La formula misteriosa

I Kula Shaker sono stati definiti, con un po’ di divertita cattiveria, la più grande promessa del rock non mantenuta. Dopo aver pubblicato un eccezionale disco d’esordio “K”, e aver raggiunto la vetta di ogni classifica anglosassone, ed essere stati considerati, di volta in volta, i nuovi Beatles, la nuova frontiera del Brit Pop, il nuovo rok, hanno fatto uscire, tre anni dopo, un secondo disco, “Peasant, Pigs & Astronauts”, che a mio parere ha poco da invidiare al primo, ma che si è rivelato un tale fiasco da indurre allo scioglimento i Kula Shaker. Fu davvero una promessa non mantenuta? O fu il pubblico (la cui ottusità è superata solo dall’inaspettata capacità di impazzire, talvolta, per la bellezza pura – vedi Beatles)  a non mantenere la promessa con loro?

Anni dopo, si sono riformati (senza il tastierista) e di nuovo ci hanno riprovato – con risultati non eclatanti. Rimangono le loro prime perle, inossidabili a qualsiasi moda, che ci ricordano, con un po’ di struggimento, come l’arte sia un incanto dalla formula misteriosa.

Annunci

2 thoughts on “La formula misteriosa

  1. X me i kula shaker sono stati la miglior band della mia giovinezza, hanno scritto canzoni meravigliose che sono state la colonna sonora dei miei giorni piú felici, anche Strangefolk é stato un grande album, sfortunatamente poco considerato, comunque voglio solo dire KULA SHAKER GRAZIE DELLA MUSICA MERAVIGLIOSA CHE AVETE DONATO ALLE MIE ORECCHIE E TRNATE PRESTO, IO VI ASPETTO!!!!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...