Grafemi

Segni, parole, significato.

Un giudizio universale a ogni passo – Marina Sangiorgi

Di Marina Sangiorgi ho parlato diverse volte, qui, su Grafemi, e in più di un’occasione mi sono sbilanciato nel dire che, per i miei gusti personali, è tra le più bravi autrici (ma così sembra riduttivo: tra i più bravi autori di qualsiasi sesso) di racconti in Italia. Recentemente mi ha concesso l’onore di far parte degli apocalittici, cioè dei ventuno autori che hanno partecipato alla raccolta di racconti “L’amore ai tempi dell’apocalisse“, uscita pochi giorni fa per Galaad edizioni. Qui, un assaggio del suo racconto.

Un giudizio universale a ogni passo
Marina Sangiorgi

Non ho guardato le foglie di luce, le lame di luce in via Lame, non ho abbastanza ammirato i platani dei viali e il cielo sui tetti e le nuvole e il sole e sentito l’aria sulla faccia.
Dalla mia camera si vede la cupola, uno scorcio di cupola, uno squarcio di Santa Maria della Vita, ma adesso i soccorritori ci hanno detto: «Sprangate le finestre alle due del pomeriggio, tenetele chiuse». La mattina davanti ai vetri guardo fuori: la città è silenziosa, grigissima, più grigia che mai, come avesse cambiato colore. Non vedo persone, solo piccioni volare tra i tetti e i davanzali. È ottobre, non fa ancora molto freddo. Forse riusciremo ad accendere il riscaldamento; la luce, il frigo, la lavatrice: funziona ancora tutto. Siamo chiusi qui da due settimane, mi sembrano secoli. Sono chiusa in casa con Guido e sua moglie. Mi scappa da ridere, ogni tanto mi scappa da ridere, vado in bagno per ridere e poi scoppio a piangere. I soccorritori passano ogni due giorni. Hanno una tuta bianca, il volto coperto. Non li riconosco, non so se sono gli stessi o cambiano. Portano da mangiare: tonno, pasta, biscotti, acqua minerale solo nella prima settimana. Chiediamo: «Cos’è successo, l’acqua è potabile, quando potremo uscire? Per favore, diteci, cos’è successo?». Non ci rispondono.
Guido dorme sul divano, io nella mia camera, sua moglie nell’altra. All’inizio ho pensato: potrà scegliere, ci raggiungerà la notte, una notte per una. Che ridere, pensavo. Ma Guido la notte dorme. Mi alzo, giro per casa. Sua moglie tiene chiusa la porta, Guido si rigira nel sonno. Dorme veramente, e non so come ci riesce: sento il suo respiro pesante, a tratti il suo russare. Mi piaceva guardarlo dormire, prima, quando stava da me e diceva alla moglie che era fuori città per lavoro.
Con Guido ci siamo incontrati a una festa. Mi invitò una collega in una villa sui colli.
«Come fai a conoscere questa gente?» chiesi.
«Compagni di università.»
Ah, i miei compagni di università: fuori sede squattrinati, accampati in dieci per appartamento, a fare i camerieri, o le baby sitter, per pagare l’affitto. Anni di allegria. Tiravo la cinghia, l’anno della tesi non sono mai uscita la sera, non avevo i soldi neanche per una pizza. Una pizza a metà.

[Il resto del racconto lo si trova nell’antologia “L’amore ai tempi dell’apocalisse”, Galaad Edizioni]

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

3 commenti su “Un giudizio universale a ogni passo – Marina Sangiorgi

  1. marinasangiorgi
    31/10/2015

    Grazie Paolo! Troppo buono, come sempre! Un abbraccio!

    Mi piace

  2. ilpescevolante
    31/10/2015

    Brava Marina!

    Mi piace

  3. stupendizia
    31/05/2016

    MI piace il poetico del “giudizio universale ad ogni passo” ma, per quanto sia poco in questo testo, ammiro il taglio breve e significativo del dialogo: rende subito l’idea.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/10/2015 da in Satura Lanx con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.506 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

Oblò(g)

Non ho la pretesa di avere una finestra sul mondo. Mi basta un oblò.

Diario di un giovane naturalista

"Tutto è chimica, governato dalla fisica e spiegato dalla matematica"

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

OssiTossina

Una filosofa così oscura che Schopenhauer te lo svendo come precursore del PositiveThinking

mestierelibro

piccola scuola del libro

maledetta tastiera

just write already, you bloody keyboard...

fiabeatroci

Vi darò la narrativa integrale - ma la definizione attenti è provvisoria (Luciano Bianciardi)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: