Grafemi

Segni, parole, significato.

La centesima finestra di Morena Fanti

E’ uscito il romanzo di Morena Fanti, che avevo letto in anteprima, e di cui avevo parlato un po’ di tempo fa. L’autrice ne parla qui: La centesima finestra. Nel suo post, è possibile trovare il link per un eventuale acquisto.

La Fanti ha fatto due scelte coraggiose.

La prima: inviare il proprio manoscritto solo alle case editrici che prendono in considerazione la lettura in formato “digitale”.

La seconda: decidere, alla fine, di autopubblicare il libro, in formato digitale, tramite la casa editrice Narcissus.

E’ un tema interessante, questo: una volta che la tecnologia consente di svincolarsi da un editore, è lecito fare a meno anche delle sue decisioni?

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2014. Nel 2015 è in uscita un suo nuovo romanzo.

2 commenti su “La centesima finestra di Morena Fanti

  1. morena fanti
    20/06/2012

    Grazie Paolo. Ora metto il link del tuo post, anche di quello precedente, nella pagina del libro.

    Poi, per rispondere alla tua domanda: è lecito, ma non è detto che sia e sarà una strada facile. Forse non porterà da nessuna parte ma credo che nella vita sia necessario operare delle scelte. E per ogni scelta ci vuole il giusto momento. per me lo è. Tutto qui.

    Sarà ‘buona’ letteratura? È la migliore che ho potuto produrre.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      20/06/2012

      Cara Morena,
      sono convinto anch’io che lo sia – tuttavia, non è così scontato. E’ un tema interessante – tra cento anni non so se le case editrici esisteranno ancora, o se l’esperimento dell’autopubblicazione si sarà affermato come unico modo di produrre letteratura… Staremo a vedere!

      ps comunque sono contento di essere stato il primo a scrivere una recensione, per quanto sui generis! ;)

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/06/2012 da in Editoria, Letteratura, Romanzo con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Unisciti agli altri 538 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

404: file not found

Tutte le riviste felici si somigliano, ogni rivista infelice è infelice a modo suo.

libriedintorniblog

A fine WordPress.com site

Gianluca D'Andrea

Nothing that is not there and the nothing that is (W. Stevens)

natalia castaldi [exilio y desnacimiento]

(il nonluogo del puro sentire)

Carteggi Letterari - critica e dintorni

webmagazine di cultura, arte, musica, attualità, letteratura, poesia

primofradue

priorità letterarie

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Radioteque

Quale CD ascoltiamo oggi ?

prestazionioccasionali

tendenzialmente letteratura, tendenzialmente

Convenzionali

Vediamo un po'...

Alessandro Greco

Irrazionale, Illimitato, Aperiodico

..ci sono parole...Benvenuti!!!

Just another WordPress.com site

nepente

libri e altre inezie

Psicologa Monza e Brianza

per capire chi è lo psicologo e cosa fa: blog di Silvia Guerini Rocco, psicologa.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 538 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: