Anna e François, di Elena Rui

Io ed Elena condividiamo lo stesso problema: entrambi scriviamo racconti nei quali il sesso, l'esperienza sessuale, il desiderio, l'ambiguità che qualche volta l'accompagna, il suo insinuarsi di soppiatto nelle vite delle persone, assumono un ruolo centrale. Ne parlavamo la settimana scorsa, a Torino, tra un caffè e una birretta, e ci domandavamo, ridendo: e di... Continue Reading →

Annunci
Featured post

Le sottili pareti del cuore

Una coppia un po' avanti con gli anni decide di cambiare casa. Quella in cui vivono, infatti, una villetta costruita all'inizio del novecento, presenta tutti i segni del tempo: tubature marce, impianto elettrico non a norma, cattivi odori che provengono dal bagno, e insetti che si infilano in tutte le stanze, topi in dispensa, tarli,... Continue Reading →

Chi non ama Virginia Woolf? – di Evelina Miteva

Sono molto felice, e orgoglioso, di ospitare su Grafemi il racconto di un'autrice bulgara nata in Lituania, Evelina Miteva - un'uscita qui in Italia che spero le porti tanta fortuna. Mi piace pensare che tra qualche anno ci saranno buoni motivi per ricordare questo momento! La traduzione è stata curata direttamente dall'autrice, che ha studiato... Continue Reading →

Ti sto dicendo grazie – Daniele Campanari

Riprende, dopo un po' di tempo, la pubblicazione su Grafemi di racconti di altri autori. Nel caso specifico, sono rimasto estremamente colpito dalla qualità della scrittura di Daniele Campanari, e dalla bellezza di questo racconto: non faccio il talent scout (mi piacerebbe ma non ne ho il tempo), ma mi auguro che qualche editore in... Continue Reading →

La moglie di sua moglie

Un raccontino per Carnevale! Buona lettura! Quando suo figlio lo aveva sorpreso in bagno con addosso un paio di collant e un reggiseno rosso di sua moglie, si era stupito di essere riuscito a dire “Carnevale!”, senza nemmeno bisogno di pensarci su, con una presenza di spirito che non aveva mai avuto. Il bambino aveva... Continue Reading →

Assestamenti

Credo che ognuno abbia un'idea di quale sia, da un punto di vista soggettivo, la cosa più triste del mondo - non sto parlando della più dolorosa né della più tragica: la tristezza può accompagnare eventi  minori, quasi minimi, ed essere gigantesca. La mia idea della cosa più triste del mondo si è formata in... Continue Reading →

Il giorno più bello della mia vita

Un raccontino estivo... Buona estate! Aveva smesso di piovere da meno di mezz'ora ma le strade erano ancora allagate – tombini occlusi e pompe in avaria, i soliti problemi di corruzione delle amministrazioni cittadine. Si avvicinò alla finestra dell'ufficio e guardò verso la fermata dove di solito aspettava l'autobus: si era formata una piccola folla... Continue Reading →

Insonnie, di Elena Rui

Ogni epoca ha due o tre parole che la caratterizzano: l'ottocento era carbone e borhgesia, il primo novecento la velocità, il secondo consumismo ed edonismo. Il ventunesimo secolo è crisi e pornografia: non riesco a trovare nulla che descriva meglio, con più precisione, le nostre vite su Internet, i nostri lavori traballanti, l'evoluzione dei rapporti.... Continue Reading →

10 carte – un racconto di Massimiliano Righetto

Riprendono i contributi "esterni" del lunedì, che per un po' di tempo avevano arricchito questo blog. Oggi, un racconto di Massimiliano Righetto, autore padovano. Buona lettura! 10 carte Massimiliano Righetto Se esce il Re di Denari me ne vado a casa. Fante di Spade. Meglio, non avevo nessuna voglia di tornare a casa. “Finiscila di... Continue Reading →

Entropia

Buon Natale a tutti! Il condominio era stato costruito nei primi anni sessanta, durante il boom edilizio che aveva accompagnato la migrazione in massa dalle campagne circostanti verso la città: tre piani sopra minuscoli garage progettati prima che fossero inventati i SUV, terrazzini davanti le cucine per sbattere le tovaglie, un piccolo giardino di ghiaia... Continue Reading →

Le oscillazioni umane

Ieri sera ho ripreso in mano, dopo tanto tempo, una raccolta di racconti di Cechov di più di mille pagine, un'edizione della BUR un po' datata nella traduzione ma che ogni volta mi dà grandi soddisfazioni. Ho iniziato, e in breve tempo finito, “Reparto n. 6”, la storia di un medico e dell'ospedale in cui... Continue Reading →

L’amore ai tempi dell’apocalisse

Scrivere non è difficile. Curare un'antologia, è di gran lunga più difficile. Parafrasando la chiusura di una delle più belle poesie di Majakovskij (per chi lo ama, consiglio “Il defunto odiava i pettegolezzi” di Serena Vitale, Adelphi edizioni, che ha annoiato l'amico Maraschi ma ha appassionato me), sento di dire un'innegabile verità. Tra qualche giorno,... Continue Reading →

PordenoneLegge 2015 – Fight Reading – Racconto #3

Terzo atto conclusivo del Fight Reading a PordenoneLegge del 2015, dove Marco Peano, Enrico Macioci e il sottoscritto ci siamo sfidati a colpi di racconti. Sogno Paolo Zardi Dimenticati che tutto quello che scrivi deve essere assolutamente vero. Nei romanzi basta che sia possibile. (non mi ricordo di chi è la frase! uno svedese, di... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Cartoline dalla Terra dei Libri

Leggo un libro, scrivo una cartolina

Tre racconti

Storie brevi e voci nuove

Episodi (abbastanza) brevi

Spero, credo, insomma.

Riccardo Fracassi

Non solo Fotografia

LUCY THE WOMBAT

I faced Death at a gig in Paris. Moved to Australia for a new life. With a wombat.

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: