Grafemi

Segni, parole, significato.

Rubare tempo all’allegria – Marina Sangiorgi

Esistono i racconti, esistono i racconti lunghi (che gli anglosassoni chiamano novella) ed esistono i romanzi – una classificazione piuttosto becera, che aiuta soprattutto gli editori a prendere le loro decisioni. Ma ci sono, poi, raccolte di racconti che si posizionano in un mondo a parte, dove non è più possibile appiccicare una comoda etichetta. Rubare tempo all’allegria di Marina Sangiorgi, edito da Raffaelli Editore, appartiene a quest’ultima categoria: un pezzo unico, che si oppone a qualsiasi tentativo di classificazione. La raccolta è formata da diciassette racconti, divisi, non equamente, tra due parti; la prima contiene dodici racconti popolati dagli stessi personaggi, che gravitano tutti attorno a una famiglia numerosa – una sorta di romanzo che procede per istantanee autonome tra loro; la seconda contiene i restanti cinque, che presentano personaggi slegati dal contesto della prima, pervasi però dalla stessa atmosfera. Dunque? Un romanzo di racconti? Un racconto lungo con appendice di racconti brevi? Arrivati alla fine, ci si rende conto che la domanda è irrilevante: è un libro bellissimo, e questa è l’unica cosa importante.

Ci sono molti modi per essere anticonformisti; alcuni di questi sembrano ormai appartenere a un genere codificato, un anticonformismo conformista, che da tempo non sorprende più. Rubare tempo all’allegria è un libro anticonformista nel senso più alto del termine, perché non si conforma ad alcuna delle regole editoriali degli ultimi venti o trent’anni. La Sangiorgi sceglie una strada solitaria e di assoluto rigore nel raccontare le sue storie, apparentemente minuscole, di uomini e donne qualsiasi, in una Bologna tra le due grandi guerre; e lo fa scegliendo una lingua levigata, piana, quasi cristallina, dove ogni parola – ogni aggettivo, ogni impercettibile variazione – hanno un significato preciso. Scegliere di descrivere la complessità irriducibile del mondo attraverso uno stile che rinuncia agli artifici retorici più scontati, ai facili trucchi del finale a sorpresa o del climax e dell’anticlimax, alla crudeltà o alla consolazione gratuite, richiede non solo coraggio ma anche una grande consapevolezza dei propri mezzi: la Sangiorgi ha l’uno e l’altra. Un racconto dopo l’altro, l’autrice costruisce un mondo sentimentale ricchissimo, e pieno di sfumature, dove l’amore, il disincanto, il rimpianto e il desiderio si intrecciano tra loro secondo le regole della vita: il caso, i progetti mal definiti degli esseri umani, la rassegnazione e la spinta incessante alla ricerca della felicità. Storie borghesi nel senso più stretto del termine, dove il matrimonio è l’obiettivo che condiziona le vite di tutti; e perciò storie di speranze tradite, di compromessi e di solitudini, di piccole gioie domestiche e di corteggiamenti, dove nessuno pare abbastanza forte da potersi permettere il lusso di essere veramente felice.

Il libro, che si presenta in un’edizione curatissima, sembra scritto non con la penna, o un computer, ma con una spoletta che intreccia la trama elegante a un ordito perfetto: alla letteratura industriale, in poliestere e viscosa, la Sangiorgi oppone, con delicata fermezza, un modo diverso di intendere la scrittura, dove ogni parola è scelta con la cura di un artigiano che compone la propria opera. In Rubare tempo all’allegria c’è qualcosa di flaubertiano – nel tono, nella voce, ma soprattutto nelle intenzioni: nella definizione degli scopi dello scrittore, e dei mezzi di cui egli dispone. In questo rivolgersi al passato, però, non ci sono né nostalgia né rimpianto, ma, piuttosto, la lucida ricerca di una strada che, invece di seguire le mode del tempo, conduca il lettore e lo scrittore (binomio indissolubile) nel misterioso spazio dell’arte. E, per nostra fortuna, qualcuno ancora ci riesce.

Rubare al tempo all'allegria - Marina Sangiorgi

Rubare al tempo all’allegria – Marina Sangiorgi

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

Un commento su “Rubare tempo all’allegria – Marina Sangiorgi

  1. marina sangiorgi
    03/01/2014

    Grazie Paolo (e grazie è poco)! questo sì che è un bel modo di cominciare il 2014…

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/01/2014 da in Letteratura, Recensioni con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.506 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

Oblò(g)

Non ho la pretesa di avere una finestra sul mondo. Mi basta un oblò.

Diario di un giovane naturalista

"Tutto è chimica, governato dalla fisica e spiegato dalla matematica"

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

OssiTossina

Una filosofa così oscura che Schopenhauer te lo svendo come precursore del PositiveThinking

mestierelibro

piccola scuola del libro

maledetta tastiera

just write already, you bloody keyboard...

fiabeatroci

Vi darò la narrativa integrale - ma la definizione attenti è provvisoria (Luciano Bianciardi)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: