Grafemi

Segni, parole, significato.

L’altra vita

[…] Durante la cerimonia Sara lesse una lunghissima promessa che probabilmente aveva scritto a tredici anni e che aveva tenuto da parte per quell’occasione. Pietro, costretto da qualcuno o mosso da spirito di emulazione, ne lesse una ancora più lunga in cui riuscì a citare Sant’Agostino, Madre Tersa di Calcutta, Cesare Pavese e Jovanotti; a metà fece casino con i fogli, invertendo l’ordine di due pagine, facendo scivolare la cerimonia in una piece teatrale di Beckett. Tra i presenti, alcuni si commossero quando Sara dovette bloccarsi per il groppo in gola: si fermava, provava a riprendere, di nuovo si fermava mentre Pietro le asciugava le lacrime con un fazzoletto di un metro quadrato; altri, più cinici, si sforzavano di trattenere le risa. Lui, che si era messo in una delle ultime file, vicino ai tedeschi, avrebbe voluto piangere per sentirsi vivo ma da qualche anno l’amore gli si era rivelato per quello che era: un divertimento biologico ampiamente sopravvalutato. Ora che il suo spirito vitale si era spento – non fino a morire: se ne stava disteso in qualche letto esistenziale, immobile, agonizzante, tormentato dalle piaghe da decubito – guardava il mondo con l’occhio asciutto di una telecamera di sorveglianza. Il velo che copriva il mondo si era levato, e ciò che ora vedeva oltre il consueto inganno, dietro le case, gli alberi e i colli, era il vuoto, il nulla. Sapeva di essere depresso; tuttavia rifiutava l’idea che essere depressi fosse una deformazione patologica del modo di relazionarsi con l’universo. La verità non gli era mai stata così chiara come negli ultimi anni. Si passava una buona parte della propria vita a credere di essere dentro a una qualche storia dove i fatti, le coincidenze, i legami e le scelte, erano gli elementi di un’allegoria dove ogni cosa assumeva un ruolo in stretta relazione con tutte le altre; ma bastava vedere le vite degli altri, dei vecchi che piagnucolavano per ogni evento inaspettato, delle mamme che continuavano a rinviare il momento in cui sarebbero state felici, dei padri che morivano di cancro o di cuore o di tristezza davanti alla scrivania che doveva essere provvisoria ma che con il tempo si era trasformata in una bara senza troppi fronzoli, bastava alzare la testa per capire che non c’era alcun mondo trascendente del quale il mondo contingente era espressione… Nel corso degli ultimi cinquecentomila anni il cervello dell’uomo si era sviluppato con un obiettivo ben preciso: consentire al suo proprietario di immaginare il futuro. Grazie al prodigioso fiorire della corteccia cingolata anteriore e di quella prefrontale media, grazie al precuneo, all’ippocampo e alla corteccia parietale laterale, gli uomini avevano imparato a costruire una metafora di se stessi, e a farla muovere nel tempo: eccomi mentre realizzo tutti i miei sogni, tra venti o trent’anni! E quelle fantasie erano diventate così vere, così nitide, da riuscire a scavalcare la realtà, a sostituirla. Dal punto di vista evolutivo, era un successo grandioso: nessun altro animale era disposto a sacrificare il presente senza ricevere in cambio un vantaggio concreto, qui e ora… La depressione era la liberazione dai sogni, dalla follia di crederli veri; un ritorno al cervello dell’australopiteco, con lo svantaggio di avere la certezza di morire. Avrebbe dato qualsiasi cosa per tornare a illudersi sulla propria vita.[…]

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/06/2017 da in L'altra vita, Satura Lanx, Sui miei libri con tag .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.880 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: