Grafemi

Segni, parole, significato.

L’inserto del lunedì – Mamma, di Claudio Bagnasco

Riprende, dopo un periodo di riposo, l’inserto del lunedì: nelle prossime settimane la proposta sarà variegata e, spero, sempre interessante. Questa settimana, un racconto brevissimo e dirompente di Claudio Bagnasco, … Continua a leggere

19/05/2014 · Lascia un commento

Il signor Bovary

Quindi, è uscito: dopo un’attesa di qualche mese, dal’8 maggio del 2014 è disponibile il mio ultimo lavoro, il racconto lungo, o romanzo breve, “Il signor Bovary”. Esce per la … Continua a leggere

14/05/2014 · 17 commenti

Torino, un’esperienza

Era dai tempi di Gardaland che non vedevo tante facce così da vicino – dal giorno in cui aspettai due ore e mezza in coda per fare un giro su … Continua a leggere

12/05/2014 · 10 commenti

La mia famiglia editoriale

Al Salone del Libro, a Torino, ho una piccola famiglia: sono i miei editori, i ragazzi della Neo e quelli di Intermezzi, con i quali sto percorrendo una strada qualche … Continua a leggere

10/05/2014 · Lascia un commento

Sei minuti

Racconto di apertura della mia raccolta di racconti Antropometria uscita per la Neo Edizioni nel 2010. Ci vediamo al Salone del Libro di Torino! Una notte, camminando lungo il marciapiede che costeggia … Continua a leggere

07/05/2014 · 1 Commento

Al Salone del Libro!

E come ogni, si rinnova il rito del Salone del Libro di Torino. Non so se sia un evento importante, dal punto di vista della cultura, e, tutto sommato, me ne frega … Continua a leggere

05/05/2014

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.