Grafemi

Segni, parole, significato.

Neo decoubertiani!

xxi secoloGrazie alla perserveranza della Neo Edizioni, la casa editrice che negli anni scorsi ha pubblicato, tra le altre cose, le mie due raccolte di racconti “Antropometria” (2010) e “Il giorno che diventammo umani” (2013), il mio ultimo romanzo “XXI secolo” è stato candidato al Premio Strega 2015. Si tratta di una bella soddisfazione per chi, come noi, cerca di portare avanti una proposta letteraria indipendente, che non punti tanto al consenso a tutti i costi, o a cavalcare mode del momento, quanto alla produzione di buoni libri che abbiano qualcosa da dire.

In questo senso, la candidatura di “XXI secolo” non piove dal cielo come un regalo inaspettato, ma è il frutto di un lavoro che dura da anni – non solo mio e della Neo (gli splenditi Francesco Coscioni e Angelo Biasella), ma anche di tutti gli autori che hanno creato il catalogo di questa piccola casa editrice, e di tutte le persone che con generosità e un pizzico di lungimiranza hanno seguito l’evoluzione di questa minuscola realtà. In altre parole, questo riconoscimento, parziale, ridotto, ma enorme per una casa editrice indipendente e per me che sono fuori da qualsiasi “giro editoriale”, non sarebbe mai arrivato se non ci fossero stati i grandi libri di Gianni Tetti (“I cani là fuori” e “Mette pioggia“), Nicola Pezzoli (“Quattro soli a motore“, “Chiudi gli occhi e guarda“), Alessandra Racca (“Poesie antirughe“, “L’amore non si cura con la citrosodina”), Riccardo Finelli (“Coi binari fra le nuvole”, “Appenninia”), Otello Marcacci (“Gobbi come i Pirenei”), Alan Poloni (“Dio se la caverà“), Mario Rossi (“Tre io”), Roberto Di Egidio (“La mia Waterloo ventricolare”), Alessandro Turati (“Le 13 cose”), Toni Alfano (la graphic novel “Pompei”, oltre alla maggior parte delle copertine della Neo – tutte le mie), e i curatori Graziano Dell’Anna (“La vita sobria“), Massimo Avenali (“E morirono felici e contenti”) e Isabella Tramontano (“Trema la terra”), e tutti gli autori che hanno partecipato alle raccolte, e last but not least, l’indomabile Francesca Fiorletta, nuovo ufficio stampa, che cura i libri come fossero figli – un insieme di persone che si stanno divertendo a portare avanti qualcosa di diverso, di nuovo, di non allineato, senza troppi proclami o manifesti astratti, ma con il lavoro costante su ogni singola pagina, su ogni copertina, su ogni frase scritta su Facebook…. davide goliaSiamo persone diverse, talvolta incompatibili, che si trovano accomunate da questo progetto coraggioso, generoso, sorridente, e pieno di gioia. Ci crediamo – laicamente, certo: ma con spirito fervente.

E ora mi trovo qui, con un libro candidato allo Strega, un po’ di attenzioni che non mi aspettavo – stanno uscendo interviste e recensioni un po’ ovunque – e la stessa sensazione di essere (per fortuna!) un eterno outsider. Siamo talmente piccoli, talmente sfavoriti, nella competizione dello Strega, che guardando i grandi nomi che stiamo sfidando ci possiamo permettere il lusso di essere davvero decoubertiani, e sorridendo possiamo gridare al mondo che l’importante è partecipare! E sempre sorridendo, ci diciamo, sottovoce, guardandoci negli occhi, uno a uno, che è bello essere arrivati fino a qui così liberi, e così felici.

Grazie di cuore a tutti quelli che ci stanno sostenendo!

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

13 commenti su “Neo decoubertiani!

  1. Francesca Fiorletta
    07/04/2015

    L’ha ribloggato su precisazioni inutili.

    Mi piace

  2. Pingback: Neo decoubertiani! | ululati

  3. Sik
    07/04/2015

    Grazie a te, Paolo, che non hai mai smesso di credere in noi.
    😉

    Mi piace

  4. carloesse
    08/04/2015

    Mi dispiace solo dover segnalare qualche problema nella distribuzione: qui a Roma
    ho provato da Arion la scorsa settimana: risultava ordinato, i commessi sapevano pure che era un candidato Strega prima ancora di consultare il computer. Però stranamente non c’era ancora. Riprovato oggi: stesso risultato, e riemesso ordine. “Speriamo nella prossima settimana” (dicono). Da Mondadori risulta “non ordinabile” . Perchè ? Non si sa. Da ibs non c’era, però almeno è ordinabile.
    Domani provo da Feltrinelli.

    Mi piace

  5. Sik
    09/04/2015

    Carlo, purtroppo la distribuzione, in Italia, non è una scienza esatta.
    Comunque, fonti attendibili ci dicono che il libro, a Roma, è presente alla Feltrinelli di Largo Argentina e in quella della Galleria Sordi. In teoria, in tutte le Feltrinelli della capitale.
    Se vuoi andare sul sicuro:
    Libri & Bar Pallotta, in Piazzale di Ponte Milvio
    oppure
    Libreria Altroquando, Via del Governo Vecchio n. 80 (dietro Piazza Navona)

    😉

    Mi piace

  6. carloesse
    09/04/2015

    Trovato finalmente stasera da Feltrinelli (L. Argentina). Era l’unica copia l’disponibile. Se qualcun altro romano lo cercasse (uomo avvisato, mezzo…. Ma potrebbe vedere da altre Feltrinelli , o nelle librerie indicate da Sik )

    Mi piace

  7. carloesse
    13/04/2015

    Letto, e recensito su aNobii concedendo le strameritate 5 stelle. A questo giro Paolo se le è guadagnate tutte!!!

    Mi piace

  8. carloesse
    14/04/2015

    Fammi sapere il programma: cercherò di esserci, almeno all’Altroquando.(Pallotta mi è un po’ fuorimano)

    Mi piace

  9. Lilith
    17/04/2015

    sarà la mia prossima lettura..poi ti dirò! In bocca al lupo cmque!

    Mi piace

  10. carloesse
    19/04/2015

    Vai Paolo !!! Intanto sei entrato in dozzina. Si mormora anche che nella “cinquina” finale quest’ano entreranno un paio di piccoli editori.
    Incrociamo le dita.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.875 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.