Grafemi

Segni, parole, significato.

Smoke

Non ho voglia di scrivere l’intera vita di Jean Genet in un post – si trovano tante informazioni, in giro, su di lui, che non ne vale la pena. Solo i dati essenziali: francese, abbandonato appena nato, tirato su da una famiglia che lo teneva per avere i sussidi riservati a chi accoglieva un orfanello, trascorsa la prima adolescenza in collegio, dove consolida la sua omosessualità, vive di furti e piccoli espedienti, che, dopo una parentesi nella Legione Straniera, lo portano in prigione prima, durante, e dopo la Seconda Guerra Mondiale. In carcere, scrive tre romanzi scandolosi sulla carta igienica. Pubblicati in numero limitato di copie, diventano  presto un vero caso letterario, grazie anche a Cocteau e a Sartre; quest’ultimo scrive una biografia  su Genet quando questi aveva poco più di 40 anni. Negli anni sessanta Genet scrive per il teatro, ma, di fatto, non riesce più a ritrovare la vena che l’aveva ispirato in gioventù.

Ma oltre che di letteratura – romanzi e teatro -,  si occupò anche di cinema, anche se un po’ di sfuggita. Alla fine degli anni quaranta (vado a memoria: potrei sbagliare la data di qualche anno) gira un cortometraggio che si svolge in un carcere – uno dei luoghi che maggiormente ispiravano la sensualità di Genet. Attraverso un foro praticato in un muro, due detenuti, che non possono vedorsi, si scambiano il fumo di una sigaretta. In questo gesto d’amore disperato, che nasce in un contesto di degrado e privazione, si ritrova il senso profondo dell’aforisma di Jean Genet: “il genio è disperazione superata a forza di rigore”. Dura due minuti e dieci: assolutamente da vedere.

—–

Su Jean Genet, consiglio il meraviglioso Ladro di Stile di Edmund White.

ladro di stile jean genet edmund white

Ladro di stile - Edmund White

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

Un commento su “Smoke

  1. perdamasco
    19/08/2010

    “Negli anni sessanta Genet scrive per il teatro, ma, di fatto, non riesce più a ritrovare la vena che l’aveva ispirato in gioventù.

    Capita, quando si conosce il proprio genio, quando si impara a convivere con il proprio genio, quando si può stare in silenzio con il proprio genio perché “tutto è stato detto, fatto, finito.”

    E’ il silenzio dell’ultimo atto sulla croce, se vuoi.

    “il genio è disperazione superata a forza di rigore”.

    Di per sé, questa affermazione è verissima, ma, la rifiuto perché sembra detta da un Io compiaciuto di sé.

    Si può dire “genio” la forza del rigore che permette ai castrati da religione di superare il lutto per la tacitazione del loro desiderio sessuale?

    Si può dire “genio”, la forza di un rigore da disperazione che in effetti potrebbe celare, non un arte (o il genio) ma solo una malattia mentale?

    Oltre che al Genet (e anche per me in più volte e casi) l’affermazione identifica solamente i geniali da dolore. In questo senso è di parte. Sarà anche per questo che non mi piace.

    Una notte di qualche tempo fa incontro due tossici. Uno dei due mi chiede: Vitaliano, come si fa a capire la vita?

    Bisogna farsi un culo così, ho risposto, ma non è detto che voi siate adatti! 🙂

    Ecco, genio, (se me lo permetti) è anche un far capire svaccando quanto si dice.

    Ciao

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/08/2010 da in Aforismi, Arte, Cinema, Letteratura, Scrittura con tag , , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.973 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: