Grafemi

Segni, parole, significato.

Le macchinose manovre del destino

Qualche mese fa la rivista cartacea Umbria Noise, grazie all’interessamento di Raffaele Marciano ha pubblicato un mio breve racconto inedito, che ho scritto fondendo due idee già sviluppate in “Antropometria”, e in particolare in “Futuro anteriore” e “Crash test dummy” – il risultato non ha la drammaticità del primo né l’irriverenza del secondo, ma contiene il nucleo di qualcosa che potrebbe, con il tempo, diventare più grande: l’incessante attività del destino che sempre si prodiga per far succedere le cose. Lo ripropongo qui, soprattutto con l’obiettivo di bloccare il titolo! 🙂

Le macchinose manovre del destino

Mentre le quattro telecamere disposte agli angoli della pizzeria d’asporto trascrivono su un opportuno supporto magnetico la versione in bianco e nero del mondo (che in questo momento comprende tre turiste tedesche con la stessa maglietta, un uomo sulla quarantina con la camicia bianca, i due esercenti che stanno lavorando ai fianchi il loro tronco di kebab la cui rotazione lentissima sfugge alla pessima risoluzione del sistema di sorveglianza, e infine te, seduto su una specie di trespolo con un arancino in mano), nessuno conosce il proprio destino, sebbene un accurato studio della meccanica dell’Universo permetterebbe di smontare una volta per tutte gli opposti concetti di caso e libero arbitrio: nessuno tra le sette persone che riempiono i trentadue metri quadri del locale, sfiorandosi casualmente, sa che morirai entro la prossima ora. Nulla di grave, a ben guardare: questa tragedia che si sta avvicinando, e che ti appare così insopportabile, non è che una minuscola increspatura in un mare del quale è impossibile intravedere le coste: negli otto minuti che ti serviranno per finire la tua ultima cena, nasceranno più di mille nuovi essere umani, tutti simili a te. L’economia della vita è sempre in attivo.

Ma nonostante il dramma imminente, non succederà niente di speciale: se non ti avvertono per tempo, gli ultimi momenti non si distinguono da tutti gli altri. Perciò, sotto gli occhi delle quattro telecamere, continuerai a leggere un poster attaccato al vetro nel quale c’è il programma della sagra della porchetta di Fregene, chiedendoti se il nome dell’orchestra di liscio “Pino e i suoi fusti” sia stupido o geniale, e non smetterai di tirare fuori il telefono ogni trenta secondi per vedere se hai un nuovo messaggio su Whatsapp (la ferocia delle statistiche fa supporre che la tua ultima comunicazione con il mondo potrebbe essere quel “Ti ano” che hai mandato per errore a una vecchia amante una decina di minuti fa): la solita routine che ti sei sempre ostinato a chiamare vita. Nel frattempo la vecchia del sesto piano, che solo un miracolo aveva salvato dai bombardamenti alleati dell’agosto del 1943, sta riempiendo l’innaffiatore di ferro verde, l’ultimo regalo del marito prima che se lo portasse via il cancro, nel marzo del 1987. Alla televisione, un concorrente incrocia le dita prima di aprire un pacco e per una cieca obbedienza alle macchinose manovre del destino la vecchia si ferma, attende, lo guarda, aspetta ancora un secondo, riparte sussurrando tra sé e sé ma che fortuna, ‘sto froscio. Poi tu che esci, il vaso che cade, il trauma cranico, le sirene, la corsa all’ospedale attraverso una Roma fredda e affannata, e il gusto dell’arancino che ti viene su proprio un attimo prima che il dottore dica, parlando di te e della tua unica vita, mi spiace, non c’è più niente da fare.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

3 commenti su “Le macchinose manovre del destino

  1. Sik
    18/12/2014

    Mi manca un po’ lo Zardi vecchia maniera. 😀

    Mi piace

  2. Zio Scriba
    18/12/2014

    Nemmeno io riesco a decidere se il nome dell’orchestra “Pino e i suoi fusti” sia stupido o geniale. Ma di sicuro è geniale questo racconto. 🙂
    (C’è tutta l’essenza del tragicomico di un certo livello: fa ridere, commuove, è intriso di feroce critica sociale, è malinconico-poetico, e pur essendo così breve riesce pure a tenere il lettore col fiato sospeso… e poi quel “ti ano” fa scompisciare.)

    Mi piace

  3. amanda
    18/12/2014

    mi è andato di traverso l’arancino 🙂 alla faccia del pacco!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/12/2014 da in Racconti con tag , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.