Grafemi

Segni, parole, significato.

L’inserto del lunedì – due racconti di Ivana Mariotti

Ho conosciuto Ivana Mariotti circa un anno fa, e in questi mesi ho avuto l’occasione di leggere alcuni suoi racconti. Ci sono autori che scrivono fiumi di parole; altri, come Ivana, che … Continua a leggere

29/09/2014 · Lascia un commento

La cena

Bisognerebbe sempre accettare con molta prudenza un invito a cena: valutare i pro, e i contro, e le possibili conseguenze. A maggio ad esempio sono andato a mangiare una pizza … Continua a leggere

25/09/2014 · 11 commenti

A. I.

Ieri sera mio zio, fratello di mia madre, mi ha chiamato per sapere dove poteva comprare il mio ultimo libro (e qui scatta il momento spam: “Il signor Bovary”, del … Continua a leggere

22/09/2014 · Lascia un commento

La forma

In questi giorni su Facebook sta impazzando (un verbo orrendo, bisogna ammetterlo) una catena di Sant’Antonio dai contorni quasi culturali: quai sono i dieci libri che ti hanno cambiato la … Continua a leggere

20/09/2014 · 1 Commento

Un attimo di realtà (e la presentazione con Bonolis del 26 settembre)

Qualche mese fa su Facebook ho visto la foto di una pagina di un settimanale tipo “Oggi” nella quale Paolo Bonolis leggeva il mio libro, “Il giorno che diventammo umani”. … Continua a leggere

19/09/2014 · 6 commenti

Essere umani

Ogni epoca ha il suo uomo nero, il babau, il mostro delle fiabe, il lupo cattivo. Nel Medioevo era l’appestato, il lebbroso, il saraceno, la strega; prima, l’orco, la cui … Continua a leggere

17/09/2014 · 2 commenti

Frattaglie di idee

Una delle prime regole che mi sono dato, quando ho iniziato a scrivere in un blog, più di otto anni fa, è semplice e banale: non iniziare mai a scrivere … Continua a leggere

08/09/2014 · 6 commenti

Pancia – Diverso sarò io

Qualche mese fa gli amici dell’associazione culturale PescePirata hanno organizzato un concorso di racconti il cui tema era la diversità (se ne era parlato brevemente qui). Ieri pomeriggio, a Mantova, … Continua a leggere

08/09/2014 · 5 commenti

L’inserto del lunedì – un racconto di Elena Vigo

Il brutto di dover gestire un blog da solo, senza l’aiuto di nessuno, è che non riesco a garantire continuità. Mi piacerebbe far uscire un post al giorno, ma a … Continua a leggere

05/09/2014 · 6 commenti

Troppo tardi

Questa mattina un amico mi ha girato la trama di un film. Ho verificato: è tutto vero. Tra l’altro nel film, la moglie e l’amante sono interpretate dalla stessa attrice. <<Lui … Continua a leggere

02/09/2014 · 11 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.621 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

Oblò(g)

Non ho la pretesa di avere una finestra sul mondo. Mi basta un oblò.