Grafemi

Segni, parole, significato.

Saviano, la Mondadori e Michela Murgia

Era un bel po’ di tempo che pensavo che Saviano avesse l’obbligo morale di lasciare la Mondadori, passando ad una qualsiasi altra casa editrice – magari, ad una piccola e coraggiosa e indipendente. Non so se l’abbia fatto o meno – so che è uscito, o sta uscendo, un suo libro per la Feltrinelli – ma nel frattempo, leggendo un articolo di Michela Murgia, e in particolare un commento lasciato da un visitatore, ho iniziato a cambiare idea.

La Murgia costruisce il suo pezzo su considerazioni tutto sommato personali. Lei, che pubblica per Einaudi, quindi gruppo Mondadori, quindi azienda di Berlusconi, sostiene di scrivere per i lettori, non per la casa editrice che la pubblica; che la contraddizione non sta nell’autore che dice certe cose e poi pubblica per Berlusconi, ma nel conflitto di interessi tra Marina Berlusconi e suo padre. Il fatto che Berlusconi guadagni dal suo lavoro, aggiunge, non è un criterio che può guidare una scelta editoriale: lo scopo di un autore è arrivare al maggior numero di persone possibili, non arricchire o impoverire un avversario politico.

Devo ammettere che nessuna delle due idee mi ha particolarmente convinto: non trovo siano sbagliate, ma mi sembrano considerazioni abbastanza vaghe. Saviano è minacciato di morte; la casa editrice che lo pubblica, invece di difenderlo, lo attacca. Non è una questione di mera editoria – qui c’entra anche la politica, e in modo fondamentale. Può essere che Michela Murgia sia schierata politicamente, ma non ha fatto delle sue idee politiche il contenuto dei suoi libri; da quello che so, i suoi libri potrebbero essere stampati da qualsiasi casa editrice, senza che vi sia contraddizione.

Il post è seguito una serie di commenti, tutti piuttosto vivaci – segno che l’argomento è interessante e che il sito di Michela Murgia è seguito da persone attente.

Un certo Davide scrive:

Non pensi che se tu e gli altri autori “dissidenti” cominciaste a migrare in massa verso altri lidi, finireste per causare un terremoto mediatico – oltre che economico – che potrebbe anche forse innescare la spallata definitiva a questo regime? Visto che a quanto pare, come sempre da un decennio a questa parte, l’opposizione è in piena narcosi, non dovreste essere voi intellettuali a dare il buon esempio? Lungi da me l’idea che l’unico parametro di moralità oggi sia Berlusconi, però, proprio perché il marciume incalza a ogni livello e minaccia di soffocarci, non sarebbe finalmente di un bel gesto forte, limpido e compatto, da parte di quei pochi autori per i quali ancora proviamo stima e affinità?

sostenendo, in buona sostanza, la mia posizione fino a questa mattina.

Parla Perte fa un’osservazione di segno contrario, che in effetti ho sempre condiviso:

cmq si possono anche non comprare i libri mondadori, non siamo obbligati…

e cioè: perché si è così severi nel chiedere agli scrittori di schierarsi politicamente e, ad esempio, non si applica la stessa severità nelle proprie scelte quotidiane?

Ma l’intervento che mi ha fatto riconsiderare il mio punto di vista è quello di Fabrizio:

Si pensa forse che posizioni anche sofferte, lotte condotte per non lasciare completamente in balia dei berlusconiani ogni cazzo di posto in questo paese siano fatte con leggerezza. Sveglia!
Il problema è Berlusconi in Einaudi, non gli scrittori in Einaudi. Se ne deve andare lui, e bisogna resistere proprio lì e proprio facendo venire mal di pancia a Marina, Piersilvio e tutto il reame. Che siano loro a cacciarli casomai.

Il problema è Berlusconi all’Einaudi, non gli scrittori in Einaudi! La presenza di Saviano in Mondadori a chi reca più danno: a Berlusconi o a Saviano?  In cosa potrebbe consistere la “resistenza” degli intellettuali impegnati di questa nostra notte civile: nell’andarsene, o nel rimanere a dire la loro? Non so quanto è probabile che Berlusconi se ne vada da Mondadori – l’unica situazione in grado di ridurre lo strapotere della famiglia Berlusconi in Italia è la rivoluzione, che in Italia non si farà mai; ma osservando la questione su un periodo più ampio, davvero sarà più semplice condannare un Saviano che rimane piuttosto di un Saviano che ha abbandonato?

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

3 commenti su “Saviano, la Mondadori e Michela Murgia

  1. Astrakan
    21/02/2011

    A suo tempo ricordo di aver letto su Nazione Indiana un pezzo molto più argomentato della Murgia sulla questione Mondadori. Mi pare fosse questo: http://www.nazioneindiana.com/2010/02/22/la-responsabilita-dell%E2%80%99autore-michela-murgia/
    è l’ultima risposta dell’intervista.
    Ciao (bel blog)

    Mi piace

  2. vitaliano
    21/02/2011

    Mi domando: per stampare il Vangelo, si deve essere necessariamente cattolici?

    Alla stregua, per stampare da Mondadori bisogna essere necessariamente berlusconiani?

    Mondadori è un ditta, non, una setta. Mondadori da lavorare a non si sa quanti operai e ditte.

    Siccome Mondadori è Berlusconi (il che non è vero perché c’è sempre l’Arnoldo nel nostro immaginario) tutti/e i non berlusconiani dovrebbero scegliere di non aver nulla a che fare con la Ditta?

    E perché un’operazione del genere non ci risulta fatta, ma la chiediamo come fatta al Saviano? Per voglia di stracciare vesti, o per voglia di stracciare un successo?

    Anni fa la società si lamentò dei mercanti di morte in quanto venditori d’armi, ma nessuno si lamentò degli operai che facendo quello che i mercanti vendevano, come minimo avrebbo dovuto essere accusati fiancheggiare quel mercato.

    Lo feci notare ad un giornale. Non rispose, e tanto meno pubblicò la lettera.

    Tornando a Saviano: può essere che non lasci perché legato da contratti che non conosciamo, può essere perché, per uno scrittore, l’Arnoldo Mondadori è più affasciante di Marina Berlusconi. Anzi, a mio avviso è proprio così.

    Non dubito sull’intelligenza di Marina Berlusconi, tuttavia, sarebbe diventata l’Arnoldo della situazione per merito proprio?

    Se non lo dimostra, ciò significa che è edizioni Mondadori, solo perché il suo papà, con la Mondadori di Arnoldo, ha comperato anche la nostra immagine dell’Arnoldo.

    Mi piace

  3. peppermind
    23/02/2011

    Poi è così difficile essere pubblicati…

    Non tutti possono permettersi di mollare Mondadori o Einaudi, e campare ancora di quei soldi, che immagino ben pochi, che provengono da ciò che si scrive.

    Io comunque, se potessi, e se mai fossi uno Scrittore, eviterei l’elefante nella stanza.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/02/2011 da in Editoria, Letteratura con tag , , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.801 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: