Grafemi

Segni, parole, significato.

Oh my God!

babbo1Immagina che qualcuno ti dica che non puoi mangiare certi cibi in certi giorni perché Babbo Natale non vuole. Che non puoi divorziare, abortire, chiedere di morire quando non ce la fai più perché per Babbo Natale è peccato. Immagina che un tizio con dei vestiti ridicoli addosso si affacci a un balcone, o salga su un altare, o si metta al centro di una sala, e assolva e condanni nel nome di Babbo Natale. Immagina che un paese invada un altro paese, e che una volta conquistato ne bruci le case, ne violenti le donne, ne distrugga i libri, e obblighi ogni singola persona a convertirsi all’adorazione della Formichina che porta il dentino. Immagina centinaia di persone che si riuniscono in un luogo in cui si adora la Befana, la quale una volta morta è volata in cielo, che è madre del figlio di Babbo Natale che è Babbo Natale stesso, pur essendo ella immacolata; che queste persone chiedano alla Befana di intercedere presso Babbo Natale o presso il figlio di Babbo Natale che è Babbo Natale stesso, affinché il marito malato di cancro venga salvato dal suo destino (destino conosciuto da Babbo Natale fin dal principio di ogni cosa). Immagina che tu non possa usare il preservativo mentre fai l’amore con la tua fidanzata, con la quale non potresti comunque fare l’amore perché non sei sposato, o che tu non possa innamorarti di una persona del tuo stesso sesso perché un gruppo di persone, che si sono imposte la castità, e che si vestono indossando gonne, sostiene che Babbo Natale ha creato il sesso al solo scopo di portare avanti la vita. Immagina che, prima che tu possa esprimere il tuo parere in merito, i tuoi genitori ti facciano tagliare il prepuzio, o ti facciano asportare il clitoride perché lo chiede Babbo Natale. Immagina di essere incarcerato, impiccato, bruciato, impalato, lapidato perché hai deciso di non uniformarrti alle regole dei seguaci di Babbo Natale…

Ecco. Ora sai come si sente un ateo in questo mondo.

babbo-natale-liposuzione

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

8 commenti su “Oh my God!

  1. mayfair61
    02/11/2014

    Che dire ? Ineccepibile.
    La cosa che però é sempre stata sorprendente per me è la protervia dei certezzisti e il largo credito che viene dato in maniera scontata a cose palesemente campate per aria come se esistesse un intero capitolo della nostra vita TOTALMENTE estraneo alla razionalità. Che il potere poi abbia subito approfittato della facile occasione è solo un corollario.
    Serve un medico.

    http://albweb.me/2014/09/17/serve-un-medico/

    Mi piace

  2. Zio Scriba
    02/11/2014

    Soprattutto sai come si sente uno che sente sulla sua pelle la prepotenza delle maggioranze, più o meno stolide e ignoranti. Come dico sempre, se io dicessi di credere nell’Asino che Vola tutti mi deriderebbero. Ma se avessi la capacità di convertire milioni di poveracci all’Asinovolismo, a quel punto “offendere” l’Asino che Vola sarebbe un reato, punibile in certi luoghi con la riprovazione, in altri con multe, in altri col carcere, in altri ancora con la morte…
    Tu però l’hai detto ancora meglio: questo post è fantastico, nella sua semplicità!

    Mi piace

  3. L' Alligatore
    02/11/2014

    Ma può esistere un mondo così? O forse è il prossimo film fanta-horror di Tim Burton, ritornato alla sua forza iconolclasta originaria, un Edward Mani di forbice con Bunuel in testa (Grazie a Babbo Natale sono ateo).

    Mi piace

  4. Renato
    03/11/2014

    Ma perché l’Ateo si preoccupa così tanto degli assurdi precetti e delle svariate bubbole che gli uomini con la gonna impongono ai seguaci di Babbo Natale?

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      03/11/2014

      In realtà gli atei sono interessati non alle strane abitudini dei credenti, che non ritengono più strane delle proprie, ma alla tendenza, dei credenti, a voler imporre, talvolta con la forza, le proprie abitudini agli altri. Tieni conto che nel novero dei credenti metto anche tutti quei regimi che hanno imposto con la forza l’ateismo di Stato, una religione tanto pericolosa quanto le altre… I martiri della prevaricazione della maggioranza ispirata da nobili ideali formano una lista lunga e impietosa….

      Inviata con Windows Phone

      Mi piace

  5. mayfair61
    03/11/2014

    Infatti la posizione più corretta e onesta è l’agnosticismo anche se è ovvio che l’onere della prova e della credibilità dovrebbe essere a carico di chi afferma di avere la verità in tasca, non di chi professa la sua ignoranza.
    E lì casca l’asino perché sia sul piano storico che scientifico siamo al ridicolo.
    Il problema nasce quando, capovolgendo come al solito la logica, si scarica su noi scettici questo onere.

    Mi piace

  6. Michele Lecchi
    10/11/2014

    Ciao Paolo, ….ho una voglia matta di fare un sano copia-incolla di questo tuo bellissimo testo e metterlo fra i commenti nel mio blog, ovviamente col tuo nome!
    Lo metterei qui sotto a questa mia pagina:
    http://ilpensierodioggi.blogs.it/2014/11/04/e-tempo-di-togliere-le-rotelle-al-triciclo-19664255/

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/11/2014 da in Ateismo, Politica con tag , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.880 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.