La consapevolezza dei personaggi

I villains destano un particolare interesse negli artisti, tanto che se ne incontrano di più nell'arte che nella vita. Poiché il mezzo di comunicazione della letteratura è il linguaggio, le persone utilizzabili nelle opere letterarie devono possedere una certa consapevolezza. Possono essere di due tipi: 1) persone non effettivamente consapevoli ma rese tali, o 2)... Continue Reading →

Annunci

Popolo bue

Cura di noi? E come no? Finora di noi non si sono mai curati. Ci lasciano morire di fame mentre i loro magazzini sono zeppi di grano: fanno leggi contro l'usura per sostenere gli usurai, respingono quotidianamente buoni provvedimenti sfavorevoli ai ricchi e quotidianamente inventano leggi più dure per incatenare e calpestare i poveri. Se... Continue Reading →

Zeppelin

Al Salone del Libro, molte persone mi hanno chiesto chi avesse disegnato la copertina di "Antropometria", il libro di racconti che ho pubblicato con la Neo Edizioni. Lo ammetto: sono molto contento della copertina. E' stata scelta dagli editori, e rappresenta esattamente quello che intendevo dire. L'autore è Toni Alfano. Il quadro appartiene ad una... Continue Reading →

Antropometria

Al Salone Internazionale del Libro di Torino, ci sarà anche il mio libro di racconti, "Antropometria", pubblicato da Neo Edizioni. In realtà si tratta di un'anteprima, nel senso che il "lancio" vero e proprio avverrà dopo l'estate (anche se il 5 giugno, a Minori, sulla Costa Amalfitana, dovrebbe esserci una prima presentazione... ma scrivo qualcosa... Continue Reading →

Il sogno dello scrittore

Non c'è scrittore che non nutra il sogno di trasformare chi legge in uno spettatore: c'è mai riuscito qualcuno? I pallidi organismi degli eroi letterari, alimentati sotto il vigile occhio dell'autore, crescono per gradi con la linfa vitale del lettore; perciò la genialità di uno scrittore consiste nel conferire loro la capacità di adattarsi a... Continue Reading →

Il falò della verità

Platone disprezzava le rappresentazioni teatrali: riteneva che le tragedie, come le commedie, umiliassero l'uomo con l'inganno. Gli attori, gli attori che ridono, che piangono, che muoiono in scena, non sono ciò che dicono di essere: Edipo si è già cavato gli occhi dalle orbite, Aiace impazzito ha già ucciso gli armenti credendoli i suoi odiati... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

alemarcotti

io e la mia vita con la sclerosi multipla

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

RdC: la rubrica del complimento

Mi prendo in giro da sempre. Perchè smettere proprio ora?

Settepazzi

Riflessioni sulla letteratura Latinoamericana di Antonio Panico

50 libri in un anno

COLLETTIVO UMILE DI LETTORI E RECENSORI

Cartoline dalla Terra dei Libri

Leggo un libro, scrivo una cartolina

Tre racconti

Storie brevi e voci nuove

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: