Grafemi

Segni, parole, significato.

Predprihodnji čas

Sedim na plastičnem sedežu avtobusa št. 7, na Korzu Združenih držav, smer železniška postaja, zadovoljen, da sem dobro opravil posel, na kolenih imam torbo z računalnikom. Ti sediš na skuterju Aprilia SR, noge ti pokriva črno platno, na čeladi imaš plišasta ušesca in vetrobran, ki te ščiti pred dežjem; sediš vzravnano, s tipično žensko držo in ne veš, da boš čez slabo minuto umrla. Pred mano sedi dekle, ki zgleda kopija ene mojih sošolk iz osnovne šole, le da je ta deset let starejša; ti medtem dohitiš veliko okno, skozi katerega gledam mokro padovansko industrijsko cono: bežno vidim petsto metrov daleč Seat Leon, ki čaka na križišču, in se nasmehnem, ko zagledam velik svetlobni plakat “Stavbno pohištvo Cacco”; potem se mi pogled ustavi na tebi, vendar je šipa na tvoji čeladi zatemnjena in ne morem dognati, kakšne so poteze tvojega obraza. Še vedno voziš naravnost, vzporedno z nami, pod rahlim dežjem, medtem ko tu notri črnopolti fant odstopi svoj prostor moškemu, ki se ni imel za posebno starega. Še malo in te bomo prehiteli in ti, ki boš zaostala, boš čelno trčila v avto, ki ti ne bo dal prednosti; mi bomo slišali le topi zvok pločevine, ki se je ukrivila, spraševali se bomo, kaj se je godilo, nekdo bo rekel avta sta trčila, nekdo drug bo po padovansko dodal: «Kakšen tresk!» in potem bomo spet brali svoje knjige, poslušali Beatle na Ipodu, se spraševali, kako to, da nismo opazili, kdaj smo se postarali. Medtem bo tvoja mama kuhala pašto za večerjo, zdravnik te bo skušal oživljati, s sklenjenimi rokami bo stotrikrat na minuto pritisnil na tvoj prsni koš, kar je natanko čas, da se skuhajo Barillini metuljčki; vdali se bodo, ko bo tvoja mama odcedila pašto in se bo spraševala, zakaj tako zamujaš. Ob pol devetih te bo s potnimi rokami poklicala na mobilni in na drugi strani se bo neki moški usedel in počakal bo, da še enkrat pozvoni, pa še enkrat, preden bo zbral dovolj poguma, da odgovori njej, ki te je rodila, in ji pove, kaj se ti je zgodilo; in na tej strani sveta se bo tvoja mati sesedla in bo zmedena zakričala «O Bog, o moj Bog!». Tvoj oče bo vstal z naslanjača, potem ko je komaj začel gledati poročila o Obamovi zmagi, in bo s tesnobo v srcu šel proti kuhinji; ko bo videl ženo na tleh, bo takoj vse razumel; pokleknil bo k ženi, ki jo je vedno ljubil, in jo bo objel nežno, kakor da bi bila iz stekla, skupaj bosta jokala in ne bosta mogla verjeti: tvoja mati se bo spomnila tvojega rojstva, tvoj oče bo pomislil, kako si mu prvič rekla, da ga imaš rada. Potem se bo sčasom tvoja sobica spremenila v posvečen kraj in tvoje stvari bodo postale male relikvije; tvoja mama bo naslednja leta preživela ob poslušanju vseh cedejev tvoje zbirke, prekinjene leta 2009, pestovala bo prvega medvedka, ki ti ga je podarila; tvoj oče se bo vedno bolj zapiral v svoj molk. Med tem časom pa bomo mi, avtobusni potniki, že prišli domov: ko je tvoja mama vtipkavala telefonsko številko, sem jaz že povečerjal; ko se je sesedla, sem si že umil zobe; medtem ko sta se tvoja starša peljala proti bolnici in je le njuno ihtenje od časa do časa pretrgalo tišino, sem jaz končal knjigo, ki sem jo imel na nočni omarici. In medtem ko sta prepoznavala tvoj od smrti iznakažen obraz, sem jaz zaprl oči in se Bogu zahvalil za lep dan.

(Futuro anteriore, tratto da Antropometria di Paolo Zardi, Neo Edizioni, 2010 – traduzione in sloveno di Marjanka Ban)

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

4 commenti su “Predprihodnji čas

  1. api
    17/12/2010

    io lo sto ancora aspettando in italiano…pà, non è che mi arriva in ostrogoto, col massimo rispetto per tutte le lingue?! 😦

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      18/12/2010

      ma come non è ancora arrivato? quando l’hai ordinato? a chi? qui è necessario fare qualcosa!! 😉
      comunque no, questa versione la trovi solo alla Libreria Triestina, via San Francesco, Trieste – è in sloveno, la lingua dei miei figli
      ben tornata!

      Mi piace

  2. Renato G.
    18/12/2010

    Guarda che c’è un verbo col tempo sbagliato nel terz’ultimo paragrafo.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16/12/2010 da in Antropometria, Letteratura, Racconti, Scrittura con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.875 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: