Grafemi

Segni, parole, significato.

Due racconti e una presentazione

La storia del primo racconto è curiosa: Ilaria Vajngerl, scrittrice vicentina, ha letto “Il giorno che diventammo umani” e ha scritto il suo parere nel suo blog, Il pesce volante, che consiglio di seguire. L’articolo era questo: il post di Ilaria su Il Pesce Volante

Il post si concludeva con una bella sfida:

Quando ho terminato il libro ho scritto una mail a Zardi, lanciandogli una sfida. Vorrei che mi scrivessi un racconto breve, gli ho detto, che però:

-non contenga sesso, morte, malattia, bambini
-sia felice senza essere banale
-sia ipoteticamente inseribile nella sua ultima raccolta

Lui mi ha risposto ironico, con una citazione di P. Roth: niente sesso, niente morte, niente malattia e niente bambini. Di cosa devo parlare? Del panorama?

Se Roth non fosse il genio della scrittura che è (leggete il Teatro di Sabbath), probabilmente farebbe il direttore di Studio Aperto.

Ho accettato, e molto volentieri. Il racconto che ne è venuto fuori si trova su Scrittori Precari (altro blog da seguire…), e più precisamente qui: Grammatica Finlandese su Scrittori Precari

Tra un boccone e l’altro, lui cerca le parole giuste per spiegarle quello che lei ha già intuito; ma per quanto si sforzi, non le trova. L’amore è poesia, è profusione di metafore, è altezze vertiginose; l’abbandono, invece, striscia noioso come un atto notarile che certifica la cessione di un ramo d’azienda, o la messa in liquidazione di una società che non fa più utili da tempo.

La storia del secondo racconto, uscito sul blog di Tutta colpa della Maestra (altro blog consigliatissimo) è, in realtà, il remake di un vecchio post scritto pensando a un amico che non vedo più da tempo. Anche lui, come il personaggio di questo racconto, si chiamava Francesco; la nuova versione, però, parla di Francesco Coscioni, noto anche come l’uomo più bello del mondo. Questa storia – la sua versione originale, a dire il vero – mi è molto cara perché sviluppando l’idea che ci sta dietro (un’idea crudele, lo ammetto)) è nato Marco Baganis, personaggio principale del mio unico romanzo pubblicato, La felicità esiste. Si parla di bellezza, e sopratutto di bruttezza. Il racconto si chiama Io e Francesco e può essere letto qui.

Ci chiedevamo: quanto tempo passerà perché quel cesso, largo e basso, con il mento installato al contrario, si renda conto che non la tirerà su nessuno? O perché quel cane pechinese con le tette capisca che il ricciolino con gli occhi azzurri e la camicia attillata ha progetti ben diversi sul come e sul dove passare la notte? Non serviva sforzo: puntavamo sulla disperazione che avrebbe colto quei mostri quando si sarebbero trovate sole nella pista…

E infine la presentazione, l’ultima per il 2013. Oggi, mercoledì 4 dicembre, alle 18.30, alla Libreria Minerva di Trieste, in via San Niccolò (il numero non lo ricordo: ma è grande la si vede anche da lontano), Luigi Nacci e Gianfranco Franchi mi aiutano a presentare “Il giorno che diventammo umani”.

Il giorno che diventammo umani

Il giorno che diventammo umani

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

3 commenti su “Due racconti e una presentazione

  1. Zio Scriba
    04/12/2013

    Nel commentare do una sbirciata all’orologio del pc (l’unico che abbia e che sopporti… :D) e mi accorgo che manca una manciata di secondi ala presentazione. Quindi ti dico soprattutto in bocca al lupo! (Dovrei dirti anche che quei due racconti, che ho appena letto avidamente, sono come al solito magistrali, ma che te lo dico affà?)
    Un abbraccio.

    Mi piace

  2. Zio Scriba
    04/12/2013

    Azz, che disdetta, e che figuraccia: wordpress non mi consente di togliere il commento per correggerlo… e così nella fretta la mia stronza tastiera e le mie mani fredde mi hanno fatto scrivere “ALA presentazione”… Vogliamo considerarlo un divino e inconscio riferimento alle ALI del successo? 🙂

    Mi piace

  3. marina
    29/12/2013

    ottimo!!! complimenti e auguri per il nuovo anno!!!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.851 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: