Grafemi

Segni, parole, significato.

Una chiacchierata con Masticone su editoria e scrittura

Su un blog molto interessante, quello di Masticone, c’è una lunga chiacchierata che abbiamo fatto io e il blogger che lo gestisce, su editoria e scrittura. Ho molto apprezzato la bella “atmosfera” che si è creata, e credo che alla fine sia venuto fuori un bello scambio, con qualche spunto interessante. Gli argomenti trattati hanno toccato il mondo dell’editoria, l’editoria a pagamento, le differenze di stile tra “Antropometria” e “La felicità esiste”, il fenomeno del blog.

Una delle cose che amo del mondo virtuale è che, a volte,  si può trasformare anche in qualcosa di reale.

Succede così che sul blog  si faccia conoscenza con persone interessanti e stimolanti e che esse all’improvviso si materializzino e diventino  persone reali riuscendo a uscire dall’ectoplasma etereo della rete.

E’  capitato questo con Paolo Zardi, ingegnere padovano, che ho inizialmente conosciuto perchè lui  ha deciso di perder tempo nel leggere qualcosa dentro questa immondizia di blog che gestisco. Nello scambio di energie che abbiamo avuto, ho scoperto in lui diverse affinità culturali miste a differenze di base che lo hanno reso ai miei occhi tanto interessante da comprare (e leggere…!)  i suoi due libri. Paolo infatti, oltre ad avere un blog di qualità, è scrittore piuttosto affermato che gode di buon successo di critica e di pubblico…

Al di là di questo post specifico, consiglierei di dare un’occhiata a tutto il resto: Masticone ha uno stile ammaliante, che mescola una sferzante ironia con un sentimento di struggimento, e tenerezza, che spesso arrivano a commuovere.

Per leggere il post completo, si può cliccare qui.

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2014. Nel 2015 è in uscita un suo nuovo romanzo.

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Unisciti agli altri 554 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

ayoungvoice

cook | craft | read | run

In memoriam

Ad perpetuam rei memoriam

cagulina80

Sempre e solo shopping

Il colibrì rosso

Una ragazza innamorata della vita, affamata di emozioni, golosa di gelati e libri.

In direzione ostinata e contraria

Storie verosimilmente semiserie di un inverosimile serio.

"PER DAMASCO" Verso la vita e altre storie.

Convivere è necessario. Condividere, non necessariamente.

404: file not found

Tutte le riviste felici si somigliano, ogni rivista infelice è infelice a modo suo.

libriedintorniblog

A fine WordPress.com site

Gianluca D'Andrea

Nothing that is not there and the nothing that is (W. Stevens)

natalia castaldi [exilio y desnacimiento]

(il nonluogo del puro sentire)

Carteggi Letterari - critica e dintorni

webmagazine di cultura, arte, musica, attualità, letteratura, poesia

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 554 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: