Grafemi

Segni, parole, significato.

Grafemi cambia

Ho aperto il mio primo blog il 5 gennaio del 2006, senza neppure sapere cosa fosse, in concreto, un blog – di cosa dovesse essere riempito, a chi fosse destinato. A distanza di sei anni, mi sono fatto un’idea per differenza: so in che modo non è un social network, in che modo non è un giornale, ma credo che possieda un quid che nessuna delle altre invenzioni successive – i tweet, il microblogging, le cerchie, le condivisioni – può offrire: qualcosa di difficilmente definibile, legato forse alla complessità, alla varietà dei contenuti, all’evoluzione stilistica, umana, estetica di chi apre e arricchisce la propria creazione, giorno dopo giorno.

Grafemi è nato come costola dei blog che avevo su una piattaforma molto diversa da WordPress: spartana negli strumenti, piccola nelle dimensioni, blogs.it aveva però qualcosa che nessuna delle altre piattaforme ha mai avuto, e cioè un numero sufficientemente alto di utenti da consentire un proficuo scambio di idee, e un numero sufficientemente basso perché, di fatto, ci si conoscesse tutti. Era una specie di villaggio, dove si trovava il matto, il genio, quello che va a donne, la barista che dispensa consigli affettuosi, l’aspirante scrittore, lo scienziato, il burlone, lo scemo… Per due anni, è stata un’esperienza esaltante; poi, sono emerse crepe così profonde, conflitti così insanabili, che il tutto è prima esploso in una serie estenuante di post feroci “tutti contro tutti”, e poi è imploso in un piccolo cumulo di macerie. Ogni tanto ci passo, do un’occhiata, ed è come vedere Pompei.

Grafemi, quindi, piano piano ha assunto, pomposamente, il ruolo di unico portavoce delle mie idee. Ma con il passare degli anni, la mia vita è cambiata; e dal punto di vista del blog, l’evento più significativo è stato il mio ingresso, molto tranquillo, nel mondo dei libri: prima “Antropometria”, per la Neo Edizioni, e poi “La felicità esiste”, per la Alet. Sono stati momenti importanti, nella mia vita, che, senza aver toccato il mio mondo “reale” (cioè le relazioni con le persone che vedo tutti i giorni),  hanno modificato il senso della mia scrittura sul blog: mentre prima riversavo tutto quello che pensavo su questa specie di fogli volanti, ora il grosso di quello che mi passa per la testa finisce nei racconti, o nelle storie un po’ più strutturate che poi, se va bene, diventano romanzi. E questa tendenza si è rafforzata sempre di più, fino a che questo blog è diventato spoglio, come non avrei voluto mai.

La forma è contenuto: è la mia ossessione di lettore e scrivente. Attraverso la disposizione di questa pagina – i post uno sotto l’altro, a distanza di righe e righe l’uno dall’altro, l’approccio tutto sommato letterario di quello che si scrive – si possono scrivere solo certe cose, e altre no. Il penultimo post sparisce molto velocemente dalla homepage, e viene subito ignorato; questo riduce la frequenza degli aggiornamenti. Ho iniziato a cercare un tema (e quindi una forma) diversa già da qualche settimana. Mi era piaciuto molto il sito ElegantThemes che per 39 dollari all’anno mette a disposizione moltissimi temi davvero interessanti – che però mi sono sembrati tutti un po’ troppo orientati alla vendita di qualcosa. Poi, ieri sera, ho fatto un salto su un blog che mi capita di leggere più di qualche volta (l’autore è uno di quei blogger della vecchia piattaforma con i quali gli attriti sono diventati, alla fine, insostenibili), e ho prestato maggiore attenzione alla home page. Mi è piaciuta. E’ completamente diversa – diverso proprio il paradigma – e (quindi) permette di dire cose diverse. E ho deciso di affidare i miei scritti a quel tema. Ci lavorerò questa sera (cioè la sera del 16 febbraio 2012) – voglio che il passaggio, che io considero piuttosto seriamente, sia fatto per bene. Da domani, dai prossimi giorni, dovrebbe esserci qualche novità: post più leggeri, pensieri un po’ più sparsi, e qualche spunto in più. E approfitto di questo passaggio per ringraziare quei lettori (non sono molti, ma mi pare di conoscerli uno a uno) che ogni tanto vengono da queste parti a vedere cosa si produce nel mio retrobottega.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

Un commento su “Grafemi cambia

  1. icittadiniprimaditutto
    17/02/2012

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16/02/2012 da in Blog, Scrittura con tag .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.854 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: