Grafemi

Segni, parole, significato.

Più incipit per tutti

Seguo spesso il blog di Morena Fanti, che, oltre ad essere diventata amica, è un’ottima scrittrice (sto leggendo ora un suo libro non ancora pubblicato, del quale conto di fornire presto le mie impressioni) e un’eccellente blogger. Una delle sue caratteristiche principali è quella di continuare a promuovere libri, idee, e iniziative che spesso sono davvero interessanti.

Qualche mese fa (il tempo passa sempre un po’ troppo veloce) ha indetto una specie di concorso dal titolo “Più incipit per tutti“: in pratica, Morena metteva  a disposizione cinque incipit diversi e chi partecipava a questa iniziativa doveva scrivere un racconto partendo da uno di questi. Ho deciso di partecipare, sia perché l’idea mi pareva divertente, sia perché sentivo il bisogno di scuotermi un po’.

Per pigrizia, però, ho nicchiato fino all’ultimo. Il giorno della scadenza, il 30 aprile, mi sono finalmente deciso a scrivere il racconto. Per costruirlo, sono partito da una “costola” di un abbozzo di racconto che non avevo  mai scritto, ma che avevo pensato parecchio, la cui realizzazione avrebbe sicuramente superato il numero massimo di caratteri ammessi. In pratica, ho immaginato la stessa storia vista da un punto di vista diverso, concentrandomi su personaggi secondari (secondari per l’altro), e centrando il racconto in un momento temporalmente anteriore.

Il risultato è stata una storia sulla vecchiaia, un po’ più triste di come l’avevo immaginata. Questo racconto, assieme agli altri che sono stati inviati, verrà poi raccolto in un libricino che sarà reso disponibile come eBook.

Il mio racconto si intitola “Il pranzo di Pasqua”, e può essere letto QUI. Sempre nello stesso blog, è possibile leggere gli altri racconti.

La signora Bastiani sistemò il centrino di pizzo appena stirato sul tavolino del salotto. Ci mise sopra un piattino di cristallo brillante di detersivo e panno morbido, a forma di rosa, e un portafoto d’argento lucido più dello specchio che aveva in anticamera. Ammirò l’angolo di libreria che aveva sistemato poco prima, i libri dal dorso scuro inciso in lettere dorate ai piani importanti, ad altezza degli occhi, e le edizioni meno pregiate in basso. Si allontanò per vedere l’effetto e si inorgoglì: aveva davvero una bella casa. Rimase ferma a guardare fino a quando la sveglia del forno squillò per avvertirla che il pasticcio era pronto. Si spostò in cucina: sul tavolo c’erano i piatti fondi, i bicchieri di cristallo, una bottiglia di vino che aveva trovato nella credenza – un regalo ricevuto in occasione di chissà quale cena. Tutto era pronto per il pranzo di Pasqua.

Aveva iniziato a cucinare il giorno prima, alle tre. Dopo aver tirato fuori la macchina per fare la pasta in casa, aveva pesato gli ingredienti seguendo le proporzioni che sua madre, un’emiliana verace, le aveva raccomandato negli anni cinquanta… Continua sul blog di Morena Fanti

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

Un commento su “Più incipit per tutti

  1. morenafanti
    27/05/2011

    Grazie Paolo. Del post, di avere partecipato con il tuo racconto molto bello che ha riscosso grande successo anche tra gli altri partecipanti al gioco. E grazie della tua amicizia che è la cosa più importante.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/05/2011 da in Blog, Letteratura, Racconti, Scrittura con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.801 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: