Grafemi

Segni, parole, significato.

Horror vacui

Osvaldo-Paniccia-480x263

Sabato 1 dicembre 2012 è morto Osvaldo Paniccia: lo apprendo in uno dei siti più inquietanti e originali nei quali mi sia imbattuto, cioè “Il morto del mese”, uno spazio nel quale vengono censite, giorno per giorno, le dipartite di personaggi più o meno famosi allo scopo di eleggere, tramite giuria popolare, il (appunto) morto del mese. Lo spirito macabro di questa iniziativa è compensato da alcune osservazioni particolarmente brillanti, e talvolta feroci, soprattutto nei  confronti di chi vota.

Osvaldo Paniccia non è un uomo celebre – si trova a gareggiare con personaggi del calibro di Rita Levi Montalcini, Riccardo Schicchi, Normam Schwarkopf e Febo Conti – ma la sua storia merita di essere raccontata. Osvaldo era un pittore, con la sfortuna di essere nato in un’epoca in cui la pittura non ha più alcun valore, se non quello assegnato da case d’asta o gallerie d’arte, secondo dinamiche del tutto sconosciute. Chi sarebbe in grado di spiegare perché una di queste due opere (e soprattutto quale delle due) vale qualche milione di euro, e l’altra meno di cento?

a hole

righe

In questa assenza di parametri estetici condivisi, è possibile spacciare non solo delle croste per dei capolavori, ma soprattutto dei giudizi privi di alcuni significato in analisi stilistiche di senso compiuto. Un amico, che di lavoro fa il copywriter, mi raccontava di come avesse dovuto, un giorno, scrivere il catalogo di una mostra d’arte di un architetto del quale non sapeva nulla; la richiesta che aveva avuto era stata molto dettagliata: fa’ che sembri una roba seria. La cosa tragica è che il risultato è stato apprezzato da tutti. Anni fa – più di trenta – vendevano un giocattolo che si chiamava Tubolario: era composto da sette cilindri che ruotavano attorno a un tubo; su ciascuno di questi cilindri erano scritte dieci frasi: allineando a caso i cilindri, ne usciva sempre una frase di senso compiuto.

Tubolario

Il signor Tubolario dell’arte italiana si chiama prof. avv. Andrea Diprè – un tizio con lo sguardo da faina (il cui titolo di avvocato lo mette al riparo da aggettivi più coloriti) che per anni ha presentato migliaia di artisti, e i loro innumerevoli quadri, su piccole tv locali, sprecando, per ciascuno, i più tubolarieschi aggettivi. In cosa consiste il guadagno di tanta fatica? Amore per l’arte? Probabilmente no, come spiega bene questo post molto accorato, scritto da una delle tante persone ingannate da Andrea Diprè: in pratica, con false promesse, l’avvocato (questo è quanto sostengono le sue vittime) chiede soldi ad artisti, o presunti tali, che, in buona fede, pensano di avere davanti un critico d’arte serio e appassionato, e non con una specie di venditore di pentole. Niente di nuovo sotto il sole: Diprè ha fatto suo il trucco delle famigerate case editrici a pagamento che, facendo leva sulla fragile vanità di chi si avvicina timidamente all’arte, scambiano il fine con il mezzo. Non è un reato, certo, ma di sicuro non si tratta delle attività più nobili.

Tra gli artisti scoperti dal nostro Diprè (che Lombroso avrebbe opportunamente classificato), c’era anche Osvaldo Paniccia, un gentile signore di Terracina che, ormai prossimo alla morte, viene intervistato dal critico d’arte, nella sua (di Paniccia) abitazione. Il video che ne è stato tratto è diventato ormai celebre, e ha spalancato a Diprè un nuovo mercato, che è quello dei casi umani: mentre prima il suo eloquio era tutto indirizzato all’esaltazione di banali croste, ora l’oggetto della sua retorica sono i pittori stessi, solleticati ancora di più nella loro vanità. In un mondo normale, e sensato, una simile attività sarebbe considerata repellente, o quanto meno disdicevole; ma già al tempo dei romani la gente amava vedere i cristiani mangiati dai leoni, e fino al secolo scorso le pubbliche esecuzioni erano uno degli spettacoli più attesi in ogni città. Il pubblico ama vedere la sofferenza, l’umiliazione, la morte – e in questo tragico video di Osvaldo Paniccia, abbiamo sofferenza, umiliazione e morte.

Ma talvolta, anche in simili aberrazioni, si può nascondere un frammento di verità, o di redenzione. Paniccia, che respira a fatica, osserva Andrea Diprè con un volto pieno di un orrore inspiegabile. Le poche parole che riesce a dire con un soffio di voce hanno il sapore del reale, del contingente, del vero, e si oppongono con feroce stridore al vuoto della retorica prezzolata di Diprè, che in taluni momenti stenta a trattenere crudeli risatine. In questo confronto impietoso, Osvaldo dapprima sembra soccombere, ma piano piano la sua umiliazione raggiunge livelli cosmici: assomiglia a uno di quei tori costretti a morire nelle corride, che oppongono al divertito dileggio del torero la propria sofferenza e la propria debolezza; ha la stessa potenza dell’uomo onesto e probo che, tralalalla tralalalleru, nella canzone “La ballata dell’amore cieco” di Fabrizio De Andrè, sconfigge, con la propria sconfitta, la vanità della donna che amava. La vittoria devastante e vuota di Diprè è un clamoroso atto di accusa contro il suo cinismo vile e bieco; e il povero Osvaldo, i cui quadri vengono soffocati da parole che non sono in grado di sostenere, ne esce come un eroe – il simbolo dei vinti, della loro dignità, e della loro ineludibile umanità.

Onore quindi a Osvaldoshame on Diprè!

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

4 commenti su “Horror vacui

  1. mellie
    17/01/2013

    Su paniccia e diprè è stato detto molto o tutto.
    Ma la tua è l’opinione che preferisco.

    Mi piace

  2. tramedipensieri
    17/01/2013

    Non lo conoscevo 😦

    Mi piace

  3. marina
    20/01/2013

    molto interessante… non ne avevo idea di questa storia e tanto meno di questo squallido avvocato

    Mi piace

  4. Noemi
    27/04/2013

    “”Paniccia, che respira a fatica, osserva Andrea Diprè con un volto pieno di un orrore inspiegabile.”” Falsissimo!!! Paniccia era ammalato e giustamente Diprè che è stato chiamato appositamente, ha cercato di presentare le opere e l’artista.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/01/2013 da in Arte, Politica con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.973 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: