Essere Nick Drake

Nel curioso, originale, e per certi versi sorprendente film "Essere John Malkovic", i personaggi principali - un uomo e due donne - trovano un passaggio segreto che, attraverso una botola, li conduce fino al cervello dell'attore John Malkovic, dando loro la possibilità di essere lui a tutti gli effetti. L'idea viene sviluppata soprattutto nella direzione:... Continue Reading →

Lo straniero – storie di scrittori senza patria

Qualche giorno fa, sul sito della Neo Edizioni, è uscito un mio "editoriale" - cioè un post - su Nabokov, Conrad, e un tema che mi è caro, cioè il legame tra l'essere stranieri e l'essere scrittori. "Quando nel 1955, un oscuro editore francese, il cui catalogo si componeva sostanzialmente di letteratura al confine tra... Continue Reading →

Ingannevole è la bellezza più di ogni altra cosa

E’ uscita dall’acqua, con il suo micro costume, ed un corpo perfetto. Ha scostato i capelli bagnati dal viso, scoprendo lineamenti da Miss Universo – la linea del naso, gli occhi di mandorla, le labbra, il mento: ogni cosa nell’aurea proporzione. Un’amica, che le è vicina, le dice qualcosa all’orecchio – sussurra nell’incavo di quella... Continue Reading →

Il totem

-Così questo totem rappresenterebbe Dio, giusto? -Esatto. -Un Dio che è sceso in terra e che gli uomini hanno ucciso. -Sì. L'atto più empio che potessero compiere è diventato il simbolo della loro religione. -Ma come possono sopportare di vedere il loro Dio ammazzato in quel modo? E' raccapricciante! -E' un sistema per ricordare. Un... Continue Reading →

Il limite estremo

"C'era anche da chiedersi se fosse sano di mente, o se per caso non stesse entrando in quella fase delle malattie croniche che è nota come la Ricerca Isterica della Cura Miracolosa. Forse Chicago era proprio questo: un pellegrinaggio purificatore in un luogo consacrato. In tal caso, attenzione: dietro l'angolo c'è l'astrologia. Peggio, il cristianesimo.... Continue Reading →

La simpatica favoletta della teocrazia in Tibet

Nel 1998, il Dipartimento di Stato americano stilò la classifica dei trenta gruppi più violenti ed estremisti del mondo: più della metà di questi si fondavano su basi religiose, e nello specifico si trattava di Musulmani, Ebrei e Buddisti. La favoletta che vuole che i buddisti siano creature mansuete, perché così chiede la loro religione,... Continue Reading →

Le ragazze parlano de “La felicità esiste” nel loro blog, che è un’oasi di civiltà.

Il Blog delle Ragazze

Sono stata attratta da questo libro per la sua copertina inusuale, un bel viso di ragazza con degli occhi trasparenti, ma soprattutto per la mia solita curiosità che spesso rasenta la morbosità, almeno così mi dicono.

Riconosco di essere stata temeraria: La felicità esiste (Alet, 10 euro) è un primo romanzo di un autore italiano, uscito per una piccola, credo, casa editrice di Padova, che fa seguito a una raccolta di racconti. Però, però, non è stata una decisione completamente al buio: conosco Paolo Zardi, non personalmente in verità, ma come blogger e quindi so come scrive.

Dunque mi sono immersa nella lettura e ne ho tratto grande soddisfazione e piacere. La storia, di cui non racconterò nulla, come al solito, è molto intrigante, ti cattura e ti tiene sulla corda. Ma non aspettatevi un thriller, è una vicenda di relazioni umane con personaggi ben disegnati e caratterizzati, ma soprattutto…

View original post 157 altre parole

Il punto di vista

Uno dei problemi più tipici che deve affrontare uno che si mette a scrivere una storia - uno che lo faccia con consapevolezza - è quello che riguarda la voce narrante. Chi è che parla? Cosa sa dei personaggi? Che punto di vista ha scelto di adottare? C'è il narratore onnisciente e quello che non... Continue Reading →

da leggere!

Il Blog delle Ragazze

Un creativo americano, Graham Douglas, ha dato vita a un’iniziativa sorprendente per la sua semplicità per incoraggiare il maggior numero di persone a diventare donatori di midollo osseo.

Ogni anno negli USA muoiono circa 3000 persone in attesa di ottenere un trapianto di midollo osseo a causa della scarsità dei donatori. Per ovviare a questo e dare una speranza di guarigione agli oltre 10.000 pazienti in lista di attesa è nato il progetto “Help. I’ve Cut Myself & I Want to Save a Life”.

Funziona così. Nella scatola di cerotti della Help Remedies è inserito un kit per iscriversi al registro dei donatori, che consiste in un tampone sterile e una busta preaffrancata. Quando qualcuno si è tagliato e sta per coprire ferita con un cerotto non deve far altro che lasciar cadere una goccia di sangue sul tampone, metterlo nella busta e spedirlo alla DKSM. Questo è uno dei…

View original post 143 altre parole

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Pangea

La prima rassegna stampa delle più belle pagine culturali del pianeta

Io Sono V

Solo per te

Impressions chosen from another time

Frammenti di letteratura, poesia, impressioni

/in·cen·dià·rio/

[estasi, folgorazioni, risse]

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

Matilda

Il blog della Biblioteca di Ossona

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: