Grafemi

Segni, parole, significato.

Pascal vs Voltaire

Vedendo la cecità e la miseria dell’uomo, contemplando l’intero universo muto e l’uomo senza luce, abbandonato a se stesso, e come smarrito in questo piccolo angolo universo, senza sapere chi … Continua a leggere

30/11/2011 · 2 commenti

La fuga

Altro post recuperato da Splinder: era il giugno del 2008, e io ero da un cliente. Le cose, da allora, non sono cambiate molto, ma se non altro è finito … Continua a leggere

24/11/2011 · 2 commenti

K.

Nel 2008 avevo la passione per Kafka – un ritorno di fiamma dopo un’analoga passione esplosa intorno ai 13 anni. Su Splinder scrissi alcune riflessioni, che ora riporto qui su … Continua a leggere

23/11/2011 · 1 Commento

La gara

Continua il travaso di vecchi post da Splinder a WordPress. Questa è una specie di poesia, blasfema quanto basta, che avevo pubblicato anche su un blog di filastrocche (uno dei … Continua a leggere

23/11/2011 · 2 commenti

Paraboliche

Scopro, sul blog di Morena Fanti, che Splinder chiuderà il 31 gennaio 2012. Non è una bella notizia – le informazioni non sono mai durate così poco come nella società … Continua a leggere

22/11/2011 · 5 commenti

La presentazione a Castel di Sangro

Presentazione a Castel di Sangro del 28 ottobre 2011. Parlo io, e parla l’editore Francesco Coscioni. Bellissima esperienza – ma che difficile ascoltarsi parlare!   [blip.tv http://blip.tv/play/h8Yagt23IQI width=”480″ height=”390″]

18/11/2011 · 1 Commento

La genesi di un racconto

Ieri sera ho letto una (tragica) notizia di cronaca che è quasi un racconto già pronto. Un ragazzo di 19 anni, lasciato dalla fidanzata, la chiama e, in diretta, minaccia di suicidarsi. … Continua a leggere

18/11/2011 · 1 Commento

Luoghi virtuali #3

Il mondo pullula di piccole città. Di piccole città insignificanti, dove vivono migliaia di persone che non si sposterebbero da là per nulla al mondo, perché le comunità si costruiscono … Continua a leggere

07/11/2011 · 1 Commento

Luoghi virtuali #2

Ogni tanto mi viene voglia di fare la lista delle dieci canzoni più belle di tutti i tempi, e anche se di getto sarei tentato di mettere quasi esclusivamente i … Continua a leggere

04/11/2011 · 5 commenti

Luoghi virtuali #1

Se potessi scegliere a chi dare un premio Nobel, me ne inventerei uno, a metà strada tra la letteratura e la fisica, che consegnerei a Google per l’invenzione di maps.google.it, … Continua a leggere

02/11/2011 · 5 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.801 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America