Grafemi

Segni, parole, significato.

Il signor Bovary – le prime impressioni

Quando esce un libro – quando esce un tuo libro, qualcosa sulla quale hai speso tempo, e bruciato passioni – le prime impressioni assomigliano all’eco prodotto da una montagna lontana verso la quale si ha gridato: significa che, nonostante le difficoltà del mercato editoriale, e i problemi della distribuzione, che spesso latita, qualcosa, dall’altra parte è arrivato. Allora, per dare coraggio al “Signor Bovary”, l’ultimo nato – un libricino piccolo ma denso – riporto qui le prime impressioni, scritte da tre donne (e la cosa, non so perché, mi sorprende un po’).

4zor.thumbnailLa prima recensione è dell’amica Morena Fanti, autrice innovativa e lettrice sempre attenta. Nel suo blog Solo io e il silenzio, dove alterna riflessioni sulla scrittura e sull’evoluzione delle nuove forme di editoria digitale, consigli per aspiranti scrittori e bellissimi racconti, scrive una recensione articolata e ricca di spunti.

Ma la storia del signor Bovary non ha lo svolgimento piano, seppur tragico, che ci attendiamo. Non solo quello.
La storia svolta diverse volte e scende sempre più in basso: la torbida relazione tra i due protagonisti non si ferma, esplora nuove possibilità, nuove facce del tradimento.

Per leggere il resto della recensione, si può andare qui.


stravagaria

La seconda recensione è sul blog  Stravagaria nel quale Viviana scrive una recensione piuttosto affilata che, lo ammetto, mi ha fatto molto piacere.

E fatale non è certo un termine scelto a caso in un racconto in cui lo spettro del castigo -o se preferiamo, dell’assunzione di responsabilità- si palesa a più riprese e si incarna definitivamente nelle sembianze di un vendicatore quasi legittimo, dallo sguardo vacuo e dai modi insopportabilmente cortesi.

Per leggere il resto della recensione, si può andare qui.


picture-170Infine Barbara Gozzi parla de “Il signor Bovary” sul prestigioso sito letterario Lankelot.

Una storia che scivola giù rapida e urticante, trascina il lettore, s’aggrappa al suo collo e non lo molla consapevole di avere diverse armi a disposizione per convincerlo a restare, toccando proprio quegli aspetti fragili e squallidi da cui la natura umana fugge da sempre.
“Gli esseri umani erano creature scricchiolanti e male assemblate, con un motore troppo potente per una carrozzeria così fragile.”
Per leggere il resto della recensione, si può andare qui.

A tutte e tre: grazie!


Dimenticavo: il libro è uscito nella collana digitale “Ottantamila” della casa editrice Intermezzi, che propone racconti lunghi, o romanzi brevissimi – ottantamila caratteri, più o meno. Per chi non conosce la dura legge dell’editoria, un racconto mediamente sta sotto i 40.000 caratteri, un romanzo sopra i 160.000. Le cose che stanno in mezzo, talvolta definite con il termine “novella”, non le pubblica nessuno. Intermezzi pubblica romanzi e raccolte di racconti in formato cartaceo; per questi libri un po’ ibridi ha scelto, a mio parere correttamente, la strada dell’ebook, che può essere comprato con pochi click (e pochi soldi: costa 3 euro) a questo link.

(Per i tradizionalisti, invece, esiste una versione cartacea piuttosto rara, disponibile solo in occasioni speciali… Ad esempio il 19 giugno, a Padova, in un evento che sarà reso noto solo all’ultimo momento…. 😀 )

bovary

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

3 commenti su “Il signor Bovary – le prime impressioni

  1. amanda
    04/06/2014

    beh Moretto dagli eventi a sorpresa cerca di mettere l’evento in orario decente che ho ambulatorio il pomeriggio! 😛

    Mi piace

  2. stravagaria
    04/06/2014

    My pleasure 😉

    Mi piace

  3. Pingback: Il Signor Bovary – Paolo Zardi | Country Zeb

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: