Grafemi

Segni, parole, significato.

Nicola Pezzoli recensisce “La felicità esiste”

nicola pezzoli

Nicola Pezzoli

Nicola Pezzoli è uno scrittore di cui ho parlato in almeno due occasioni, su questo blog – una volta a proposito del suo romanzo “Tutta colpa di Tondelli”, edito da Kaos Edizioni, un’altra a proposito di un suo meraviglioso romanzo inedito (ma che, chissà, a breve potrebbe non essere più così inedito). Ci siamo trovati per caso, per una serie di circostanze fortuite, e abbiamo riconosciuto, ciascuno nell’altro, un fratello di scrittura, e di lettura. Cerchiamo le stesse cose, apprezziamo le stesse cose, come se un filo lontano ci unisse. Ho diversi legami con tante persone, in Italia. A volte immagino il nostro stivale di notte, illuminato da tante piccole lucette, in città lontane, dove ci sono persone che da lontano si pensano. Nicola è una di queste – solo un pochino più speciale.

Oltre a scrivere (divinamente) Nicola è anche un ferocissimo critico letterario. Non ho mai letto Ammaniti, ma in compenso ho goduto per come è scritta una recensione che Nicola fa del suo ultimo libro, e che può essere letta direttamente sul suo blog. La consiglio, molto vivamente, perché distrugge tutta una serie di luoghi comuni che accompagnano la nostra letteratura italiana, i suoi miti, i suoi campioni. Nicola non ha peli sulla lingua: quello che deve dire, lo dice. L’avevamo già capito in “Tutta colpa di Tondelli”; ora, questa sua tendenza iconoclasta ha raggiunto vertici irraggiungibili.

E’ per questo che ho letto con una certa apprensione la sua recensione; alla fine, però, non solo ho tirato un sospiro di sollievo, ma mi sono anche commosso. Perché ho sentito di essere stato capito fino in fondo – che il mio sforzo, e la mia determinazione, hanno raggiunto uno dei loro obiettivi. Quando si scrive, si rende conto a un solo lettore: se stessi. Quando si pubblica, si spera che i lettori che apprezziamo ci capiscano. Con Nicola, è successo questo.

Copio solo il finale. Il resto, lo si può leggere sul suo blog, che consiglio vivamente di mettere tra i preferiti.

Paolo Zardi (iconoclasta in questo senso? perché spacca la brutta icona del Brutto, e sputa sopra i suoi brutti cocci?) con la sua scrittura Alta (ma, si badi bene, tutt’altro che stucchevolmente “vecchia”, e tutt’altro che sterilmente virtuosistica o fine a se stessa) si pone in meravigliosa, benedetta controtendenza. A tal punto da sembrare un americano tradotto. Ma tradotto divinamente bene.
Non fatemi incazzare.
Paolo Zardi. La felicità esiste.
Sì: anche la felicità di leggere un bel Romanzo.

(Nicola Pezzoli)

La felicità esiste - Paolo Zardi

La felicità esiste - Paolo Zardi

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

2 commenti su “Nicola Pezzoli recensisce “La felicità esiste”

  1. Paolo Zardi
    02/02/2012

    Reblogged this on La felicità esiste and commented:

    Nicola Pezzoli recensisce “La felicità esiste”

    Mi piace

  2. Zio Scriba
    03/02/2012

    Grazie per la scelta simpatica e tenera della foto da bambino! Perché dentro sono ancora così. E perché mi ha ricordato le parole di uno scrittore spagnolo che nel recensirmi disse: “E’ nato nel 1967 e non ha mai smesso di scrivere da allora”… 🙂
    Bellissima anche l’immagine delle piccole lucette notturne.
    Rimaniamo accesi!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.843 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: