Città

Se il capitalismo tendeva ad estendere l’area della piazza del mercato e a trasformare ogni parte della città in un prodotto commerciabile, il passaggio dall’artigianato urbano organizzato alla produzione di fabbrica su vasta scala trasformò le città industriali in bui alveari, affaccendati a sbuffare, cigolare, stridere ed emettere fumo per dodici o quattordici ore al giorno, o addirittura senza interruzioni. L’esistenza da schiavi delle miniere, concepita in origine come punizione per i criminali, divenne la vita normale del nuovo operaio dell’industria. Nessuna di queste città tenne conto del vecchio detto All work and no play makes Jake a dull boy [Troppo lavoro e niente svago rendono sciocco l’uomp]. Coketown si specializzò nel produrre ragazzi sciocchi.

(Lewis Mumford, La città nella storia, vol. 3, Dalla corte alla città invisibile, ed. Bompiani, 1977)

Annunci

3 thoughts on “Città

  1. “All work and no play makes Jake a dull boy” devo farmelo stampare su una maglietta!!
    Qualcuno, mi pare Ernst Junger, scrisse: “La schiavitù conoscerà un forte incremento, se le si darà l’apparenza della libertà”.
    Dovessi scegliere un tratto distintivo della nostra epoca per classificarla presso i posteri, non avrei dubbi: quella in cui viviamo è senza dubbio L’Età degli Schiavi.

    Mi piace

    1. Pensa che uno studio francese del 1840, riportava che gli schiavi delle Antille lavoravano 8-9 ore al giorno, gli operai liberi in Francia tra le 14 e le 16 ore.
      Bellissima la frase di Junger, e mi pare di averla sempre pensata.
      Ciao!
      ps mentre tu scrivevi il commento, io ti stavo scrivendo una mail! 😉 già che ci sono: hai mai letto niente di Knut Hamsun?

      Mi piace

  2. Sì, abbiamo fatto il percorso inverso: ho appena visto la mail, e prometto di rispondere prima di andare a nanna o al più tardi domattina… Su Hamsun invece rispondo subito qui: di suo ho letto FAME e mi è piaciuto, te lo consiglio!

    p.s. ti consiglio anche una piccola chicca sul mio blog: seguendo il tuo esempio dei racconti eliminati da Antropometria, ho postato una pagina eliminata da Tutta colpa di Tondelli! 😀
    (mentre subito prima c’è il racconto sulla psicanalisi che nel romanzo citavo a pag 51…)

    Per intanto ti saluto e ti abbraccio!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...