China girl, di Riccardo Fumagalli

La sfilza degli scrittori che a un certo punto della loro vita hanno deciso di cambiare lingua, di abbandonare quella che avevano imparato da bambini per passare a una imparata nel corso della vita, è lunga, e prestigiosa: l'irlandese Beckett, le cui commedie sono in francese, il ceco Kundera, che intorno agli anni novanta è... Continue Reading →

Annunci

Guasto – di Roberta Garavaglia

Ho letto il primo racconto di Roberta Garavaglia per caso: ero giurato di un concorso al quale avevano partecipato decine di concorrenti tra i quali c'era anche lei. Il racconto mi era piaciuto così tanto che ho chiesto agli organizzatori del concorso di mettermi in contatto con l'autrice che, sulla base delle informazioni che avevo... Continue Reading →

Quello che vedi tu – un racconto di Andrea Siviero

Primo maggio, festa dei lavoratori. Quando ero piccolo, a casa mia girava la copertina di un disco in cui c'era l'orologio del lavoratore: 8 ore per lavorare, 8 ore per studiare, 8 ore per dormire. Altri tempi, che onestamente un po' rimpiango: è finita la voglia di diventare persone migliori attraverso la conoscenza. Però io... Continue Reading →

Ti sto dicendo grazie – Daniele Campanari

Riprende, dopo un po' di tempo, la pubblicazione su Grafemi di racconti di altri autori. Nel caso specifico, sono rimasto estremamente colpito dalla qualità della scrittura di Daniele Campanari, e dalla bellezza di questo racconto: non faccio il talent scout (mi piacerebbe ma non ne ho il tempo), ma mi auguro che qualche editore in... Continue Reading →

Insonnie, di Elena Rui

Ogni epoca ha due o tre parole che la caratterizzano: l'ottocento era carbone e borhgesia, il primo novecento la velocità, il secondo consumismo ed edonismo. Il ventunesimo secolo è crisi e pornografia: non riesco a trovare nulla che descriva meglio, con più precisione, le nostre vite su Internet, i nostri lavori traballanti, l'evoluzione dei rapporti.... Continue Reading →

Bacio sporco – di Barbara Bedin

E' un po' di tempo che mi chiedo quando è stato fissato il primo lunedì. Esisteva già la settimana o l'hanno inventata in quel momento? Assomiglia al problema dell'uovo e della gallina: l'idea della settimana è venuta prima della necessità di decidere da quando partire, e d'altra parte quando è arrivato il momento di decidere... Continue Reading →

10 carte – un racconto di Massimiliano Righetto

Riprendono i contributi "esterni" del lunedì, che per un po' di tempo avevano arricchito questo blog. Oggi, un racconto di Massimiliano Righetto, autore padovano. Buona lettura! 10 carte Massimiliano Righetto Se esce il Re di Denari me ne vado a casa. Fante di Spade. Meglio, non avevo nessuna voglia di tornare a casa. “Finiscila di... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – Gli sconosciuti, di Ilaria Vajngerl

Ritorna l'inserto del lunedì con un racconto delicato e prezioso di Ilaria Vajngerl, giovane autrice veneta, che era stata già ospitata qui su Grafemi un po' di tempo fa. Buona lettura! Gli sconosciuti Ilaria Vajngerl Il deodorante col tappo blu che spruzza sotto le ascelle ogni mattina resiste solo un paio di ore. È mezzogiorno,... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – Il gioco del silenzio, di Daniele Trevisan

Questo inserto del lunedì prenatalizio offre un racconto di Daniele Trevisan, del quale qui, su Grafemi, era stato pubblicato La pioggia. Viene usata una tecnica sempre efficace, che consiste nel adottare il punto di vista di una persona mentalmente inferiore al lettore (al lettore medio, diciamo...), in modo che questo possa intuire una verità che al personaggio principale... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – due racconti di Ivana Mariotti

Ho conosciuto Ivana Mariotti circa un anno fa, e in questi mesi ho avuto l'occasione di leggere alcuni suoi racconti. Ci sono autori che scrivono fiumi di parole; altri, come Ivana, che scelgono il bulino. Con le sue storie rileva eventi microscopici, quasi impercettibili, che trascrive su carta come farebbe un collezionista di farfalle, attenta a non rovinare la... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – “Dillo a tutti” di Carlo Vanin

Dillo a tutti: non dovrebbe essere questo l'imperativo da rivolgere a ogni uomo politico? Ma se la richiesta risulta insolita, anche un uomo esperto come il Presidente può scegliere di rifiutarsi. Fino alle estreme conseguenze. Un racconto folle di Carlo Vanin - folle e rigoroso, come tutte le cose che scrive. E attenzione: a settembre... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – La pioggia, di Daniele Trevisan

Come si sentivano i cercatori d'oro quando trovavano una piccola pepita? Credo di saperlo. Da poco ho concluso una serie di incontri con dieci esseri umani i quali hanno deciso di confrontarsi sulla scrittura. Abbiamo passato insieme sei pomeriggi, tra novembre e maggio - panettoni, frittelle, colombe, fragole, prosecchi e trecce di pane. E setacciando con pazienza... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – Mamma, di Claudio Bagnasco

Riprende, dopo un periodo di riposo, l'inserto del lunedì: nelle prossime settimane la proposta sarà variegata e, spero, sempre interessante. Questa settimana, un racconto brevissimo e dirompente di Claudio Bagnasco, ligure di nascita e sardo di adozione, che ha pubblicato suoi racconti su Argonline (in questo momento il sito è in manutenzione) e sul sito Kontendi... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

Lumiere Racconti

Tutta la varietà, tutta la delizia, tutta la bellezza della vita è composta d’ombra e di luce. L. Tolstòj

XFOLTRIX PRODUCTION

Che la musica sia con te

Pensieri in patchwork

Come quelle coperte, formate da tante pezze colorate, cucite insieme tra loro. Tessuti diversi, di colore e materiale eterogeneo, uniti in un unico risultato finale: la coperta. Così il mio blog, fatto di tanti aspetti della vita quotidiana, sempre la mia.

alemarcotti

io e la mia vita con la sclerosi multipla

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

RdC: la rubrica del complimento

Mi prendo in giro da sempre. Perchè smettere proprio ora?

Settepazzi

Riflessioni sulla letteratura Latinoamericana di Antonio Panico

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: