Grafemi

Segni, parole, significato.

E’ uscito “Antropometria”

Dopo un’attesa durata qualche mese, improvvisamente è uscita la mia raccolta di racconti “Antropometria”, edito dalla casa editrice Neo Edizioni.

Il titolo non l’ho scelto io: ma è quello che avrei scelto io se mi fosse venuto in mente. D’altra parte, era sufficiente sfogliarel il libro, per trovarla: la parola “antropometria” compare già nella seconda facciata del primo racconto – anche se il personaggio che la pensa non sa il motivo per il quale gli è venuta in mente (io, che quel racconto l’ho scritto, invece lo so).

Quando ero piccolo, pensavo che mi sarebbe piaciuto molto scrivere un libro. Mi sarebbe piaciuto molto girare un film, se è per questo, e mettere su un complesso musicale che mescolasse gli stili dei Queen e Police – anche se non sarei mai stato in grado di dire in che modo. (e non sono in grado di dirlo neanche adesso: che c’entrano, tra di loro?). Un po’ alla volta, quei sogni da bambino si sono confrontati con la vita, e si sono dissolti. Non trovavo nessuno con cui suonare. E mi è sempre mancata qualsiasi capacità estetica di decidere cosa è meglio tenere dentro all’obiettivo di una macchina fotografica e cosa lasciare fuori. Avevo anche rinunciato a scrivere, a dire il vero, ma a 35 anni e mezzo ho aperto un blog – prima ancora di sapere cosa significasse la parola blog.

Il blog è stata una delle esperienze intellettuali più importante della mia vita – più dell’Università, e solo un pochino meno del Liceo. Ed è stato grazie al (o per colpa del) blog, che il mio sogno di scrivere un libro alla fine è diventato una cartacea realtà.

Alla fine del libro, ho messo anche i ringraziamenti. Lo ammetto, considero un po’ provinciale scrivere i  ringraziamenti alla fine di un libro. E se proprio devono esserci, che non superino due righe. Io, ho scritto due pagine, e ho dovuto lasciare fuori qualcuno. E’ il primo, mi sono detto: per i prossimi, se mai verranno, prometto di essere molto più chic.

Oltre al titolo, neppure la copertina l’ho scelta io. Ma se avessi saputo che esisteva il quadro che gli editori hanno scelto, be’, l’avrei voluta anch’io. Per un motivo che non conosco, è esattamente ciò che avrei disegnato se invece che un libro avessi deciso di dipingere un quadro. L’autore è Toni Alfano. La copertina è questa:

Antropometria - Paolo Zardi

Antropometria - Paolo Zardi

A questo punto, dovrei parlare del libro – almeno due righe. Ma non so cosa dire. Mi rappresenta? In parte – una raccolta di racconti viene messa su in due anni, e poi ce ne vuole un altro perché veda la luce, e nel frattempo un po’ si cambiano i gusti, le aspirazioni, i desideri… Ma lo sento comunque ancora mio – e gli voglio bene, e ho quel piccolo timore paterno di vederlo uscire con le sue gambe.. ce la farà? Riuscirà a fare qualche passo da solo? Chissà. Io proverò ad accompagnarlo con qualche presentazione – ne stiamo organizzando due o tre, qua e là, cercando di fare qualcosa che sia sempre interessante.

Ma qualcosa devo scrivere – sennò questo post che senso ha?

Prima cosa: un’anteprima che si trova sul sito Issuu.

Poi, prima di chiudere, copio la quarta di copertina, scritta dagli editori, che secondo me coglie abbastanza bene il nocciolo del libro.

Antropometria: misurazione dell’essere umano, del corpo e delle sue componenti; ma anche, come suggerisce Paolo Zardi, misurazione di esistenze, di relazioni, di micro mondi dentro cui ogni suo racconto si muove per coglierne le fratture, i cambiamenti, le trasformazioni inattese.

È l’evento inaspettato il fulcro attorno al quale ciascun personaggio tenta di riscrivere i contorni della propria vita e dei propri rapporti: una donna accecata dall’odio quando improvvisamente si scopre affetta da una malattia rarissima, un’improvvisa richiesta d’aiuto che pone due cugini di fronte ad una scelta impensabile, una donna avanti negli anni che scopre un amore imprevisto, un padre che, suo malgrado, capisce cosa significa essere madre.

Vite, accenni, spaccati, desideri accomunati tutti da piccoli o definitivi cedimenti.

Con uno stile ed uno sguardo che qualificano un personalissimo verismo massimalista, Paolo Zardi costruisce storie in cui qualcosa “improvvisamente” salta, si altera, deflagra.

16 racconti dove l’autore mette in scena scorci di umanità a cui, con l’intensità della propria penna, ridà spessore e distanze che altrimenti non potremmo vedere, né percorrere, o tantomeno misurare.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

6 commenti su “E’ uscito “Antropometria”

  1. testimongarli
    07/10/2010

    Evviva!

    Mi piace

  2. Nicola Pezzoli
    07/10/2010

    Evvaiiii!!!

    Ma porca zozza, il mio affollato blog roll se ne scorre così in fretta che stava per sfuggirmi proprio il post più atteso in assoluto. Grande Paolo! Mi sono divorato con ingordigia l’assaggio di racconto (se il buon giorno si vede dalla… notte nel parco, il tuo è un gran libro!). La copertina è davvero stupenda, non vedo l’ora di avere tutto il libro fra le mani. Ora lascio il commentino e poi mi fiondo su ibs…
    Sono davvero felice per te, te lo sei meritato!
    Un abbraccio e a presto!

    Mi piace

  3. morenafanti
    12/10/2010

    La copertina è una meraviglia e sono certa che ‘il dentro’ del libro sia adeguato al ‘fuori’ 😉
    Bravo Paolo.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/10/2010 da in Editoria, Letteratura, Racconti, Scrittura con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.880 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: