Grafemi

Segni, parole, significato.

Prima che finisca il mondo

E’ cosa risaputa che tra una ventina di giorni finirà il mondo. Abbiamo avuto tutto il tempo per prepararci – chiuso il conto in banca, chiarite certe faccende con gli amici persi in gioventù, approfittato dell’assenza di futuro per togliersi quella tentazione che avevamo sempre rimandato, e visitato tutti i posti più belli della terra, prima che questa venga risucchiata in un gorgo atzeco, o frantumata da un meteorite partito un milione di anni fa con lo scopo preciso di evitarci il Natale del 2012.

E’ proprio con la certezza che il mondo finirà che Mauro Maraschi e Rossano Astremo hanno deciso di mettere in piedi l’ultima (nel senso stretto del termine) antologia di racconti, dal titolo “ESC – Quando tutto finisce”, e la Hacca, casa editrice coraggiosa e intraprendente, di pubblicarla. Come illustri complici di questo azzardo, Maraschi e Astremo hanno scelto Carola Susani, Stefano Sgambati, Gabriele Dadati (che ancora ringrazio per avermi spinto, nel 2007,  inconsapevolmente, a credere nei miei mezzi), Emilia Zazza, Vins Gallico, Federica De Paolis, Fabio Viola, Giordano Meacci, Cinzia Bomoll, Flavio Santi e il sottoscritto, cioè Paolo Zardi. Tutti insieme, per manina, ci avviamo verso la luminosa fine del mondo – l’apocalisse che ci coglierà in coda sulla tangenziale di Milano o sul Grande Raccordo Anulare, nel mescolio di fiati caldi della metro dondolante, davanti a una stampante nell’ufficio che avevamo promesso, una decina di anni fa, di abbandonare per iniziare a vivere veramente. Siamo pronti, ragazzi. E nel frattempo, lanciamo questo ultimo poetico sputo verso il mondo, per ricordare a tutti che, in fondo, abbiamo sempre creduto che scrivere abbia davvero un senso.

Visti i tempi stretti, si è deciso di fissare una presentazione per il 6 dicembre, a Roma, nella libreria minimum fax. Io, per un caso fortuito (il lavoro, a volte, rema a favore), ci sarò – e sono particolarmente felice di poter conoscere molti dei miei compagni di viaggio, e di poter riabbracciare vecchi amici, tra i quali Marco Piazza, che in tutto questo ha avuto un ruolo fondamentale, e che per questo continuerò a ringraziare, tutti i giorni, fino alla fine del mondo.

invito presentazione Minimum fax mm

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

21 commenti su “Prima che finisca il mondo

  1. tramedipensieri
    01/12/2012

    …continueremo a leggere…sino alla fine dei giorni….
    In bocca a lupo, allora!

    Mi piace

  2. Zio Scriba
    01/12/2012

    Sarebbe stata una bella scusa per tornare, prima del previsto, nella meravigliosa Roma… Purtroppo è lo stesso giorno in cui dovrò accompagnare mio padre in una clinica per i suoi problemi agli occhi… Salutami tu la divina città, e in bocca al lupo per la presentazione! E arrivederci a presto, visto che il mondo, ovviamente, non finisce (per certi versi sarebbe troppo… bello :D)
    Un abbraccio.

    Mi piace

  3. countryzeb
    01/12/2012

    Paolo, sarà un grandissimo piacere rivederti. A presto!
    Marco

    Mi piace

  4. elinepal
    01/12/2012

    che bella occasione, mi sa che ci sarò.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      01/12/2012

      wow, sarebbe davvero bello! da quello che ho capito ci sarà molta gente interessante!
      a giovedì, allora!

      Mi piace

      • elinepal
        01/12/2012

        a giovedì

        Mi piace

        • elinepal
          05/12/2012

          bronchite, laringite, tracheite, sinusite, tutti gli ite del mondo per farmi restare a casa. mi spiace Paolo. Ma che resti per la fiera della piccola e media editoria? Magari fine settimana mi riprendo…..

          Mi piace

          • Paolo Zardi
            08/12/2012

            Cara Elinepal, malanni di stagione… ci saranno altre occasioni! Io ero a Roma per lavoro – ho fatto un salto alla fiera giovedì sera, ma ieri sera sono ripartito per casa – ora osservo il cielo gonfio di neve dal letto dal quale non ho ancora avuto la forza di alzarmi! 😉
            Buona guarigione!

            Mi piace

          • elinepal
            08/12/2012

            grazie! niente di meglio che restare sotto le pezze e osservare un cielo gonfio di neve. Alla prossima occasione!. 😉

            Mi piace

  5. carloesse
    02/12/2012

    Cercherò di esserci anche io, così ci conosciamo…

    Mi piace

  6. Nina
    02/12/2012

    Le mie congratulazioni.
    A Roma non ci posso venire, peccato! Però prometti che, in caso la fine del mondo venga procrastinata, organizzerai una qualche occasione di incontro con i lettori dalle da queste parti (Venezia, Padova,Mestre…)? Sarebbe più comodo anche per te, mi pare!

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      08/12/2012

      Cara Nina, certo, ci sarà una presentazione anche a Padova, o a Venezia (l’idea mi piacerebbe di più)! Il libro esce ufficialmente in gennaio – magari a febbraio riusciamo a organizzare qualcosa – fine del mondo permettendo! 😉

      Mi piace

  7. Nina
    02/12/2012

    a proposito di refusi: chi di spada ferisce…

    Mi piace

  8. Marina Salomone
    03/12/2012

    una bella occasione di incontro…peccato non poter esserci anch’io , comunque prosit!!!

    Mi piace

  9. carloesse
    07/12/2012

    Nonostante le piccole dimensioni della libreria minimun fax, direi che la serata è risultata ben riuscita. Sala piena (molta più gente che alla presentazione del nuovo movimento di Emilio Fede !!), anche se un buon 30% era rappresentato dagli autori, presenti, dai curatori dell’antologia, dagli editori (tutti più volte elogiati) e dal personale della libreria. E’ stato letto qualche brano da parte dei rispettivi autori, qualcun altro ha preferito limitarsi a commentare la propria partecipazione e il proprio racconto. Io ho finalmente conosciuto Paolo, il libro l’ho comprato, ed ho cominciato a leggerlo ieri sera stessa. E credetemi: merita.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      08/12/2012

      Rettifico la tua percentuale: secondo me tra autori, editori, curatori e librai arrivavamo al 70%! 😉 Ma c’era un bel calore – complice anche il vino rosso – e un clima davvero accogliente. Sono stato contento di conoscerti – ci sono certe cose, come i sorrisi, che le parole scritte non sono in grado di riportare!
      Grazie per essere passato, e… a presto!

      Mi piace

  10. Nina
    11/12/2012

    A Venezia, dunque, alla faccia dei Maya!
    Non mancherò

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.843 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: