Grafemi

Segni, parole, significato.

And the winner is…

Non avevo mai partecipato a un Poetry Slam, cioè a una competizione pubblica tra poeti. Sabato scorso, per la prima volta, ne ho seguito uno, a Portogruaro – ci sono andato con mia moglie, e uno dei miei due figli, quello più grande: il piccolo ha preferito rimanere sul divano con la nonna, a ridere e poi a sonnecchiare.

E’ stata una sorpresa. La poesia acquista un significato, e un peso, diversi quando viene letta; ancora di più, quando viene letta dai loro autori. Nel caso di Portogruaro, i poeti erano otto, di estrazione molto diversa tra loro: un rapper di vent’anni, una signora sui sessanta, e alcuni miei coetanei (stavo per dire “contemporanei”), che si sono affrontati su un palco in Piazzetta della Pescheria, proprio dietro al Municipio. Non so se sia facile recitare una propria poesia di fronte a una folla di sconosciuti: io so, per esperienza personale, che non è semplice leggere un racconto (e infatti alle mie presentazioni spero sempre che ci sia qualche buon lettore che mi faccia le veci), ma credo che una poesia sia una sfida più alta. E’ un po’ come cantare: chi lo farebbe in pubblico, con un microfono in mano?

I poeti, dunque, hanno recitato le loro composizioni su un palco della piazzetta, con un fiume che scorreva qualche decina di metri più in basso, il cielo blu scuro, e un’arietta particolarmente fresca. Alle prime due manche hanno partecipato tutti e otto i poeti, presentati dal brillante Giacomo Sandron. Il pubblico, dotato di lavagnette, esprimeva il proprio voto pubblico. Mio figlio, otto anni, era entusiasta. Al turno successivo sono passati i primi quattro (e io mi sono dispiaciuto per l’eliminazione di Manuela Dago): quindi nuovo round di poesie, con l’eliminazione dei notevolissimi Alessandro Burbank e Sarah Zuhra Lukanic, e poi la finale tra Max Ponte e Alessandra Racca, entrambi di Torino. Ha vinto Alessandra, per la quale ammetto di avere fatto il tifo.

Un Poetry Slam particolarmente combattuto

Credo che siano anni, forse decenni, che si discute sul ruolo della poesia – se ha ancora senso, a chi deve rivolgersi, qual è il suo significato. Gli editori che la pubblicano sono pochissimi – gli altri la tengono lontana come qualcosa di puzzolente. In molti dicono che la poesia è morta; e gli altri si preoccupano soprattutto di ribadire che non lo è affatto. In rete, ci sono centinaia, forse migliaia, di blog di poeti: perché? Tutti (credo) nella vita abbiamo scritto almeno una poesia: io ne ho scritte a decine tra i dodici e i quattordici anni, e un centinaio tra i ventidue e i ventitré (e qualcuna anche da adulto, a dire il vero). Ma ancora, ci chiediamo a cosa serve, se c’è ancora qualcuno che è capace di leggerle, di capirle, di scriverle.

Un Poetry Slam, con la sua ironia, la sua capacità di coinvolgere il pubblico, e con la sua proposta eterogenea, può aiutare molto, in questo senso: fa capire, in modo chiaro e semplice, che è facile, e bello, lasciarsi andare al potere ammaliante delle parole, e che vale la pena farlo, perché il piacere che se ne ricava è vero, genuino, quasi fisico. Abbiamo bisogno di rime, di sorprendenti giochi di parole, di distillato di dolore, di provocazioni spiazzanti, di un amore che venga cantato. E guardando mio figlio, un bambino di otto anni e mezzo, che ha riso, si è lasciato sorprendere, e ancora ha riso (il bello delle poesie è che non serve essere grandi per poterla apprezzare), mi sono detto che la poesia non è morta, e anzi, mi sa tanto che se la passa proprio bene.

——————————————————————————————————————————–

La rassegna Notturni Di_versi 2012 era dedicata a Sara Orlando – questo, il video che le è stato dedicato:

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2014. Nel 2015 è in uscita un suo nuovo romanzo.

3 commenti su “And the winner is…

  1. nadia
    24/07/2012

    E pensare che a Torino presenta Alessandra e partecipa Sandron.. ma anche a ruoli invertiti è come se ci fossi stata. Un saluto Paolo, N.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      24/07/2012

      Eh eh… Giacomo e Alessandra sono uniti da affinità elettive! ;)
      Un abbraccio, cara Nadia!

      Mi piace

  2. oplapiu
    26/07/2012

    Paolo.. belle parole.. bel post! (e ti ringrazio da parte mia e del ‘Porto dei Benandanti’, da anni coltiviamo l’attitudine a questi ‘slanci’ artistici ;-) )

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/07/2012 da in Arte, Poesia.

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Unisciti agli altri 554 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

ayoungvoice

cook | craft | read | run

In memoriam

Ad perpetuam rei memoriam

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

cagulina80

Sempre e solo shopping

Il colibrì rosso

Una ragazza innamorata della vita, affamata di emozioni, golosa di gelati e libri.

In direzione ostinata e contraria

Storie verosimilmente semiserie di un inverosimile serio.

"PER DAMASCO" Verso la vita e altre storie.

Convivere è necessario. Condividere, non necessariamente.

404: file not found

Tutte le riviste felici si somigliano, ogni rivista infelice è infelice a modo suo.

libriedintorniblog

A fine WordPress.com site

Gianluca D'Andrea

Nothing that is not there and the nothing that is (W. Stevens)

natalia castaldi [exilio y desnacimiento]

(il nonluogo del puro sentire)

Carteggi Letterari - critica e dintorni

webmagazine di cultura, arte, musica, attualità, letteratura, poesia

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 554 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: