I pesciolini di Giacinta

Fa una strana (e bella) impressione scoprire di essere letti con attenzione da persone che stimiamo. A me è successo qualche giorno fa, quando ho visto che Giacinta. lettrice attenta e piena di ottimo gusto (basta leggere l’attenzione con la quale sceglie i brani da proporre), ha pubblicato un post nel suo blog (credo di averlo già consigliato qualche volta) che riporta una composizione originale di brani tratti de La felicità esisste. E sono stato felice che si sia colto un aspetto sul quale ho lavorato un bel po’. (I Beatles, nell’ultima canzone che hanno inciso (non è vero: ce ne sono state altre, dopo; diciamo nell’ultima canzone che avrebbero voluto pubblicare (il disco era “Abbey Road“, ma all’ultimo momento si decise di chiudere con la prima ghost song della storia, Her Majesty: e qualche mese dopo John Lennon, aiutato da Phil Spector, sistemò (pessimamente, come era nella sua natura di musicista) Let it be, che divenne così l’ultimo disco a uscire, sebbene non fosse stato l’ultimo disco ad essere inciso)), in The end, scritta da Paul McCartney, dicono: The love you take is equal to the love you make. In questo ultimo mese, ho ricevuto molte più attenzioni e affetto di quanto sia in grado di darne in tutta una vita. Sono più indebitato della Grecia. Ma va bene così.)

Il post è: Libri nei libri: “La felicità esiste” di Paolo Zardi e “La vera vita di Sebastian Knight” di Vladimir Nabokov ma non fermatevi a questo. Provate a scorrere i post precedenti: troverete un sacco di buone idee!

———————————-

ps nel blog di Giacinta ho trovato anche dei bellissimi pesciolini che corrono a mangiare quello che il mouse lascia cadere nell’acqua quando clicca sulla superficie della vasca – non ho resistito, e me li sono portati a casa!

Annunci

3 risposte a "I pesciolini di Giacinta"

Add yours

  1. Le Lettrici come Giacinta (che m’ispirano un sentimento di commossa gratitudine, oltre che di fratellanza e d’amicizia) sono il motivo per cui noi scrittori non ci siamo ancora estinti (anche se manca poco), rimpiazzati dalle inqualificabili sòle della grande editoria.
    I suoi pesciolini non si nutrono di plancton, ma di buona scrittura.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

RdC: la rubrica del complimento

Mi prendo in giro da sempre. Perchè smettere proprio ora?

Settepazzi

Riflessioni sulla letteratura Latinoamericana di Antonio Panico

50 libri in un anno

COLLETTIVO UMILE DI LETTORI E RECENSORI

Cartoline dalla Terra dei Libri

Leggo un libro, scrivo una cartolina

Tre racconti

Storie brevi e voci nuove

Episodi (abbastanza) brevi

Spero, credo, insomma.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: