Pochi secondi – di Andrea Guano

Ritorna, a distanza di qualche mese, la presenza, in questo blog, di un racconto ospite. Come sanno tutti quelli che leggono, non è semplice definire delle regole per valutare un racconto - forse per il semplice motivo che non ne esistono. Ci affidiamo allora a un sesto senso, o all'interpretazione di alcuni segnali inequivocabili che... Continue Reading →

La cena dei condomini – di Martina Manfrin

Tra i vari argomenti ricorrenti che tornano quando si parla di letteratura, di libri e autori, oltre al problema della giusta distanza del narratore dai suoi personaggi, la prevalenza della trama o quella dello stile e le d eufoniche - ci vanno o non ci vanno? - c'è sempre la questione dell'impegno sociale degli scrittori:... Continue Reading →

Corpi – Stefano Sgambati

Mi chiedevo quale potesse essere un buon modo per finire il 2018. All'inizio avevo pensato di regalare cento euro a tutti quelli che visitano questo blog, ma poi ho pensato che non si sa mai, magari proprio oggi qualche nuovo algoritmo di Google fa puntare il mondo a Grafemi, e io sono rovinato.Ho pensato anche... Continue Reading →

Due racconti di Chiara Ridolfi

In letteratura, non è difficile essere originali. La vera sfida è rendere l'originalità un elemento necessario del racconto. Quando succede, si prova quel piacere che si accompagna allo stupore - quello, per capirci, che fa spalancare la bocca ai bambini che assistono a un trucco di magia. Chiara Ridolfi, autrice padovana, ha questo particolare talento:... Continue Reading →

Dove finiscono i segreti, di Davide Coltri

Da qualche anno, la rivista "effe", curata da Flanerì, sta proponendo racconti di autori esordienti, che vengono affiancati da scrittori che hanno già pubblicato da qualche parte (tra i nomi, Tiziano Scarpa, Michele Vaccari, Luca Ricci, Paolo Cognetti, Demetrio Paolin e prossimamente anche Andrea Tarabbia). La selezione dei racconti degli esordienti è molto severa e... Continue Reading →

China girl, di Riccardo Righi

La sfilza degli scrittori che a un certo punto della loro vita hanno deciso di cambiare lingua, di abbandonare quella che avevano imparato da bambini per passare a una imparata nel corso della vita, è lunga, e prestigiosa: l'irlandese Beckett, le cui commedie sono in francese, il ceco Kundera, che intorno agli anni novanta è... Continue Reading →

Guasto – di Roberta Garavaglia

Ho letto il primo racconto di Roberta Garavaglia per caso: ero giurato di un concorso al quale avevano partecipato decine di concorrenti tra i quali c'era anche lei. Il racconto mi era piaciuto così tanto che ho chiesto agli organizzatori del concorso di mettermi in contatto con l'autrice che, sulla base delle informazioni che avevo... Continue Reading →

Quello che vedi tu – un racconto di Andrea Siviero

Primo maggio, festa dei lavoratori. Quando ero piccolo, a casa mia girava la copertina di un disco in cui c'era l'orologio del lavoratore: 8 ore per lavorare, 8 ore per studiare, 8 ore per dormire. Altri tempi, che onestamente un po' rimpiango: è finita la voglia di diventare persone migliori attraverso la conoscenza. Però io... Continue Reading →

Ti sto dicendo grazie – Daniele Campanari

Riprende, dopo un po' di tempo, la pubblicazione su Grafemi di racconti di altri autori. Nel caso specifico, sono rimasto estremamente colpito dalla qualità della scrittura di Daniele Campanari, e dalla bellezza di questo racconto: non faccio il talent scout (mi piacerebbe ma non ne ho il tempo), ma mi auguro che qualche editore in... Continue Reading →

Insonnie, di Elena Rui

Ogni epoca ha due o tre parole che la caratterizzano: l'ottocento era carbone e borhgesia, il primo novecento la velocità, il secondo consumismo ed edonismo. Il ventunesimo secolo è crisi e pornografia: non riesco a trovare nulla che descriva meglio, con più precisione, le nostre vite su Internet, i nostri lavori traballanti, l'evoluzione dei rapporti.... Continue Reading →

Bacio sporco – di Barbara Bedin

E' un po' di tempo che mi chiedo quando è stato fissato il primo lunedì. Esisteva già la settimana o l'hanno inventata in quel momento? Assomiglia al problema dell'uovo e della gallina: l'idea della settimana è venuta prima della necessità di decidere da quando partire, e d'altra parte quando è arrivato il momento di decidere... Continue Reading →

10 carte – un racconto di Massimiliano Righetto

Riprendono i contributi "esterni" del lunedì, che per un po' di tempo avevano arricchito questo blog. Oggi, un racconto di Massimiliano Righetto, autore padovano. Buona lettura! 10 carte Massimiliano Righetto Se esce il Re di Denari me ne vado a casa. Fante di Spade. Meglio, non avevo nessuna voglia di tornare a casa. “Finiscila di... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – Gli sconosciuti, di Ilaria Vajngerl

Ritorna l'inserto del lunedì con un racconto delicato e prezioso di Ilaria Vajngerl, giovane autrice veneta, che era stata già ospitata qui su Grafemi un po' di tempo fa. Buona lettura! Gli sconosciuti Ilaria Vajngerl Il deodorante col tappo blu che spruzza sotto le ascelle ogni mattina resiste solo un paio di ore. È mezzogiorno,... Continue Reading →

L’inserto del lunedì – Il gioco del silenzio, di Daniele Trevisan

Questo inserto del lunedì prenatalizio offre un racconto di Daniele Trevisan, del quale qui, su Grafemi, era stato pubblicato La pioggia. Viene usata una tecnica sempre efficace, che consiste nel adottare il punto di vista di una persona mentalmente inferiore al lettore (al lettore medio, diciamo...), in modo che questo possa intuire una verità che al personaggio principale... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Osborn Extravaganza

Tales from the life of the Osborns

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Terracqueo

MultaPaucis

IL BLOG DI FRANSISCA

poesie e racconti

La Voce dell'Outsider

There is always something to be thankful for in your life. Being alive is absolutely one of them!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: