Grafemi

Segni, parole, significato.

Italian graffiti

Oggi ho trovato, su Twitter (non ricordo l’utente che l’ha postata) questa foto:

BdYwlI2IgAAnRXA

Mi è tornato, allora, in mente un vecchio post, scritto nel 2007, dopo un pomeriggio passato lungo un fiume (credo il Bacchiglione), alle porte di Padova. Mentre cercavo di impedire ai miei figli, che allora avevano un anno e tre anni, di cadere in acqua, avevo adocchiato una curiosa scritta sulla base del ponte. Rileggendolo ora, mi impressiona un po’ vedere un me trentasettenne che calcola che, passati quindici anni, ne avrebbe avuto cinquantadue (e che quindici anni prima ne aveva ventidue). Il tempo passa a una velocità straordinaria; o, piuttosto, il tempo sta fermo, e quelli che passano siamo noi. Lo ripresento qui su Grafemi, con l’impegno di riproporlo, ancora una volta, tra quindici anni – quando ne avrò cinquantotto.

Non ho l’età

Non ho più l’età.

Per capirlo, basterebbe il fatto che ogni tanto mi chiedo quanto manca al secondo rinnovo della patente. O che ogni tanto mi scappa Omnitel invece di Vodafone, o addirittura Sip al posto di Telecom.

Spesso mi sorprendo a pensare che 37 anni siano un’età provvisoria – che cioè, tra un po’, tornerò ad averne venti, o venticinque. D’altra parte, anche mio figlio Jurij mi dice: “Quando sarai piccolo, giocherai con me”. Se ci penso un po’ su, però, capisco che è sì un’età provvisoria, ma perché tra quindici ne avrò cinquantadue.

Oggi ho avuto un altro segnale. Su un muro c’era scritto:

1954892_cb384ded8e_m

A parte che ai miei tempi uno che si chiamava Fufi non sarebbe mai arrivato ad avere un’eta tale da riuscire a scrivere sui muri, mi sono chiesto il significato di quella scritta. Io sapevo TVB, e TVTB, e anche il più esplicito TVS, ma questa sequenza è il frutto creativo di una generazione che non è più la mia.

Le prime cose che mi sono venute in mente sono:
Tutti Vogliono Raderti al Suolo
Ti Vedo Ridicola e Sciocca
Tu Vuoi Regali, Stronza

Dopo, ho pensato che era un erotico Ti Voglio Riprendere Spogliata, o un più spinto Ti Voglio Rifare il Sedere. O era un nostalgico Tu Vendicherai la Repubblica di Salò, o un brigatistico Ti Vorrei Roberto Savasta, oppure un incomprensibile Tirana: Violenza Ritmo e Sardine, un geloso Tu Vuoi Renato Soresin  (chi cazzo è, Renato Soresin??), oppure un sessantottino Ti Voglio Ribelle e Selvaggia, un imperativo Ti Vieto di Ritornare a Salerno, una richiesta tra cinquantenni Ti Voglio Ri Sposare, o un romanticissimo e pinkfloydiano Ti Vedo Risplendere nel Sole

Oppure, vista la zona in cui ero – una specie di argine del fiume, piuttosto scomodo – ho anche pensato che magari Fufi aveva accompagnato sua nonna in sedia a rotelle; poi lei si è addormentata, lui doveva prendere le sigarette, e le ha lasciato scritto Ti Vengo a Riprendere Subito.

In ogni caso, qualsiasi cosa volesse dire, non era alla mia età che stava parlando.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

16 commenti su “Italian graffiti

  1. Zio Scriba
    07/01/2014

    Ecco cos’è uno Scrittore: uno che da quattro lettere su un muro riesce a tirar fuori un pezzo così, esilarante e struggente. Un abbraccio.

    Mi piace

  2. tramedipensieri
    07/01/2014

    Opterei per : Ti Vengo a Riprendere Subito. 😉

    Mi piace

  3. Sole
    07/01/2014

    Ti voglio Ribelle e Selvaggia: io quoto questa.;)

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      08/01/2014

      Ma magari è “Ti voglio ribelle e selvaggio” – Fufi potrebbe essere anche una femmina…

      Mi piace

  4. johncatrame
    07/01/2014

    Tu Vero Raro Scrittore

    Mi piace

  5. luciaguida
    08/01/2014

    Romanticamente scontata ( ma abbastanza attendibile ): ti vorrei riavere subito.
    Buon mercoledì a tutti 🙂

    Mi piace

  6. Elle
    08/01/2014

    E se fosse F.U.F.I.?

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/01/2014 da in Blog, Ricordi, Scrittura con tag .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: