Pascal vs Voltaire

Vedendo la cecità e la miseria dell’uomo, contemplando l’intero universo muto e l’uomo senza luce, abbandonato a se stesso, e come smarrito in questo piccolo angolo universo, senza sapere chi ce l’abbia messo, che cosa sia venuto a farci, che cosa diventerà morendo, incapace di qualsiasi conoscenza, cado in preda allo spavento come un uomo che fosse portato addormentato su un’isola deserta, e che si svegliasse senza sapere dove si trova, e senza aver modo di uscirne.

vs

Quanto a me, se considero Parigi o Londra, non vedo alcun motivo per piombare in quella disperazione di cui parla Pascal; vedo una città che non assomiglia in nulla a un’isola deserta, ma è popolosa, ricca, civile, dove gli uomini sono felici per quanto lo consente la natura umana. Quale saggio è disposto a impiccarsi perché non sa come porsi faccia a faccia con Dio? Perché infonderci orrore per il nostro essere? La nostra esistenza non è così infelice come si vuol farci credere. Considerare l’universo come un carcere, e tutti gli uomini come criminali in attesa di esecuzione, è un’idea da fanatico.

Annunci

2 thoughts on “Pascal vs Voltaire

    1. E infatti Nietzsche amava Montaigne, del quale Pascal, secondo Harold Bloom, aveva fatto “una grande indigestione” – tanto che i “Pensieri” di Pascal possono essere visti come una durissima risposta allo stoicismo sereno di Montaigne…

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...