Grafemi

Segni, parole, significato.

La Passione secondo Matteo

Giovedì 16 marzo è uscito un mio nuovo romanzo, “La Passione secondo Matteo”, per Neo Edizioni. E’ stato un parto lungo e travagliato, quello che sta dietro alla nascita di questo libro – viene al mondo con quasi dieci anni di storia alle spalle.
Ha avuto tanti momenti iniziali. Ricordo che un giorno ero casa dei miei, e mio padre aveva sullo stereo di camera sua “La Passione secondo Matteo” di Bach. Era il 2008, o giù di là. La musica sacra, quando è così elevata, risveglia sentimenti profondi; nel caso specifico, la rappresentazione della morte di Gesù, e di tutto il calvario che l’aveva preceduta, aveva qualcosa di profondamente umano: l’opera si conclude con i discepoli che, smarriti, piangono incredubili sulla tomba del loro maestro. Nella Germania protestante, la Matthäuspassion è considerata il quinto vangelo, e nella sua umanità si intravedono i tratti fondamentali del luteranesimo.

All’idea, vaga, di scrivere qualcosa  che c’entrasse con quello che avevo ascoltato, se n’è affiancata un’altra sul rapporto tra un quarantenne un po’ stanco e un padre prossimo alla morte la cui pazzia avrebbe saputo scoperchiare una verità nascosta di suo figlio. Nel 2008 avevo iniziato a scrivere qualcosa senza avere alcun piano preciso; presto, però, quel progetto embrionale fu scavalcato da un’altra storia che, anche se non ha mai visto la luce presso il pubblico, fu portata comunque a compimento: “La gentilezza del carnefice”, storia di un uomo soffocato da una famiglia oppressiva che decide di rivoluzionare la propria vita, prendendo la via della latitanza. Nel 2010 la storia è tornata a prendere corpo; il padre era rinsavito ed era diventato un uomo con un grande passato, ma ormai sul viale del tramonto. Compare anche una sorellastra, di cui non so bene che fare, e la madre del protagonista, che muore proprio nel primo capitolo, colpita da un fulmine. Un po’ di rimunigii, due o tre capitoli, ma poi stop. Altra falsa partenza. “La felicità esiste” prende il sopravvento. In uno dei suoi capitoli, però, compare quello che sarebbe diventato il protagonista de “La Passione secondo Matteo”: è il capo di Marco Baganis, ed è un uomo integerrimo, religioso, devoto al lavoro. E’ quasi tutto pronto; c’è solo un grande dubbio legato al luogo in cui gi svogle la storia. Un viaggio in Ucraina, nell’estate del 2011, risolve il mio problema.
Una volta finito il libro, però, si rompe qualcosa. Mi fermo. Mi butto su un altro libro, dove compaiono sia Matteo che Baganis. Altro stop. Scrivo “XXI secolo”. E finalmente sono pronto per la Passione.

So che tutto questo non è molto importante: lo scrivo solo per riordinare le idee un attimo prima di mettere la parola fine a questa avventura. Riguarda me, la mia vita interiore, il mio modo di scrivere; non voglio perdere la storia dei miei tentativi, dei miei esperimenti. Non sono uno scrittore, questo lo so per certo. Sono un essere umano che vive, pensa, prova sentimenti, qualche volta scrive, esplora, mugugna, soffre, e ama, sorride, talvolta ride, alleva, condivide, legge e ascolta musica, si guarda intorno, crea teorie su ogni cosa, lavora, suona (male) il pianoforte, parla, guarda, e sente. Nessuna di queste attività, da sola, mi definisce. Scrivere è un’esperienza, come tirare su dei figli, imparare ad andare in barca, studiare qualcosa. So da dove parto ma non so dove arrivo. Mi piace farlo, e sono consapevole di quello che sto facendo ma non assomiglia in nessun modo a un lavoro. Mi complico la vita da solo ponendomi ogni volta obiettivi diversi. Se imparo a fare qualcosa, se scopro una voce che funziona, la volta dopo ripartire da capo, cercando una nuova sfida. Non sempre le vinco, ma il tentativo di ottenere il risultato che avevo in mente è ciò che definisce la mia attività di scrivere.

E quindi è uscito “La Passione secondo Matteo”. La Neo è ancora la mia compagna di avventure: ci siamo scelti reciprocamente, come succede nei grandi amori, e continuiamo così. La copertina, diversa da tutte quelle precedenti, inaugura la nuova veste grafica della casa editrice. Ci saranno un po’ di presentazioni, come sempre accade in questi casi – ed è curioso come la vita di chi scrive passi anche per esperienze che con la scrittura non hanno nulla in comune. Ma serve, aiuta, fa crescere. E diverte.
Sul libro, non so davvero che dire. Ci ho messo tutto quello che avevo – ne sono uscito svuotato. Una volta tanto, ho abbandonato astuzie e malizie e ho cercato di andare fino in fondo. Ma ora che è diventato pubblico, posso fare un passo indietro e mettermi tranquillo. Il libro si è messo in cammino e farà la strada che dovrà fare – breve o lunga che sia. Io, inizio a pensare alla storia successiva… 😉

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Ultimamente, è molto stanco per un lavoro che non gli dà tregua.

7 commenti su “La Passione secondo Matteo

  1. Paolo
    19/03/2017

    E’ bello ripercorrere questa genesi. Lo è di riflesso anche per noi che leggiamo. Bello intuire (e condividere anche, perché no) come la scrittura sia parte di noi, della nostra vita: espressione, voce, ricerca e viaggio. Ma non sia altro che questo. Che ci sia sempre e comunque molto altro da sperimentare e vivere; che ci sia altro, tanto altro a dare fiato, ad aprire gli occhi a sollecitare i sensi, a scorticare la pelle, a scrivere e incidere ricordi, emozioni, esperienze. Pagine altre. O semplicemente altre pagine. Grazie della condivisione. Si sente, sì, si sente eccome che è un bel momento questo, questa separazione, questo commiato, questa liberazione, questo girare un’altra volta pagina. Congratulazioni.

    Mi piace

  2. Amanda
    19/03/2017

    Buon viaggio a te e alla tua storia

    Mi piace

  3. Zio Scriba
    20/03/2017

    La mia settimana si apre con uno scopo che sovrasta tutti gli altri: fiondarmi in libreria a Varese per comprare questo Romanzo.
    In bocca al lupo a te e alla tua nuova creatura!! 🙂

    Mi piace

  4. countryzeb
    20/03/2017

    E allora salute! Congratulazioni, complimenti e un abbraccio.

    Mi piace

  5. massimiliano
    20/03/2017

    complimenti Paolo

    Mi piace

  6. lcomelibro
    23/03/2017

    Bravo Paolo! Ci vediamo domenica al Book Pride!

    Mi piace

  7. ili6
    24/03/2017

    Complimenti. Ho letto un bell’articolo sul Fatto Quotidiano di questa tua ultima fatica. Ho appena acquistato “Il signor Bovary”.

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/03/2017 da in La Passione secondo Matteo, Satura Lanx con tag , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.801 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: