Grafemi

Segni, parole, significato.

Io, il Pezzoli e Coscio’

Quattro soli a motore

Prendete un campano solare e pieno di passione che ha scelto la durissima strada dell’editore, un lombardo che preferirebbe vivere come un clochard piuttosto che smettere di scrivere, e un padovano costretto a fare l’ingegnere, ma che nei ritagli di tempo scrive, e metteteli nel luogo più cool di Padova; aggiungete poi la benedizione dell’unico movimento letterario degno di questo nome in Italia, e ottenete la presentazione de Quattro soli a motore, romanzo scritto da Nicola Pezzoli (il lombardo), pubblicato dalla Neo Edizioni di Francesco Coscioni (il campano) e Angelo Biasella, e presentato da Paolo Zardi (il padovano), a La Corte dei Leoni, nel cuore antico di Padova, e con la sponsorizzazione ufficiale di Sugarpulp.

Il libro – ne ho parlato diverse volte su questo blog – è davvero bello. Potrei elencare le splendide recensioni che ha ricevuto, ma vi rimando direttamente alla pagina che le raccoglie; preferisco invece dire che mia madre, dopo averlo letto, l’ha prestato a un’amica, che prima di iniziarlo si è ammalata. E’ rimasta chiusa in casa per cinque giorni, con una sola compagnia: quella di Quattro soli a motore. E, mi ha detto, è stata la migliore compagnia che poteva avere.

Quindi, se abitate a Padova, o a Venezia, o a Vicenza, o a Conegliano, a Marghera, a Treviso, a Bologna, prendete la macchina, l’autobus, il motorino e venite alla Corte dei Leoni – ne vale la pena!

Se invece siete di Verona, non potete perdervi la seconda grande presentazione del trio campano-lombardo-veneto alla libreria Feltrinelli di Verona, dove il moderatore sarà il grande, grandissimo Guariente Guarienti, motore instancabile di cultura.

feltrinelli verona quattro soli a motore

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

13 commenti su “Io, il Pezzoli e Coscio’

  1. Zio Scriba
    20/02/2013

    Non vedo l’ora, caro Paolo… 😉

    Mi piace

  2. Sik
    21/02/2013

    Daje!

    Mi piace

  3. Francesco
    21/02/2013

    Presente!

    Mi piace

  4. bettyboohhh
    21/02/2013

    Peccato essere così lontana! Avrei voluto esserci anch’io
    Sig………………. I miei tre miti insieme e io non posso esserci?????????????????
    Dai venite anche a Roma a Presentare ‘sto libro!

    Mi piace

    • Zio Scriba
      21/02/2013

      Già fatto il 15 novembre… ma non è detto non si ripassi… 🙂

      Mi piace

      • bettyboohhh
        21/02/2013

        Mi dispiace essermi persa l’occasione, in quel periodo avevo appena cambiato lavoro ed ero molto distratta e, confesso che non ho letto tutti gli inviti della NEO.
        I’m sorry, Dai tornate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        Mi piace

  5. carloesse
    21/02/2013

    Io il libro l’ho finito proprio ieri, ed ho anche scritto il mio positivo commento su Anobii. Però se ripassassi veramente di nuovo a Roma (il 15 novembre non sapevo) ci verrei lo stesso.

    Mi piace

    • Zio Scriba
      21/02/2013

      Intanto grazie per il commento positivo su Anobii. Se ripasserò,(anche come turista) sarà un piacere bere qualcosa insieme (o far aggiungere un posto in una certa trattoria alla Garbatella), e soprattutto parlare di libri.

      Mi piace

      • carloesse
        23/02/2013

        Meglio la Garbatella: non bevo (quasi) mai a stomaco vuoto.

        Mi piace

  6. amanda
    24/02/2013

    bene il libro l’avevo già letto, ma l’occasione è stata davvero piacevolissima, grazie

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      24/02/2013

      Grazie a te, Amanda, per aver trovato il tempo di venire alla presentazione, nonostante il picco di influenze di questo periodo!
      Alla prossima!

      Mi piace

  7. Zio Scriba
    24/02/2013

    Grazie di cuore alle splendide persone che ho potuto conoscere a Padova e Verona, e a chi l’ha reso possibile, come Paolo (e famiglia), Francesco e Guariente. Un abbraccio a tutti i “Sugarpulp”, e un altro bacino (per la gentilezza e per la buonissima birra) alla commessa di Feltrinelli a Verona!

    Mi piace

    • L' Alligatorel
      24/02/2013

      … saluterò io per te la commessa di Verona, quando ripasso in città. A Verona, posso dire, io c’ero, e come gli amici di Roma, ti chiedo di ripassare. Doppio reading misto 😉

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.854 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: