Secondo natura, primo l’essere umano

Qualche giorno fa ho visto le immagini di un tifoso dello Sparta Praga che, a Roma, ha pisciato in testa a una donna che chiedeva la carità. Una scena che non ha avuto nessuna conseguenza: il tizio si è allontanato ridendo, la donna si è alzata e se ne è andata.

secondo natura
Secondo natura

Ho pensato che quest’uomo potrebbe avere una moglie, o una compagna, e mettere al mondo un figlio: nessuna legge glielo vieterebbe. Anche a un individuo così laido, così indegno di appartenere al genere umano, viene riconosciuto il diritto di procreare. Di crearne un altro così. Fare figli tra uomini e donne, infatti, è secondo natura.

contro natura
Primo: esseri umani

Non è invece secondo natura il fatto che due persone che si vogliono bene, che magari conducono una vita esemplare, che non si sognerebbero mai di pisciare in testa a qualcuno (a qualcuno molto più debole di loro, guarda caso), possano adottare un bambino, e dargli una famiglia nella quale crescere, se sono, le due persone, dello stesso sesso.

L’errore è evidente, e nasce dall’idea – ingenua, irrazionale, primitiva – che “secondo natura” sia un criterio per valutare la bontà di qualcosa. Abbiamo impiegato centinaia di migilaia di anni per superare la brutalità della natura, che prevede il cannibalismo, l’accoppiamento tra madri e figli, l’allontanamento forzato dei maschi deboli, la poligamia… Probabilmente anche pisciare in testa a qualcuno, quando sei protetto dal branco, è secondo natura: marcatura del territorio, prova di forza, o chissà cos’altro. Cento anni fa era molto peggio – basta leggere qualche pagina del libro Cuore per capire cosa fosse l’Italia agli inizi del novecento, o Q dei Wu Ming per scoprire l’orrore europeo del sedicesimo secolo, o Radici di Alex Haley per dare un’occhiata all’America, madre della democrazia, all’inizio dell’ottocento. C’è speranza: liberandoci di un orrore alla volta ci stiamo allontandando dalla giungla, dalla savana, e dalle sue terribili leggi.

Ora, con un po’ di sforzo, dovremmo liberarci anche dall’omofobia secondo natura, e provare a mettere al primo posto gli esseri umani.

Annunci

3 thoughts on “Secondo natura, primo l’essere umano

  1. Concordo su tutto ma riguardo al finale sono pessimista: perché l’orrorifico “secondo natura” è propugnato da quella grave malattia mentale che dopo qualche decennio di apparente remissione sta nuovamente diventando dilagante pandemia: la religione (e come sempre intendo “religione” non come intuizione spirituale personale, ma come sistema oppressivo e omologante basato su ignoranza, superstizione, e terrore di quella cosa naturalissima chiamata morte.)

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...