Grafemi

Segni, parole, significato.

Ai tempi del nulla

L’idea iniziale di scrivere un libro di racconti – quella che poi avrebbe portato ad Antropometria – è partita da un racconto ben preciso, quello che nella versione attuale del libro si intitola “E’ di nuovo famiglia”. Il racconto, scritto intorno a febbraio del 2008, era stato postato sul mio vecchio blog, http://pabloz.blogs.it, dove Patrizia Caffiero, autrice del romanzo Guarda che prima o poi Dio si stancherà di te, mi aveva suggerito qualcosa tipo: ma perché non scrivi una decina di racconti così, e poi li pubblichi?

La raccolta, poi, ha seguito una strada diversa – e tutto sommato il racconto che avevo scritto allora è un po’ anomalo, rispetto al resto del libro. In ogni caso, iniziai a pensare a qualcosa, e presto il filo conduttore fu questa specie di “poesia” (termine sicuramente esagerato: filastrocca andrebbe meglio), che rimase l’incipit delle diverse bozze che avevo preparato tra la metà del 2008 e la metà del 2009. Questa “roba” dava anche il titolo al libro, che nella mia idea si chiamava “Ai tempi del nulla”. Mentre ero in cerca di un editore, un amico, Simone Tempia, mi chiese se volevo mandare un racconto per una rivista che, ben lanciata qualche anno prima, tentava di ritornare ai fasti di un tempo. La rivista si chiamava, o si chiama – non so se esca ancora – Loopanare. Per l’occasione decisi di trasformare quella vecchia poesia in un racconto: aggiunsi alcuni dettagli, cambiai il punto di vista, ma mantenni il finale. Il racconto ora è presente anche nella raccolta, con il titolo – appunto – di Ai tempi del nulla ed è stato usato anche per la quarta di copertina. 

Il libro, nella sua versione originale, cioè quella che avevo mandato agli editori, conteneva altre poesie; l’ultima versione prima di iniziare l’editing presentava, proprio a metà, addirittura un poema, dal titolo piuttosto impegnativo (Apoptosi, anche se inizialmente era Anthropomodel), che forse è la cosa  più bella che io abbia mai scritto.

Qui, in questo piccolo diario che è il blog grafemi, mi piace riportare in vita quella poesia che mi ha seguito per un po’ di tempo, che si è persa e che poi è tornata sotto forma di racconto.


Proprio mentre

il cofano

della bi-emme-vù

si infilava

sotto un camion –

inutile l’airbag:

sfondamento calotta cranica,

perforazione polmone destro,

lesioni gravissime organi interni,

macchina da buttare,

collasso cardiocircolatorio sopraggiunto

dopo pochi minuti,

risolto contratto di leasing,

funerali a rate –

proprio allora

un beep di cell –

ultimo segno vitale

del guidatore defunto –

un esse-emme-esse

udito dai soccorritori generosi:

“Ho il perizoma nero

celai duro?”

come dire

amore

e

morte

ai tempi del nulla.

Advertisements

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

5 commenti su “Ai tempi del nulla

  1. Pingback: Ai tempi del nulla « Grafemi

  2. Michele Lecchi
    22/04/2011

    Questa poesia mi ha molto interessato, incuriosito e coinvolto, perchè effettivamente qualcuno che ha fatto quella violenta fine l’ho davvero visto (e tentato di soccorrere). Mi manca l’esperienza del SMS, ma il resto c’è, ci sono.

    La poesia sorprende, e raggiunge il suo obiettivo di sconfiggere l’indifferenza. Bravo Pablo!

    Mi piace

  3. morenafanti
    27/04/2011

    La poesia è perfetta. Io l’avrei inserita così com’è. Molto bella davvero.

    Mi piace

  4. Jack doppio Jack
    28/05/2011

    Linguaggio dozzinale che perfora

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.783 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

Oblò(g)

Non ho la pretesa di avere una finestra sul mondo. Mi basta un oblò.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: