Grafemi

Segni, parole, significato.

(non più) tuo

Ciao,

ho riflettuto a lungo prima di compiere questo passo, valutando ogni aspetto della situazione, ma ora che finalmente mi accingo a farlo ho la consapevolezza di essere nel giusto. Ti abbandono senza rimorsi, e con molti rimpianti.

Se ora provo a immaginarti mentre leggi queste parole, ti vedo con la fronte corrucciata e lo sguardo irrimediabilmente perplesso, quello che indossi ogni volta (e succede spesso) che la vita ti costringe ad affrontare questioni che vanno al di là della tua comprensione. All’inizio, forse per la mia giovane età, ero convinto che tu possedessi la capacità straordinaria di arrivare al nocciolo di ogni argomento, un istinto innato che ti permetteva di liberarti del superfluo per cogliere l’essenza, oserei dire perfino la verità, nascosta dietro al caos delle cose. E io ti ho seguito, sono sempre stato al tuo fianco, pronto a infervorarmi per le tue battaglie, ad aggiungere alla tua forza la mia irruenza. Raddoppiavo la tua rabbia, il tuo ardore battagliero; colpivo là dove tu indicavi, e lo facevo con la crudele determinazione che solo le certezze assolute danno. Mentre affondavo i denti feroci nella carne dei nemici, ero spinto dal tuo sguardo, che mi approvava e mi incitava. Amavo sentirti ridere di fronte alla marmaglia che mettevamo in fuga, amavo ascoltare le tue urla primordiali scagliate contro i parassiti, gli intrusi, i diversi. Ho scoperto che si può essere incredibilmente cattivi quando si mette la propria coscienza nelle mani di qualcun altro.

Ma poi, un giorno, mentre parlavi a una folla osannante, e io ero accanto a te, felice di essere sul podio, ho intravisto, ai margini della piazza gli occhi di un bambino, uno zingarello che ti guardava: tenendo stretta la mano della madre, ti fissava – fissava la tua bocca spalancata e rabbiosa, il dito che alzavi come una minacciaAveva paura, quel bambino, è naturale. Ti temeva. Ma non c’era solo questo. Mi è stato chiaro, all’improvviso, che sopra ogni altra cosa, provava disprezzo per te: che tra sé e sé stava pregando il suo angelo custode, il dio personale che ogni bambino coltiva nel cuore, dicendogli “fa’ che io non diventi mai come quel coglione”. Può farti male sentirtelo dire, ma di colpo ho capito che eri una nullità. Che l’essenza che coglievi del mondo poteva essere riassunta in poche parole, scritte su un muro in stampatello maiuscolo. NOI, LORO. PAURA, RABBIA. Cos’altro? Parlavi di onore, di coraggio, e te la prendevi con gli ultimi del mondo.

Mi ha fatto male, lo sguardo di quel bambino. come un pugno in faccia. Ma ciò che mi ha fatto davvero soffrire è stata l’idea che non sarebbe stato capace di distinguermi da te. Facevo parte della tua ciurma, del codazzo che ti osanna, che ti segue, che ti acclama. A un certo punto quel bambino ha guardato anche a me e io, invece di ricambiare quell’occhiata, ho abbassato lo sguardo: mi sono vergognato di essere dalla tua parte.

Ho fatto tutto, per te. Ti ho difeso, ti ho sostenuto, ho riso per le tue spacconate, ho partecipato alle tue scorribande con un entusiasmo incosciente, e quindi pericoloso. Ora capisco che servire un coglione ti rende peggiore del tuo padrone. Per me la nostra storia si chiude qui.

Il (non più) tuo cane,

Fido

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

4 commenti su “(non più) tuo

  1. Davide Grillo
    29/07/2015

    A volte sarebbe bene che gli uomini pensassero come i loro cani.
    Bel racconto.

    Mi piace

  2. Simone Bachechi
    29/07/2015

    “L’uomo è l’unico animale che arrossisce, ma è anche l’unico che ne ha bisogno”
    Mark Twain

    Mi piace

  3. amanda
    29/07/2015

    Penso che il Mark Twain citato da Simone dica tutto

    Mi piace

  4. Simone Bachechi
    29/07/2015

    comunque penso non ci siamo dubbi sul fatto che Paolo nello scrivere il racconto stesse pensando al cane di Salvini

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/07/2015 da in Politica, Racconti con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.876 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: