Grafemi

Segni, parole, significato.

Diaspora

Mio padre, al quale rubo sempre un sacco di idee interessanti, mi ha raccontato che in questi giorni sta leggendo un libro scritto da un professore dell’Università di Tel Aviv nel quale viene ricostruita la storia del popolo ebraico a partire da dati storici. Le conclusioni alle quali si arriva sono sconvolgenti: secondo questo storico (che, è bene sottolineare, è ebreo, vive in Israele, insegna in un’Univerisità israeliana), la diaspora  (o meglio: le diaspore) del popolo ebraico non ha nessun fondamento. In particolare, quella del 70 d.C., che diede inizio al processo di sparpagliamento degli ebrei per tutta Europa, non avvenne mai: piuttosto, si verificarono, in molti paesi dell’Impero Romano, conversioni alla religione monoteista che arrivava dal Medio Oriente – la distinzione tra Cristianesimo ed Ebraismo ebbe luogo molto più tardi. Gli ebrei europei, dunque, sarebbero semplicemente i discendenti di uomini europei che, tra il 100 e il 300 d.C., si convertirono alla religione ebraica, e che non confluirono nel sempre più emergente Cristianesimo. Questa teoria ha, evidentemente, impatti devastanti: da un lato, fa venire meno i presupposti dello Stato d’Israele; dall’altro, svuota di qualsiasi significato le teorie naziste sulla razza ebraica. Per chi fosse interessato, il libro si chiama “L’invenzione del popolo ebraico” di Shlomo Sand. Non l’ho letto, ma conto di farlo presto, per capire se ho capito bene quello che mi ha raccontato mio padre.

E’ possibile però che, nel prossimo futuro, il termine Diaspora venga associato a qualcosa di completamente diverso. Partiamo dalla più importante applicazione software degli ultimi due o tre anni: Facebook. Attualmente, alla piattaforma di Facebook sono iscritte 500.000.000 persone. Cinquecentomilioni. Ci sono cinquecentomilioni di profili, cinquecentomilioni di schede anagrafiche con gusti, relazioni, amicizie, parentele, foto. L’applicazione è gratis; il che significa che ciò che vende Facebook non è un software per comunicare con i propri amici, ma utenti agli inserzionisti. Ho provato io stesso a inserire un’inserzione su questo formidabile motore di comunicazione, e mi sono reso conto dell’immane potenza che esso possiede: nel momento in cui io vado a creare un’inserzione, posso selezionare le caratteristiche dei destinatari, filtrando per sesso, età, zona di residenza, gusti, interessi – insomma, il sogno di chiunque faccia marketing. Apro un barbiere a Padova, e mando un’inserzione solo ai maschi padovani sopra i vent’anni; scrivo un libro, e scelgo solo gli appassionati di letteratura, che magari abbiano letto Philip Roth e Nabokov. La ricchezza di Facebook, dunque, è l’enorme, lo sconfinato archivio dei propri utenti, ai quali può mandare, in qualsiasi momento, informazioni mirate – un po’ come accadeva in Minory Report, dove la pubblicità veniva proiettata ad ogni singolo indviduo, previa lettura della retina. Ora, però, la realtà ha dimostrato che è, in realtà, questo obiettivo è molto più semplice da raggiungere.

Ma questa piattaforma, che per certi aspetti è davvero entusiasmante, ha qualche difetto: la privacy, ad esempio, che non sempre è garantita; la proprietà di ciò che viene pubblicato; per chi non lo sapesse, i diritti di tutto ciò che viene pubblicato o scritto su Facebook – foto dei propri figli comprese – sono di Facebook stessa, che ne può disporre come meglio crede; la confusione tra contatti privati (ad esempio amici, morosi) e quelli pubblici (colleghi di lavoro, aziende, ecc). Per questo motivo è nata, o sta cercando di farlo, una piattaforma alternativa il cui nome è soprattutto un auguro: Diaspora. L’idea è allettante. Personalmente, mi sono iscritto alla loro newsletter per ricevere informazioni su come evolverà questa piattaforma alternativa, che potenzialmente potrebbe attirare persone più interessate alla reale condivisione che al mero “cazzeggio”. Potrei riassumere le caratteristiche di Diaspora, ma lo fa già molto bene questo post, scritto in un blog che vale la pena mettere tra i propri preferiti. Pensiamoci. Anche se la diaspora del 70 d.C. non è mai esistita, quella del 2011 potrebbe rendere il  mondo del web un po’ migliore.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

3 commenti su “Diaspora

  1. giacinta
    05/02/2011

    Davvero singolare e, se fosse vero, sconvolgente ciò che scrivi a proposito della diaspora degli ebrei. In effetti l’origine dell’antisemitismo non è stata mai perfetamente chiarita. Avevo trovato interessante, a questo proposito un testo di R. Calimali “Ebrei e pregiudizio”. L’autore, un ingegnere ebreo, con una spiccata vocazione storiografica e letteraria, riconduce tutto proprio alla volontà dei cristiani di distinguersi dagli ebrei, agli occhi dei gentili.
    Grazie per l’indicazione!

    P.S.
    Molto bello il post dedicato a Flaubert!

    Mi piace

  2. Nicola Pezzoli
    05/02/2011

    Tesi davvero sconvolgente. Se dimostrata sarebbe anche, per come la vedo io, un ulteriore atto d’accusa contro la malapianta religioide, sotto molteplici aspetti e punti di vista.

    Per facebook ho sempre avuto un’antipatia istintiva, quasi un’allergia… Ma se mi dici che davvero, in occasione dell’uscita di un nuovo libro, permetterebbe di contattare in un colpo solo migliaia di potenziali lettori… Per quella mia iniziativa che chiamai ibs mailing, che tu ben ricorderai, lavorai duro quasi due settimane per procurarmi meno di 2000 nominativi… se qui, con un paio di click e pochi minuti di lavoro, potrei contattarne dieci o cento volte tanti, c’è da farci un pensierino…

    Mi piace

  3. vitaliano
    05/02/2011

    Ma, Paolo, il fondamento dello stato di Israele non si basa sulla “realizzata” questione della “terra promessa”?

    Correggimi se sbaglio ma, se può considerarsi diaspora anche la migrazione di un singolo, allora, è Diaspora l’esilio di un popolo dato dalla somma di singoli.

    Si, dici bene: molte le diaspore, e Diaspora la somma delle diaspore.

    Sotto questo aspetto, direi evidente che la Diaspora è una ricostruzione storica non vera se migrazione di popolo, mentre è vera se migrazione di molti.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/02/2011 da in Satura Lanx con tag , , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.850 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: