Grafemi

Segni, parole, significato.

La morte non è mai stata così nuda

Inizio a domandarmi, abbastanza seriamente, come mai mi capiti di parlare sempre più spesso di morte. I tempi? L’età? La vita? La necessità di esorcizzare la più antica, la più … Continua a leggere

28/11/2013 · 7 commenti

Chi la fa, l’aspetti

Un po’ di tempo fa mi ero divertito a recensire “Cinquanta sfumature di grigio” senza leggerlo, ma contando le parole che lo componevano. Giacomo Brunoro, editore de “La Case Books” … Continua a leggere

23/11/2013 · 2 commenti

E se il romanzo fosse già morto?

Nel 476 d.C., una delle tante date che (giustamente) ci fanno imparare a scuola, nessuno si era reso conto di quello che stava succedendo: il crollo dell’Impero Romano d’Occidente, l’inizio … Continua a leggere

19/11/2013 · 12 commenti

L’inserto del lunedì – Paolo Poli, di Gianluca Meis

Non c’è modo di scegliere quali ricordi trattenere dell’infanzia – alcuni spariscono per anni, e poi riaffiorano per caso, nei momenti più inaspettati, a dirci qualcosa del nostro passato – … Continua a leggere

18/11/2013 · 4 commenti

14 novembre 2013 alla Feltrinelli di Padova

Ok, a Padova ci sono due librerie Feltrinelli, ma quando si dice “Feltrinelli” tutti sappiamo di quale si parla: quella storica in Riviera Ponti Romani, all’incrocio con via San Francesco, … Continua a leggere

12/11/2013 · 11 commenti

Acido desossiribonucleico

Uno dei racconti contenuti nella mia raccolta “Il giorno che diventammo umani” (Neo Edizioni) parla di DNA: di come questo determini le caratteristiche di un essere umano tra le quali … Continua a leggere

11/11/2013 · 2 commenti

Per una teoria dei denti del giudizio

1. I denti del giudizio iniziano a crescere la sera, e smettono di farlo quando devi andare al lavoro. 2. Se i denti del giudizio crescessero a 15 anni, l’homo … Continua a leggere

10/11/2013 · 17 commenti

Chiacchiere in diretta con l’Alligatore…

Alle 22.20 di oggi, lunedì 4 novembre, l’Alligatore mi farà qualche domanda e io darò qualche risposta, in diretta, sul suo blog, con una formula già ampiamente collaudata con gruppi … Continua a leggere

04/11/2013 · Lascia un commento

Camminare fa bene – un racconto di Caterina Falconi

Ho avuto modo di apprezzare Caterina Falconi leggendo alcuni suoi racconti che, gentilmente, ha condiviso con me. Ne ho apprezzo lo stile e il coraggio: entrambi, lo ammetto, mi hanno … Continua a leggere

04/11/2013 · 4 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.