Grafemi

Segni, parole, significato.

La vertigine

Leggere non serve a niente.
Le cose che servono sono l’insalata, un orologio che non perde minuti, coltelli che tagliano, uno stipendio o una rendita, un cappello per l’estate e un buon cappotto per l’inverno. La salute. Lo spazzolino per i denti. Il sapone, ecco. E un paio di scarpe. Ma leggere… leggere non serve a niente. E’ inutile come un tramonto d’autunno, come il cielo di notte, quando sei in montagna, e sembra davvero che qualcuno abbia spanto del latte per tutto l’universo. Inutilizzabile come certe tempeste che arrivano dal mare, come un precipizio sopra il quale ci si sporge, assaporando il piacere misterioso e terribile della vertigine.
Leggere è un’esperienza che non serve a niente: non ci fa diventare più ricchi, né più magri, né più sani. Le pagine riescono solo a darci emozioni profondissime, totali, che ci devastano.

Sto leggendo l’inutile Viaggio al termine della notte di Céline, nella vecchia traduzione di Alex Alexis. Procedo così, dieci nuove pagine al giorno, e poi rileggo qualcosa a caso, indietro: più di questo il mio cuore non riesce a sostenere. Mi commuovo come quando mi trovo di fronte a qualcosa di immenso – uno di quei tremendi spettacoli della natura che ci lasciano senza fiato.
A scuola dicevano che leggere fa bene. Lo dicono anche i giornali. Bene come una medicina, come una colonscopia dopo i quarant’anni. Ma sbagliavano: leggere è come amare, un atto pericoloso e temerario che ti fa sentire vivo – che aiuta a delineare i contorni della propria identità – e che non ti porta da nessuna parte. Ogni sera mi immergo in un mondo prodigioso, a cercarmi tra le pagine di un libro. Il libero mercato, l’economia, il livello del colesterolo, le mie aspettative di vita… nulla viene toccato, scalfito, aumentato.

E l’altra sera ho trovato le parole che inseguivo da anni – la descrizione esatta di tante mie mattine. Scoprire di non essere solo mi ha regalato l’inebriante sensazione che si prova quando si tocca la propria umanità. Non è servito a niente, certo. Ma la bellezza di quel momento rientra tra le cose più importanti della mia vita.

Il peggio è che ci si domanda come il giorno dopo si troverà abbastanza forza per continuare a fare ciò che s’era fatto il giorno prima e da molto tempo, dove si troverà la forza per quei tentativi stupidi, per quei mille progetti che non arrivano a nulla, per quei tentativi di uscire dalla schiacciante necessità, tentativi che falliscono sempre, e tutti per convincersi una volta di più che il destino è insormontabile, che bisogna ricadere in basso dalla muraglia, ogni sera, sotto l’angoscia di questo domani sempre più precario, sempre più sordido.
Forse, è anche l’età che viene, la vigliacca, e ci minaccia di peggio. Non s’ha più molta musica in sé per far danzare la vita, ecco. Tutta la giovinezza è già andata a morire in capo al mondo, nel silenzio di verità. E dove andare, altrove, ci chiedo io, quando non s’ha più in é la somma sufficiente di delirio? La verità è un’agonia che non finisce mai. La verità di questo mondo è la morte.

(Viaggio al termine della notte, L. F. Céline, trad. Alex Alexis)

WP_20140608_002

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

3 commenti su “La vertigine

  1. Zio Scriba
    08/06/2014

    Diciamo che non è il mio pezzo preferito di quel capolavoro stupendo (forse perché io, come il mio eroe Paperino che compie 80 anni – coscritto di mio padre! – non sento in me nessuna vecchiaia), ma le parole sopra, quelle tue, sì che sono perfette, commoventi e sublimi. Dicono tutto di quel portento che è la scrittura. E ti riempiono di pena e di angoscia per tutti quei poveracci che se solo volessero potrebbero bere lo stesso magico elisir, ma preferiscono morire di sete. Ma sono stanco di preoccuparmi per loro: come scriveva Henry Miller, danzeremo sulle loro avvizzite carogne. 🙂
    Prosit!

    Mi piace

  2. amanda
    08/06/2014

    ma quel tuo incipit lì, si può rubare una volta per il mio blog, l’incipit quello solo, da appendere ad un muro come un quadro, con una bella cornice?

    Mi piace

  3. lievito1
    09/06/2014

    meraviglia. tutto verissimo.
    e celine uccide, e bolano uccide. e celine ti risorge e bolano ti risorge.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/06/2014 da in Editoria, Recensioni, Romanzo con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.851 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: