Grafemi

Segni, parole, significato.

Cosa faresti se morissi? – di Alessandro Busi

Su Grafemi, un nuovo ospite, Alessandro Busi, con un racconto breve e tagliente.Buona lettura!

Cosa faresti se morissi?

di Alessandro Busi

Cosa faresti se morissi?
Lei alzò gli occhi dalla tazza di tè.
Scusa?
Mi chiedevo, cosa faresti se io morissi? Se morissi oggi.
Lui finì di spalmare la marmellata di mirtilli sul pane caldo. La luce grigia della mattinata nuvolosa entrava dalla finestra. Lei inclinò la testa di qualche grado a sinistra, lo fissò e bevve un altro sorso.
Ma che domanda è? Non lo so cosa farei?
Per ipotesi, dico. Se oggi dovessi avere un incidente, se ti chiamassero dall’ospedale e ti dicessero, lei è la signora Ravasi? Signora, suo marito ha avuto un incidente, purtroppo non c’è più niente da fare. Per ipotesi, cosa faresti?
Diede un morso al pane e finì il caffè. Staccò uno strappo di rotolo da cucina e si pulì le labbra.
Ehm, non credo proprio che andrebbe così. Credo che mi direbbero di andare in ospedale, non mi darebbero una notizia del genere al telefono.
Sorrise nervosa e scosse la testa. Lui alzò le mani in segno di resa.
Ho capito, disse, ti aggrappi a questi particolari per non rispondermi. Va bene, lasciamo stare.
La voce gli uscì infastidita e rassegnata. Si alzò di scatto, buttò il pezzo di carta assorbente nella tazza e si diresse verso il bagno, scuotendo il capo.
Lei rimase seduta a fissare la sedia vuota. I barattoli di marmellata e crema di nocciola erano immobili con i loro cucchiaini immersi dentro. L’acqua nella teiera si increspava in superficie, mossa dal tremito del suo piede, che sfiorava la gamba del tavolo.
Lo scroscio dello sciacquone invase le stanze silenziose, seguito dai passi pesanti.
Vuoi sapere cosa farei?, disse lei, dopo averlo raggiunto in bagno. Penso che mi dispererei. Penso che terrei una maschera per i giorni di lutto e, dopo il funerale, tornerei a casa e riempirei la vasca.
Lui ascoltava, piegato sul lavandino, mentre si lavava i denti.
Accenderei la stufina elettrica e mi spoglierei, poi mi immergerei con calma nell’acqua troppo calda.
Senza accorgersene, smise di strofinare i denti. Lasciò lo spazzolino immobile sotto la guancia destra, e strinse con le mani il bordo del lavandino.
Starei seduta a guardare la schiuma, poi scivolerei con la testa sott’acqua. Forse proverei a non piangere, o forse no. Permetterei a tutte le lacrime di scorrere e penserei che non è giusto, per dio.
Sentì la voce di sua moglie rompersi in tanti frammenti acuti, e chiuse gli occhi.
Poi mi sciacquerei e mi metterei davanti allo specchio ad asciugarmi i capelli. Abbandonerei a terra l’asciugamani e starei immobile a guardare il mio corpo di quarantasette anni. Resterei nuda, davanti a me stessa. Ecco quello che farei, contento?
Lui si costrinse a non voltarsi e ascoltò i passi che si allontanavano, scricchiolando sul parquet. Si sciacquò la bocca e sputò, due volte. Alzò il volto e vide il riflesso dei propri occhi arrossati.
Mise la mano destra nella tasca dei pantaloni e ne estrasse un post-it giallo. Lo aprì e lo poggiò sul pelo dell’acqua che ristagnava nel lavandino otturato. Le lettere si cancellarono velocemente, lasciando un’ombra di ciò che c’era scritto. Quando riprese il foglio per gettarlo nel water, solo la o finale era rimasta leggibile.


AlessandroAlessandro Busi è nato a Brescia, e vive a Padova, dove lavora come psicologo e psicoterapeuta. Oltre a questo, scrive storie, che talvolta  pubblica su portali e riviste, altre volte lascia riposare nel pc, e altre ancora raccoglie nel suo blog: comeuncanesullaluna.wordpress.com

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

14 commenti su “Cosa faresti se morissi? – di Alessandro Busi

  1. Mau
    07/03/2017

    Semplicemente straordinario.

    Mi piace

  2. Simone
    07/03/2017

    Molto, molto bello e “delirante” in senso buono, anzi stupefacente, complimenti all’autore

    Mi piace

  3. Pingback: “Cosa faresti se morissi” – un racconto pubblicato sul blog di Paolo Zardi – Come un cane sulla luna

  4. Andrea Siviero
    07/03/2017

    Molto bello!

    Mi piace

  5. massimolegnani
    08/03/2017

    sono perplesso, la pittura del quadro è perfetta, molto visiva (hopperiana se mi passi il termine), ma trovo qualcosa di irritante nel contenuto. La domanda del marito è allo stesso tempo ingenua (le reazioni a un evento luttuoso non sono mai quelle che si ipotizzano) e violenta (è una violenza immusonirsi perchè lei non vuole stare all’ipotesi fino a forzarla a una risposta).
    e poi non mi spiego il significato di quel post-it, il fatto che lo avesse già in tasca con una parola scritta (quale? tiamo?ti odio?) mi fa pensare a una premeditazione dell’uomo che poi sia andata delusa dalle risposte della moglie.
    racconto indubbiamente stimolante che come vedi mi ha dato da pensare 🙂
    ml

    Liked by 1 persona

    • comeuncanesullaluna
      08/03/2017

      Grazie Massimo,
      mi fa piacere che un racconto così breve sappia svegliare sensazioni intense. Quel post-it l’ho ragionato a lungo – anche con la revisione di Paolo – proprio per decidere se svelarlo, o lasciare al lettore la libertà di immaginare. Questo è stato il risultato 🙂

      Buona serata
      Alessandro

      Mi piace

      • Paolo
        14/03/2017

        Condivido la reazione di Massimo. Ha funzionato. E’ un brano che funziona, smuove, provoca. Ed è scritto con un equilibrio “perfetto”, perfetto perché mi piace molto (a tutti direi). Il non rivelato finale (“addio”, “ho il cancro”, …?) è estremamente efficace e anima quanto mai vita il pezzo. Complimenti.

        Mi piace

  6. szandri
    09/03/2017

    Molto bello. Però adesso non so che cosa c’era scritto e non so che significato dare alla domanda 🙂

    Liked by 1 persona

  7. Simone
    09/03/2017

    Io azzardo sulla scritta sul post-it….magari potreste lanciarci un gioco a premi 🙂
    per me c’era scritto “sono morto”

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/03/2017 da in racconto con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.801 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: