Grafemi

Segni, parole, significato.

Lettera a Baganis

Il personaggio principale del mio libro “La felicità esiste” si chiama Marco Baganis. Il nome è nato nel 2000, durante una vacanza con un caro amico, a Creta, e compare per la prima volta nel 2007, in un prequel de “La felicità esiste”, dal titolo un po’ provocatorio e che non è mai stato pubblicato. Uno degli obiettivi di quel primo progetto era creare un personaggio detestabile, al quale si finiva comunque per affezionarci. Non so se il risultato è stato ottenuto – però qualche giorno fa Marco Piazza, dal suo sontuoso blog, gli ha scritto una lettera, che mi ha commosso per la sua intensità. I personaggi esistono davvero fuori dai libri nei quali si muovono? Non l’ho mai capito – credo di sì, ma non ne sono sicuro; non c’è dubbio, però, che a Baganis, alla fine, mi ci sono affezionato anch’io.

Caro Baganis,

diciamoci la verità, non fosse stato per Zardi credo che io e te non ci saremmo mai incontrati. Sì, forse potresti essere una delle tante facce che si incontrano nella mensa aziendale, facce tutte uguali che non dicono niente. Forse uno di un altro piano, di un altro reparto. Uno sul quale ormai girano voci. Si dice che ti sei portato a letto…

Per continuare a leggere la lettera: vai al blog di Marco Piazza

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2014. Nel 2015 è in uscita un suo nuovo romanzo.

6 commenti su “Lettera a Baganis

  1. Zio Scriba
    14/04/2012

    Se vivono fuori dai libri? Quelli più riusciti secondo me sì!
    Partorire un personaggio così “vivo” da indurre qualcuno a scrivergli una lettera: che immensa, sublime soddisfazione per uno Scrittore… :)

    Mi piace

  2. tiziana
    23/04/2012

    Caro sig. Zardi,
    Le confermo di essere riuscito nell’intento, effettivamente Baganis è detestabile e, però, a lui ci si affeziona. E Le confermo anche che vive fuori dal libro. Nella mia mente Baganis è del tutto vero e mi domando che ne sia stato, poi, di lui e di Sveva, del suo percorso interiore verso il riscatto della felicità.
    Tuttavia Le scrivo per ringraziarLa de “La felicità esiste”. Non so quali fossero le Sue intenzioni e se ne avesse, ma per me il risultato del Suo libro è che anche gli inetti, i senza qualità, smettono di essere tali quando capiscono che possono riscattare la felicità. Pure se l’hanno lasciata trascorrere, senza viverla, in precedenza.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      23/04/2012

      Cara Signora Tiziana,

      è bellissimo sapere che Marco Baganis è uscito dalle pagine di un libro, e ora vive una vita sua: spero, però, che non si sia permesso di importunarLa! ;)
      Anche chi scrive finisce per affezionarsi ai personaggi: è vero che inizialmente sono gli strumenti che si usano per portare avanti un’idea (di trama, di relazioni, di argomenti) svincolata dalle persone… Ma poi le loro debolezze diventano le nostre, e quando si è costretti a farli precipitare – perché è questo che la storia richiede – si soffre, come in un tradimento dei propri figli.
      In questi mesi sto pensando che prima o poi mi piacerebbe continuare con Baganis (tra l’altro questo è il secondo episodio che lo riguarda: un libro un po’ artigianale parlava di lui già nel 2008, ma non è mai stato pubblicato) – ho un’idea di commedia degli equivoci che lo vedrebbe protagonista – una storia molto distante dalle atmosfere cupe e metropolitane de ‘La felicità esiste’… ma per il momento mi sto concentrando su altro – vedremo!
      E grazie a Lei per aver trovato la voglia di scrivere quello che ha letto, e sentito, nelle 280 pagine del libro: si scrivono pagine che scivolano nell’acqua, in bottiglie di vetro sigillate… sapere che dall’altra parte del mare c’è qualcuno che sta leggendo i nostri biglietti è una grandissima soddisfazione!

      Mi piace

      • tiziana
        24/04/2012

        Gentile sig. Zardi,
        Lei mi onora, ma si ricordi che è un Autore :-)
        La curiosità mi spinge a chiederLe di rendere leggibile il primo romanzo artigianale di Baganis. Ma forse potrebbe non essere lui e Lei ci avrà già pensato.
        Per una commedia degli equivoci mi sembra appropriato. In fondo in Baganis c’è anche qualcosa di comico (quando si avventura con gli sci, o cade con le racchette ai piedi, quando discute con l’agitato marito di Aurelia…o Adriana??, nel suo precipitarsi da Paola per poi fare cosa?), in quanto personaggio autentico assomiglia alle persone reali. Ed in effetti nessuno, per quanto austero o triste, sfugge al comico.
        Ma Lei è un Autore e non va influenzato.
        Il bello dei messaggi nelle bottiglie è anche che chi li legge può trovare contenuti diversi da quelli che pensava di avervi racchiuso l’autore. Oppure condividere i suoi e farli propri. Magia della letteratura, che unisce persone altrimenti irraggiungibili, nel tempo e nello spazio, nella condivisione dell’intuizione oppure nel consentire di piantare semini, che poi diventano pensieri, sensibilità, vita.
        Ci ha mai pensato che il romanzo consente questo? Di condividere e ritrovare, magari a distanza di secoli, sensibilità, stati d’animo, passioni, che manifestano che l’animo umano è stato sempre se stesso in ogni tempo. Ed anche di ricevere stimoli nuovi e vivi da cose magari vecchissime o scritte da persone del tutto diverse che, però, poi si intessono nel lettore perché ne formano la sensibilità e gli danno l’ispirazione per condurre diversamente la vita.
        Buon lavoro sig. Zardi, mi auguro di leggere presto la Sua nuova opera.

        Mi piace

  3. Michele Lecchi
    28/05/2012

    Baganis è vivo, e ama ascoltare Alanis Morissette… ;)

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/04/2012 da in La felicità esiste con tag , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Unisciti agli altri 550 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

404: file not found

Tutte le riviste felici si somigliano, ogni rivista infelice è infelice a modo suo.

libriedintorniblog

A fine WordPress.com site

Gianluca D'Andrea

Nothing that is not there and the nothing that is (W. Stevens)

natalia castaldi [exilio y desnacimiento]

(il nonluogo del puro sentire)

Carteggi Letterari - critica e dintorni

webmagazine di cultura, arte, musica, attualità, letteratura, poesia

primofradue

priorità letterarie

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Radioteque

Quale CD ascoltiamo oggi ?

prestazionioccasionali

tendenzialmente letteratura, tendenzialmente

Convenzionali

Vediamo un po'...

Alessandro Greco

Irrazionale, Illimitato, Aperiodico

..ci sono parole...Benvenuti!!!

Just another WordPress.com site

nepente

libri e altre inezie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 550 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: