Grafemi

Segni, parole, significato.

Romanzo

Dopo una settimana passata a cercare di sistemare il problema del mio pc (e ancora non ci sono riuscito: possibile che solo a me capiti di dover fare due resi consecutivi di due portatili nuovi?), e dopo casini terrificanti sul lavoro (con le dovute proporzioni, e senza voler essere insolente o irrispettoso, mi sono sentito come uno di quei tecnici che sono entrati dentro a Fukushima per cercare di spegnere il reattore prima che fosse un disastro), ho letto una definizione di romanzo che mi ha lasciato letteralmente senza parole: perché è quello che sto pensando da mesi, e non sono mai riuscito a focalizzare con tanta precisione, e perché so che solo un genio può arrivare a descrivere con cinque parole un intero mondo:

 

Romanzo: poema epico comico in prosa

 

Il padre di questa definzione è Henry Fielding, autore di Tom Jones e (scopiazzando da Wikipedia) fondatore, assieme a Defoe (Gulliver) e Richardson (il padre di tutti le soap opera: Pamela), del romanzo inglese. Nei due ossimori palindromici, c’è tutto il romanzo occidentale: Charles Dickens e Flaubert, Kafka, Nathanael West, Flannery O’Connor, Philip Roth, passando per Vladimir Nabokov, fino ad arrivare a Pynchon, Wallace e Franzen. Poema. Epico. Comico. In prosa.

Poema.

Epico.

Comico.

In prosa.

Poema epico comico in prosa.

Me lo ripeto tra me e me, per il piacere che mi dà. E so che per la maggior parte degli esseri umani queste cinque parole non significano nulla… Ma sono assolutamente certo che esiste una piccolissima minoranza che invece va in estasi come me. Tutti gli autori che amo, e che ho amato, sono illuminati dalla stessa luce di questa frase: le diversità, che rendono ogni genio così particolare, hanno una solidissima base  comune. Mi sento come di fronte ad una rivelazione: finalmente, dopo tanti anni di ateismo selvaggio, capisco come debba essersi sentita la piccola Bernardette di fronte alla Madonna.

 

Rivelazioni

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

6 commenti su “Romanzo

  1. Pingback: Romanzo « Grafemi

  2. Nicola Pezzoli
    04/04/2011

    Sto leggendo – anche grazie a te che mi hai sollecitato a farlo, caro amico e collega – il magnifico romanzo di Jonathan Franzen LE CORREZIONI, e devo dire che la definizione è a dir poco perfetta… (e forse è per questo che la maggior parte dei romanzi italiani recenti NON sono romanzi, o comunque fanno più o meno cagare: perché manca il COMICO! non si ride, né sorride, mezza volta in 300 pagine!! – a meno che per “comico” uno non intenda lo “stupido”, che è tutt’altra cosa, ma evidentemente i nostri grandi editori si accontentano, o la pensano diversamente, o ridono per cose che a noi non fanno ridere…)
    Un abbraccio (a Jonathan e a te!) 🙂

    Mi piace

  3. cosmomiriel
    14/04/2011

    Ma poi hai ricevuto la mia mail di domenica? Ho il server che fa le bizze!

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      15/04/2011

      eh eh.. pensa che mi stavo giusto chiedendo se tu avessi ricevuto la mia mail di venerdì! 😉 quindi no: non ho ricevuto la mail di domenica…
      baci!

      Mi piace

  4. Makalu
    20/04/2011

    E’ l’eleganza della sintesi. E’ quell’eleganza che si ritrova in matematica dove con un simbolismo ben codificato si riescono ad esprimere concetti che necessiterebbero pagine di descrizione. Una delle sue massime espressioni l’ho trovata nelle equazioni di Maxwell (http://it.wikipedia.org/wiki/Equazioni_di_Maxwell) la cui forma differenziale è di un’eleganza estrema e in 4 equazioni è descritto tutto l’elettromagnetismo. Quando le capisci e ne apprezzi la bellezza hai come nel caso della definizione di romanzo un’epifania estatica, una rivelazione, commovente.
    Un caro Saluto
    Makalu

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      20/04/2011

      Confermo: anch’io ebbi la stessa impressione di fronte alle equazioni di Maxwell (alle quali lui arrivò, se non sbaglio, tramite esperimenti realizzati con un complesso sistema di cavi e pulegge meccaniche: lui ragionava ancora in termini di meccanica). E mi ricordo che una volta comprese, qualsiasi teorema di elettrotecnica poteva essere dimostrato riconducendo tutto a quelle equazioni. Bello trovare qualcuno che le apprezzi!

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.815 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: