto la Cri! Lei è parte di quel giro di amici patavini ormai fraterni. Libreria splendida. Felice ci sia incappato. Magari una sera ci si vedrà da lei. A presto!

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      01/02/2010

      Diego, questo tuo commento arriva come un imprimatur! Libreria davvero splendida – il luogo ideale dove scegliere un libro. Fammi sapere quando sei da quelle parti, che questi cortocircuiti sono la mia felicità.
      Ti abbraccio!

      Mi piace

  3. Peppermind
    02/02/2010

    Che bello essere così attivi, io non ricordo più come si fa 😛

    Ben fatto, comunque, ben fatto tutto, e ben goduto.

    Mi piace

  4. Il gentilissimo Renato
    03/02/2010

    Io leggo troppo poco e frequento pochissime librerie (a meno di definire “libreria” l’ultima parte del percorso obbligato che ci conduce all’uscita dell’autogrill, dopo il prosciutto al pepe e la pancetta steccata).
    Mi sentivo un po’ fuori luogo, quella sera, ma la freccia appuntita che avete tirato mi ha beccato lo stesso.
    Proprio qui.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      03/02/2010

      Non credere che io sia un gran frequentatore di presentazioni o di librerie… su questo fronte, arranco come posso – ma vorrei avere tanto tempo in più.
      La prossima volta, però, voglio che ti fermi a cena anche tu! 😀
      Un abbraccio, caro Renato, e ancora grazie – ho davvero apprezzato tantissimo la tua presenza!

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.851 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: