Grafemi

Segni, parole, significato.

Chiudi gli occhi e guarda – Nicola Pezzoli

In queste giornate piene di casini sul lavoro – sveglia alle sei tutte le mattine, e ore e ore di treno – non riesco più a stare dietro a questo blog, che langue ormai da mesi. Ma nonostante questo, devo – un dovere kantiano, un imperativo categorico, un’impellenza naturale e incontrollabile – voglio, dicevo, segnalare l’uscita del nuovo bellissimo romanzo di Nicola Pezzoli dal titolo “Chiudi gli occhi e guarda”, pubblicato dalla Neo Edizioni.

CHIUDI-GLI-OCCHI-E-GUARDA-Nicola-Pezzoli-Neo-Edizioni-vert_reference

Avevo letto il libro in anteprima alla fine dell’anno scorso, durante i miei viaggi in treno, e avevo goduto della sua bellezza. Come ho già avuto modo di scrivere tante volte, su questo blog, considero Nicola Pezzoli un autore straordinariamente originale e coraggioso, vero nemico della banalità, della sciatteria, dei luoghi comuni che spesso caratterizzano le storie che troviamo in libreria. Anche “Chiudi gli occhi e guarda” dimostra come si possa parlare di infanzia e adolescenza in modo credibile, poetico, vero. La voce di Corradino, il personaggio principale del romanzo (e anche del precedente di Pezzoli, il memorabile “Quattro soli a motore“), mescola tenerezza e ironia, nostalgia e bellezza… Il risultato è un romanzo che non prende in giro il lettore, che non gli propone la solita rappresentazione stereotipata del passaggio dall’infanzia all’adolescenze, con tutti i suoi luoghi comuni, ma che invece commuove, fa sorridere – ci fa sentire partecipi. E’ un libro che sorprende per la sua apparente semplicità, in cui la costruzione perfetta di ogni singola frase non è finalizzata a sorprendere o a dimostrare il talento dell’autore, ma a farci scivolare nel mondo del protagonista… Ambientato alla fine degli anni settanta (anche questi finalmente resi con la giusta vividezza), in una settimana estiva che Corradino passa al mare, “Chiudi gli occhi e guarda” è un gioiellino che, per l’universalità delle esperienze raccontate, è rivolto a tutti.

copertina_1Tornerò ancora su questo libro – spero molto presto – ma per il momento dico: prendetelo, perché ne vale la pena (e visto che i soldi hanno un loro peso, sul sito dell’editore lo si può comprare per 10 euro e 20 centesimi, incluse spese di spedizione)

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

Un commento su “Chiudi gli occhi e guarda – Nicola Pezzoli

  1. Stefania
    17/03/2015

    Sto amando questo libro (come il precedente, del resto) talmente tanto da soffrire nei momenti in cui non lo posso leggere.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/03/2015 da in Letteratura, Recensioni con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.