Grafemi

Segni, parole, significato.

Il muretto dei quattordicenni – i luoghi dell’infanzia #3

Fanno sempre una certa tenerezza i bambini quando vogliono sembrare grandi: con un grissino in mano fingono di fumare, bevono il succo di mela spacciandolo per vino, e si guardano … Continua a leggere

26/08/2013 · 4 commenti

Il tempo dei bambini – i luoghi dell’infanzia #2

Mentre passeggio sul lungomare, sotto il sole ormai stanco della seconda metà di agosto, non posso evitare di guardare i corpi che mi circondano: mamme che inseguono bambini con la … Continua a leggere

22/08/2013 · 5 commenti

La caserma – i luoghi dell’infanzia #1

Taluni – scienziati cognitivisti, psicologi, persone romantiche – ritengono che i luoghi dell’infanzia rappresentino non solo lo scenario sul quale si proiettano i nostri primi ricordi, ma la base della … Continua a leggere

20/08/2013 · 4 commenti

I pomodori di Ivo

Qualche anno fa mio suocero Ivo ha comprato dei semi di pomodoro a Fossalon, da un contadino che si impegna a preservare alcune specie ormai trascurate, e li ha piantati … Continua a leggere

13/08/2013 · 6 commenti

Il cambio di paradigma – da Galileo a Flaubert

Thomas S. Kuhn, nel suo celebre “La struttura delle rivoluzioni scientifiche” del 1962, sostiene che la scienza procede non per gradi ma per rivoluzioni, le quali, più che offrire la … Continua a leggere

06/08/2013 · 4 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.851 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.