Grafemi

Segni, parole, significato.

Un corso di scrittura!

Finalmente sono riuscito a mettere giù un calendario degli incontri!

    sabato 9 novembre 2013
sabato 14 dicembre 2013
sabato 18 gennaio 2014
sabato 15 febbraio 2014
sabato 15 marzo 2014
sabato 10 maggio 2014

dalle 15 alle 18, in via Giacomo Medici 2/a (una laterale di via Pilade Bronzetti), a Padova.

Gli incontri sono incentrati prevalentemente sull’arte dello scrivere un racconto: cos’è che fa funzionare un racconto? Perché i racconti di Cechov, o della O’Connor, o di Carver, sono così belli? Partendo dall’analisi dei “racconti perfetti”, si cercherà di acquisire consapevolezza degli strumenti e delle tecniche che stanno alla base della scrittura, per migliorare il proprio stile e creare qualcosa di cui essere orgogliosi. Ma il punto centrale di questo corso – per certi versi anomalo – saranno i racconti scritti dai partecipanti, e l’interazione tra un incontro e l’altro: consigli, editing, riscrittura, suggerimenti sul materiale prodotto – un lavoro riga per riga, parola per parola. La teoria sarà solo il punto di partenza – uno spunto per provare a fare meglio. Io sono pronto a rimboccarmi le maniche, e a lavorare duramente per tirare fuori il meglio di voi!

Il costo di partenza del corso è di 130 euro, al quale vanno aggiunti 20 euro di iscrizione all’associazione che ci ospita. Per partire, serve la conferma definitiva di almeno otto persone; se raggiungiamo le dieci persone il costo diventa 120 e se arrivano dodici persone (il numero massimo che sono in grado di gestire) la quota da versare arriverà a 110 euro. Il pagamento avverrà durante il primo incontro.

Il termine ultimo per l’iscrizione – che deve avvenire via mail, scrivendo a paolo.zardi[chiocciola]gmail.com – è il 31 ottobre. Sarà poi mia cura confermare a tutti l’effettiva partenza entro il 2 novembre.

A presto!

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

2 commenti su “Un corso di scrittura!

  1. Francesco Di Vincenzo
    16/12/2015

    Gentile Zardi, vedo che lei non considera un limite, se non proprio un ostacolo, analizzare il linguaggio di un racconto in traduzione, per di più da una lingua, il russo, così diversa dall’italiano. Le sarei grato se me ne spiegasse le ragioni. Grazie. Francesco Di Vincenzo

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      17/12/2015

      Gentile Di Vincenzo, la sua osservazione è molto pertinente. Tuttavia, nel caso specifico del raccconto di Cechov, l’analisi compiuta si limita ad aspetti macroscopi, legati alla punteggiatura e alla congiunzioni, sui quali generalmente la traduzione non introduce variazioni significative – diverso sarebbe stato il caso in cui avessi considerato figure retoriche quali l’alliterazione, o avesssi compiuto un’analisi sulla lunghezza media delle parole, o avesssi evidenziato la presenza di qualche particolare lettera in punti cruciali della storia.
      Se per caso lei avesse la versione russa di “Viaggio sul carro”, scritta in caratteri latini, sarei ben contento di eseguire la stessa analisi quantitativa, per vedere quanto valida sia la mia ipotesi.
      Grazie per l’intervento,
      Paolo

      Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/10/2013 da in Corso di scrittura, Editoria con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.973 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: